Nota critica per una lettura serena

Nota critica:
Ai fini di una lettura serena,pacifica e spero divertente,vorrei premettere i seguenti punti:
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001."
. Cerco semplicemente di parlare di vari argomenti, prendendo ispirazione da esperienze personali e avvenimenti più o meno recenti che talvolta esulano dalla mia vita privata. Questo blog non nasce con fini offensivi verso persone,ideali o religioni, semplicemente generalizzo e condivido i miei pensieri. Le critiche costruttive e i consigli sono ben accetti. Grazie e Buona lettura.

04/09/12

Ogni lasciata è felicemente persa

"Settembre,tu m'hai lasciato con un messaggio e io non ho detto niente,le cose giuste non han un gran  bisogno di parole..."

Non han bisogno di parole? Hai ragione: han bisogno di sonori calci.

Lasciare ed esser lasciati. Stesso verbo,due situazioni ben distinte.

Quando si è innamorati persi,c'è chi non pensa mai all'eventualità che tutto ciò possa finire,e c'è chi invece ci pensa ancor prima di concedersi al proprio moroso. Perchè tutte nella vita siam state lasciate e abbiamo lasciato qualcuno. Rientra nella ricerca del partner ideale o che quanto meno ci si avvicini.

Ma che succede quando ci si lascia? Intanto mettiamo in chiaro una cosa: è matematicamente impossibile che ci si lasci di comune accordo. Non è che una mattina Lui&Lei si svegliano,si guardano negli occhi e dicono all'unisono " è finita.". Più che altro si può dire che uno è seriamente deciso e l'altro è ancora troppo disperatamente innamorato per rendersi conto di ciò che sta succedendo.
Quando ci si lascia c'è solo ed esclusivamente una persona che non prova più niente e una che prova ancora qualcosa. L'unico problema sta nel capire in quale dei due ruoli si è finiti. Perchè un conto è che sei tu a lasciare lui,mentre un altro è che lui lasci te.
Sì perchè noi donne,figlie legittime delle grandi eroine dei romanzi,nel momento in cui c'accorgiamo che quel bel principe azzurro di cui eravamo follemente innamorate sta sbiadendo al sole,organizziamo tutto:
il luogo dell'addio,il vestiario,l'espressione facciale,il tono di voce....prepariamo pure un discorso degno di un intervento all'ONU. Siamo consapevoli del grandissimo dolore che stiamo per arrecare e,sebbene non proviamo più nulla per lui,ci sembra comunque corretto lasciarsi nei migliori dei modi. Magari passando pure dalla parte della povera vittima. Così,organizzato il tutto in maniera perfetta,si passa all'azione;per prima cosa gli si invia un sms privo di vezzeggiativi,punti esclamativi,smile e compagnia bella. Un chiaro e tondo "ti devo parlare. Hai cinque minuti?". Che se il nostro fidanzato non è cretino,già ha idea del perchè vogliamo vederlo. Successivamente,in un luogo tranquillo,magari al pian terreno o lontano da acqua corrente (metti che si voglia buttare giù o annegare per la disperazione),con aria afflitta lo si fa gentilmente accomodare. E qui inizia il patos. 
<<Sai,è da un paio di giorni che ci penso....vedi,non è colpa tua,è colpa mia...ho capito tardi che non siam fatti per stare insieme. Tu mangi la minestra con la forchetta e io con il cucchiaio. Non possiamo andare avanti così. Ma non voglio darti alcuna colpa,sei un ragazzo splendido,dolcissimo e meriti di trovare un giorno qualcuna che ti ami davvero così come sei. Non vorrei neanche dirlo,mi viene da (singhiozzo) piangere pensando a queste parole ma....è per il nostro bene...è finita. Tieni,ti torno pure i regali che m'hai fatto...ecco la maglietta che m'hai comprato a Capri e il tagliaunghie a forma di fenicottero...>> pianti,abbracci,labbro tremulo e porta chiusa. Lui se n'è andato con il cuore in mille pezzi e un tagliaunghie orribile,più la certezza che rimarrete comunque amici (perchè lei vuole realmente rimanere sua amica).
Se invece è lui a lasciare te,la situazione è ben diversa. Intanto il nostro Premiere manzo non si fa molti scrupoli di coscienza: lo dice e basta. Il problema è come lo dice. Generalmente? Via telefono o internet. Io per esempio, una volta son stata mollata via MSN. Patetico che più patetico non si può, dato che mentre gli chiedevo disperatamente il perchè lui cambiava l'immagine profilo per metterci DelPiero. Oppure via sms,così la Vodafone ti disattiva in automatico la You&me. In più,e questo vale per i più stronzi,dopo nemmeno venti minuti dalla lieta novella si fan vivi. E tu,che sei ancora lì in una valle di rimmel e lacrime,ti convinci che si sia pentito. Illusa. Vuole solo tornata indietro la felpa di SouthPark che t'ha prestato a Ferragosto e il suo auricolare. Alcuni vogliono pure tornati i regali fatti durante le feste comandate.
Talvolta capita pure che decidano di girarci intorno sparando frasi insensate come: "ti lascio perchè ti amo troppo","non mi meriti" e (questa è stata detta a me!) "ti lascio perchè mia madre dice che son troppo giovane per una storia seria e che magari più in là troverò qualcun'altra". Peccato che in quei momenti siamo troppo sconvolte per dare le risposte che si meritano questi esempi di garbo e tatto. Sarebbe bello poter avere un'App sul proprio telefonino che si attivi in questi istanti di puro romanticismo da telenovelas. Che ne so,metti che ti dica: "ti lascio perchè ho capito che non ti amo ma TI AMO DI BENE". L'App fa un bip e appare questa scritta:
"Mi lasci perchè non mi ami ma MI AMI DI BENE? E se mi amavi di male che facevi? Mi facevi strangolare con le marshmallow? Allora io non ti prendo a schiaffi perchè MI FAI SCHIFO DI BENE,ok?". 
Il "Ritorno alla zitellagine" è perciò nel pieno della sua trama. Se hai lasciato non ci son problemi. Se sei stata lasciata inizieranno le varie fasi tipiche della situazione:  
disperazione,negazione,autoaccuse infondate,tentativi di fargli cambiare idea perdendo la dignità e l'amor proprio,rottura di scatole alle amiche.... finchè un giorno,svegliandoti senza una lacrima,t'accorgerai che non te ne frega più niente di uno come lui. Ti convincerai che è stato lui a perderci e non tu;che era meglio accorgersi prima di quanto fosse idiota e non buttare nel cesso mesi e mesi della tua vita. Ma soprattutto capirai che la vita  è bella,il mare pieno di pesci gustosi e che quella carpa lì del tuo ex era solo una palla di piombo attaccata alle tue ali.  Diceva mia nonna "prima di trovare il vero amore si deve mangiare sette pugni di sale.";tieni bene il conto e non mollare,prima o poi troverai il dolce frutto dell'amor!

1 commento:

  1. Allora ne ho ancora di strada da fare se devo mangiare sette pungi di sale... XD

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...