14/12/12

I ragazzi che limonano

"I ragazzi che si amano si baciano in piedi contro le porte della notte...." diceva Jacques Prèvert.
Oggi invece i ragazzi limonano. Nei bagni delle scuole,sulle scale anti-incendio,sui mezzi pubblici,al cinema....detta in siciliano "unni iè ghiè" (dovunque). E fin qui nulla di strano,no? 
Poche sere fa,infatti,portando fuori il cane pur avendo le dita della stessa consistenza dei bastoncini Findus, ho trovato una giovane coppietta intenta a baciarsi sulla panchina meno illuminata della villetta. 
<<Guarda amore,come sono teneri....>>
<<Sì,vedo....ma...il cane ha fatto la cacca?>>
<<E che ne so io,sto guardando loro...>>
<<Smettila o ti prendono per una maniaca!>>
Effettivamente non era facile distogliere lo sguardo, anche perchè il cane li aveva puntati e voleva andare a dar loro una annusatina. Ad un certo punto,però,ho pensato una cosa: ma è così romantico limonare circondati da cacche di cani? Non è un pelo più bello baciarsi in auto? <<Perchè,tu non hai mai fatto così?>> ha risposto il mio cervello. Ebbene sì,anch'io ho baciato in luoghi poco consoni a quel momento di puro "romanticismo" in cui qualcuno è riuscito a farmi battere il cuore. Dunque,dando fondo alla mia memoria,ho riassunto i vari tipi di bacio e i vari luoghi in cui son accaduti. 

-Il primo bacio: è stato con qualcuno "già esperto nel settore". E io,povera anima immacolata,non sapevo cosa fare poichè avevo baciato a stampo solo il mio cuginetto quando avevo due anni. Così,cercando di immedesimarmi in qualche eroina dei cartoni animati,mi son ritrovata con il labbro a culo di gallina,serrato come se avessi usato l'Attak al posto del burro di cacao...mentre lui cercava di infilare la lingua in tutti i modi. 

-Il bacio alla francese: finalmente capito che anche la lingua entra nel folle gioco dello scambio di microbi&saliva,incominciai ad usarla. All'inizio quasi per sbaglio usando la sola punta come se stessi bussando sui suoi denti;successivamente,dopo vari consigli da parte delle amiche "esperte",riuscì a farla danzare come si deve. 

-Il bacio del dentista francese: no,non parlo di un mènage con un odontoiatra di origini francesi. Qui si parla di quel bacio in cui la sua cotoletta  lingua ha "teneramente" controllato tutti e 32 i miei denti onde trovare otturazioni e carie. Solo toccando le mie tonsille e sentendo che stavo per vomitare capì di essersi spinto oltre.

-Il bacio con tamponamento: ora,non so se fu la foga del momento,ma più che le nostre labbra si unirono i nostri denti. I nostri incisivi faceva cin cin manco fosse il cenone di capodanno. Nei momenti in cui i nostri sorrisi non collidevano,mordeva "per sbaglio" la mia lingua. Che fosse un messaggio subliminale per dirmi che son  sempre stata troppo logorroica? 

-Il bacio cinofilo: se avessi baciato uno di quei cani che sbavano in continuazione forse sarei stata più asciutta. Ma non si dice che per l'emozione si secca la bocca? E allora da dove viene questo tsunami di saliva??? Per la cronaca: riuscì anche ad attaccarmi al palato la sua gomma da masticare. Schifucheschifus.

-Il bacio del buco nero: non son stata baciata ma risucchiata. Poco ci mancasse che mi staccasse lingua,labbra,naso e baffetti alla Frida Kahlo neoadolescente. Solo allora capì perchè si dice "limonare";a fine amplesso avevo la stessa espressione di una che aveva appena leccato un limone acerbo.

E per quanto riguarda i luoghi? Son stati gli stessi citati ad inizio post salvo i bagni (che non profuman certo di mughetto) più un bacio in acqua alla "Sapore di sale,sapore di mare e olio Johnson Baby". Ma il bacio più bello è stato

-Il bacio che ti fa alzare il piedino: avete presente quello immortalato da Alfred Eisenstaedt a Time Square? Quello tra il marinaio e l'infermiera? Ecco.
Niente esagerazione,iper-salivazione,risucchio e niente controllo dell'arcata dentale. Fu un bacio appassionato in cui lui,in una bella giornata di gennaio, m'ha cinta a sè guardandomi negli occhi dopo una lunga camminata sulla spiaggia. Un bacio cercato più volte con i gesti e le parole,mentre il mare ci inebriava i sensi già così attivi.....e un cavallo lasciava dietro di sè l'impronta dei suoi zoccoli e qualche "piccolo" stronzetto di cacca.


No,non posso criticare la coppietta della villetta.

4 commenti:

  1. Spesso quando si diventa grandi ci si dimentica com'era essere ragazzini con gli ormoni a palla e la voglia di baciarsi ovunque :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema Chica è che io non son così tanto grande,il mio esser "ragazzina" risale solo a 7 anni fa =°° Più che altro forse è che ormai,dopo 4anni con lo stesso ragazzo,certi momenti vengon surclassati da ben altri :)

      oddio..mi sento mia madre..... =°°

      Elimina
  2. L'istinto baciereccio quando arriva arriva, c'è poco da fare... Io ed A. andavamo a sbaciucchiarsi in una sorta di lungomare con panchine e aiuole di Paesello, poco illuminato che sembrava il posto più romantico del mondo...non c'avevo mai pensato, ma effettivamente anche lì è sempre pieno di cacche di cane!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero,quando arriva non lo si può fermare...però non riesco ad associare al bacio l'odore di sterco di cavallo xD

      Elimina

Post Simili

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...