Nota critica per una lettura serena

Nota critica:
Ai fini di una lettura serena, pacifica e spero divertente,vorrei premettere i seguenti punti:
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001."
.Cerco semplicemente di parlare di vari argomenti, prendendo ispirazione da esperienze personali e avvenimenti più o meno recenti che talvolta esulano dalla mia vita privata. Questo blog non nasce con fini offensivi verso persone, ideali o religioni; semplicemente generalizzo e condivido i miei pensieri. Grazie e Buona lettura.

23/02/13

Sua figlia è intelligente,ma si sente comunista!

A pochi giorni dalle elezioni,mi ritorna alla mente un episodio che mi accadde a 14 anni.
Frequentando un liceo in cui la prof più giovane aveva l'età di mia nonna,capitava spesso di imbattersi in discussioni politiche degne delle rivoluzioni sessantottine; dai nostalgici dei tempi andati fino ai cambia bandiera che vantavano uno schieramento con ogni partito esistente,il dibattito diventava uno sfogo giornaliero in cui si arrivava sempre alle parole pesanti o alla minaccia di lanciare una sedia. E come si svolgevano questi incontri non scolastici? In base al gruppo riunitosi nella discussione (singola classe o intero istituto),succedevano più o meno sempre le stesse cose.
I compagni filoberlusconiani per osmosi paterna accampavano ideologie e ipotesi di un futuro roseo senza sentir ragioni da chi invece li contestava; i  giovani filocomunisti/di sinistra chiedevano sempre manifestazioni e libertà di parola sventolavando dei simboli di cui non sapevano il significato,mentre in alcuni momenti non si capiva più chi fosse lo studente e chi l'insegnante date le parolacce che volavano. Alla faccia della "scuola pubblica apolitica e laica".
Ma il pezzo forte fu quando,a 14 anni e durante un incontro scuola-famiglia,mi ritrovai a discutere di politica.

<<M'han detto che sei comunista.>>
Prego? 
<<Sì,sei comunista perchè odi Berlusconi.>>
Ah,credevo perchè ho il vizio di mangiare bambini.
<<Quello lo fanno i comunisti cinesi. Che lavoro fa tuo padre?>>
il medico. 
<<E non ti vergogni di essere comunista? Sei del ceto medio-borghese,vesti elegante e hai i soldi. Dovresti votare Berlusconi.>>
elegante io? Solo perchè una sera all'anno metto la gonna? Scusa, che lavoro medio-borghese vi permette d'avere cibo a casa?
<<L'esser autista di un noto politico di destra. Il dottor. X.>>
Mai sentito. Quindi,a quanto sostieni,svolgendo un lavoro non del tutto "medio-borghese",dovresti essere un comunista amante del proletariato.
<<Giammai! Nella mia famiglia siamo di destra da generazioni! E' grazie a uomini come lui (indica la spilla di Forza Italia) che viviamo come dei signori a testa alta! E dimmi.....se sei comunista perchè non hai i rasta?>>
Perchè mi vengono i nodi. E perchè son di sinistra,non rastafariana.
<<Tuo padre non si vergogna di quello che dici?>>
No,perchè anche mio padre è di sinistra.
<<Allora è un medico senza pazienti.>>
Infatti ieri era in sala operatoria a suturare il lettino.
<<E tua madre?>>
Mia madre è un'insegnante.
<<Di sinistra?>>
Sì.
<<Poveri i suoi alunni....>>
son tutti sani e felici. Il più grande avrà si e no 5 anni e pensa solo ai Pokemon.
<<Non affiderei mai un bambino ad un'insegnante di sinistra!>>
Allora portiamo avanti l'ignoranza e l'abbandono scolastico onde evitare turbe politiche.
<<Parli bene per essere una di sinistra! Non è che lo dici solo perchè è di moda?>>
Ho 14 anni e,se devo parlare di moda,al massimo posso dilungarmi sulla scomodità o meno delle scarpe Fornarina.
<<Lo vedi? Conosci le migliori marche,sei di destra ma non lo vuoi ammettere.>>
Ancora.....ma cosa cambia se son di sinistra o di destra?
<<Ma se sei comunista ti fai le canne?>>
No.
<<I comunisti le fanno.>>
..........Allora,mio caro signor Y,dato che ha così tanto tempo da perdere con una ragazzina coetanea di suo figlio,vorrei farle sapere che no,non mi faccio le canne (pur essendo di sinistra) perchè tutta la roba buona la compra suo figlio per sballarsi a ricreazione!Ed essendo lui così coscienzioso da avvertire il padre dell'essere soggetto alla dura vicinanza con un "nemico" della mia portata,stando ai luoghi comuni si farà di cocaina per reggere il ritmo!

Due giorni dopo:
<<Lo sai che oggi ho visitato il padre di un tuo compagno di classe?>>
Chi? Spero nulla di grave però....
<<Il padre del tuo compagno Y. Dice che all'incontro scuola-famiglia avete parlato un pochino mentre tua mamma e sua moglie erano in fila per incontrare la prof di latino.>>
Sì,è vero....
<<Sai che m'ha detto? Che sei intelligente,però ti senti comunista!>>
E tu cosa gli hai detto?
<<Solo che quando sei nata,dato il tuo peso,volevo farti al forno con le patate ma tua mamma non voleva e ora ti devo sopportare così!>>
Sei un grande papà!

4 commenti:

  1. ahahahahaha...tuo padre è appena diventato il mio mito!!!Anche tu però...'ndo vai se i rasta e le canne non ce li hai???Se fossi in te, per essere più credibile comprerei anche la maglietta del Che e terrei la biografia di Stalin tascabile a portata di mano!:D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No,più che Stalin preferisco il libro rosso di Mao! XD Comunque devo fare coming out! Un rasta l'ho avuto......dopo la permanente xD Che dolore quei nodi :S

      Elimina
  2. ahahahah era infarcito di pregiudizi questo signor Y!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Moltissimo! Ma da quel giorno in poi,devo ammettere,non volle più toccare il tasto "politica" con me :D

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...