Nota critica per una lettura serena

Nota critica:
Ai fini di una lettura serena,pacifica e spero divertente,vorrei premettere i seguenti punti:
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001."
. Cerco semplicemente di parlare di vari argomenti, prendendo ispirazione da esperienze personali e avvenimenti più o meno recenti che talvolta esulano dalla mia vita privata. Questo blog non nasce con fini offensivi verso persone,ideali o religioni, semplicemente generalizzo e condivido i miei pensieri. Le critiche costruttive e i consigli sono ben accetti. Grazie e Buona lettura.

31/08/12

Tanto gentile e tanto onesta pare...

La donna mia quand'ella altrui saluta...
Credici Dante. Rimani in questo limbo da ragazzotto innamorato. Mi sa proprio che hai preso una bella cantonata; questo mi permettere pure di capire il perchè ti ritrovi un tir al posto del naso. A furia di sbattere contro le vetrate delle chiese per guardare la Bea t'è diventato peggio del naso di un pugile. Vuoi che ti dia il numero di qualche bravo chirurgo plastico o preferisci soffrire un'altro po' sotto gli esperti denti di Tyson? 
Oh Dante arrivaci. La tua Beatrice non è sto stinco di santo che vai decantando. Per prima cosa non ti calcola nemmeno di striscio. E dire che l'hai resa immortale grazie ai tuoi sonetti. In più mi sa di una con la puzza sotto il naso e,dato il secolo in cui vivete (dove la pulizia personale è un optional),non è giustificabile:dovrebbe esserne avvezza. Lei,secondo me,è capace di dirti <<Sì,ci vediamo in centro per un aperitivo alle otto.>> e poi lasciarti lì a far la muffa aspettandola. Bea si vuol fare desiderare e tu,che sei la star del '300,sei proprio un pirla nel voler lei e soltanto lei. Ma cercati qualche bella damina tua fans....
Comunque: se c'è un'altra cosa che può confutare la mia tesi è proprio il clima di questi giorni. Dopo circa tre mesi a sentir parlare di Cerbero,Lucifero,Minosse e compagnia bella,siam passati dall'Inferno dantesco al Paradiso senza passare dal via...o dal Purgatorio,per esser più corretti. E chi potevamo trovarci in paradiso se non quella furbastra di Beatrice? <<Come Beatrice aiuta e solleva lo spirito di Dante nel lungo viaggio verso i cieli del Paradiso,così questa corrente d'aria fredda ci solleverà dai lunghi giorni di caldo...>>. Sì. E com'è che stiamo ancora boccheggiando a più non posso? Tralasciando qualche acquazzone in nord Italia,che ha fatto più danno che altro, non noto nessuna differenza climatica.
Bea c'ha fatto il pacco come suo solito. Doveva fare la ministra, mica la donna schermo.
<<Ma ecco che ci giunge notizia dell'arrivo di Poppea!>>. 
Poppea?? 'Ndo stà Poppea nella Divina Commedia??? Ma avete presente chi era Poppea? Poppy è diventata uno status simbol per definire le donne prosperose...proprio come Pippa,che adesso è solo un culo fasciato di seta e non un passatempo prettamente maschile. Ma chiamatela Francesca o Pia dei Tolomei se volete rimanere in tema di DC. E poi Poppea fa pensare al peggio: con quei seni che si ritrova allagherà mezza Italia. Oppure,visto che nell'immaginario collettivo è leggermente scostumata,si può ipotizzare un'aumento delle temperature,mica una dolce brezza autunnale.Secondo me era meglio Francesca da Polenta,il cui cognome è una garanzia per indicare l'inizio dell'inverno. Già mi immagino i negozianti intenti a imbottire i reggiseni dei manichini con i ricci di castagne per raffigurare l'arrivo del freddo poppeoso; piumoni,stivali di gomma con il tacco dodici per la pioggia,minigonne di pura lana che ti fan venire l'orticaria...e poi? E poi magari Poppea,che sarà pure un po' lunatica,al massimo farà cadere quattro gocce d'acqua. Di giorno l'afa e di notte il gelo come nel deserto,giusto per iniziare la stagione autunnale con un bel raffreddore. Sapete chi sono le uniche vere testimoni di un'eventuale cambiamento climatico? LE ZANZARE. Finchè continueranno a far pernacchie vicino le nostre orecchie mentre dormiamo vuole dire che per il freddo c'è ancora tempo. Tranne se si son munite di cappotto e guanti;allora sì che son guai.

2 commenti:

  1. Nel bel posto dove vivo io, è due giorni che piove e ci sono 17 gradi. Voglio il sole e il caldo!!!!

    RispondiElimina
  2. meglio non farmi parlare perchè di questi nomi non se ne può più! i meteorologi seri non esistono più...ormai sembra tutta una finzione! Mah! Lasciamo pure scrivere la divina commedia ai meteorologi: chissà magari dietro la loro vita si nasconde un piccolo Dante!
    Quì è piovuto un po' stamattina, guarda caso quando sono andata a rifarmi il mio momoso colore rosso <3 che tempismo Beatrice... ma direi soprattutto..che stronza!! :D un bacione momoso cara Gef

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...