Nota critica per una lettura serena

Nota critica:
Ai fini di una lettura serena,pacifica e spero divertente,vorrei premettere i seguenti punti:
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001."
. Cerco semplicemente di parlare di vari argomenti, prendendo ispirazione da esperienze personali e avvenimenti più o meno recenti che talvolta esulano dalla mia vita privata. Questo blog non nasce con fini offensivi verso persone,ideali o religioni, semplicemente generalizzo e condivido i miei pensieri. Le critiche costruttive e i consigli sono ben accetti. Grazie e Buona lettura.

31/03/13

Accozzaglia di cose

Buona Pasqua! Siete pronti per le mangiate? Per le gite fuori porta? E per aprire le uova? Io ne ho già aperto uno...perchè ne ho ricevuto solo uno! E va behhhh,lo fanno per la mia linea da fotomodella Elena Mirò.
Ma,e il titolo può aiutare a comprendere quanto verrà scritto,gli argomenti di oggi son tanti. Tantissimi. Tanto quanto tanto (cit.tratta da un'affermazione della mia cuginetta).
Partiamo perciò dalla giornata odierna;fra cambio dell'ora (c'hanno levato un' ora di sonno!) e messe cantante,il mio pensiero è volato verso altri lidi. In primis,i due recenti lutti nel mondo della musica: Califano e Jannacci. Il giorno con la notte,Roma con Milano,la famiglia con la bella vita. Eppure,pur essendo stati così diversi,son riusciti a scrivere bellissime canzoni che rimarranno nei ricordi di tutti. Successivamente,rimanendo in tema di "scomparse famose" ,son riemersi dei ricordi carichi di nostalgia (e non fatemi sentire vecchia dicendo che non conoscete il personaggio di cui sto per parlare) incentrati su un'unica figura: Fantaghirò. Da quando sono nata,non c'era un Natale o una Pasqua senza Alessandra Martines e il suo taglio di capelli fatto con la ciotola per i cereali. Romualdo,Cataldo,Ivaldo,le sorelle,la Strega Bianca....erano sempre lì con quelle avventure fiabesche e le morali significative. Poi,di colpo,non li hanno trasmessi più. Perchè??! Riprendetevi Yu-Gi-Ooh e tornatemi l'oca parlante!!
<<Ma hai quasi 30 anni,e cresci un poco....>>
No,non posso crescere. Non dopo una serata passata parlando dei giocattoli della nostra infanzia. Non dopo aver sfidato su Ruzzle il proprio professore di latino (italiano,greco,etc etc.) del liceo. Non dopo aver raccontato aneddoti e riso come bambini pestiferi.
Ecco,parliamo di un altro argomento abbastanza importante che riprende le ultime affermazioni. 
COME COMPORTARSI A CASA ALTRUI QUANDO NON CONOSCI I GENITORI DI CHI TI HA INVITATO.
Che Della Casa non si rivolti nella tomba per quanto scriverò.

1) MAI ridere mentre si stan mangiando le patatine,soprattutto quelle che si attaccano alle gengive e ti costringono a lavorare di mignolo per staccarle. Credetemi,non fatelo o rischierete di sputare il resto del vostro bolo sulla giacca nuova del padrone di casa. Idem se si sta bevendo qualcosa. Potreste lavargli le tende senza che vi sia stato richiesto.

2) Raccontare aneddoti divertenti o fare battute? Dipende. Dipende se sono esilaranti solo per voi,se possono farvi apparire come dei cretini, se possono includere persone che sono imparentate con i presenti o,peggio ancora,che possono non essere abbastanza chiari. Se non si conoscono bene le altre persone,se si è emozionati o si ha caldo,è bene tacere. E ve lo dice una che ha risposto così alla scherzosa affermazione "il tuo ragazzo è un dongiovanni":
<<Ehh beh,lui sarà pure un dongiovanni,ma non sapete cosa sono io!>> cosa sono? Una cretina. Perchè quello che realmente volevo dire era che "ho spie disseminate ovunque lui vada e so tutto quello che fa",non di certo che "sono il corrispettivo femminile del dongiovanni". 

3) Alcolici? Sì,ma con moderazione,soprattutto in presenza di genitori altrui. Per quanto una persona riesca a reggere l'alcool con tutte e due le mani o con il fegato non del tutto spappolato,tre bicchieri di vino (colmi fino all'orlo) possono far pensare male. Specialmente se si soffre di una leggera forma di couperose che sfoga sulle guance con i cambi climatici repentini;all'atto delle cose sembra di tutt'altra origine.

Infine....
<<Sai, lei ha un blog e ho letto qualche suo testo...è molto brava...>> (non sono proprio le parole che sono state utilizzate)
No,a parlare non era uno/a degli/lle invitati/e "conoscitori" del blog grazie ad amici comuni. E' stata la padrona di casa. Con gentilezza,un grande sorriso e tanti complimenti mentre a me cadeva la faccia a terra.
Io:<< A.,tua mamma ha letto tutto?>>
<<Sì,gran parte...>>
<<Ma tutto tutto? Anche le parolacce?!>>
 Ecco la quarta regola del galateo "Della Casa di Geffer":
MAI SCRIVERE SCONCERIE SE IL TUO BLOG LO LEGGE ANCHE LA MADRE DI UN TUO AMICO.
E con questo delirio,vi auguro buone vacanze!

4 commenti:

  1. ahahaha!buone vacanze anche a te :D
    Che madre tecnologica il tuo amico però! A. un giorno mi ha chiesto "ma dato che non posso leggerlo io, posso dirlo a mia mamma del tuo blog?" Sì A. come no, farà i salti di gioia sapendo che sputtano suo figlio su internet settimanalmente!No no...preferisco che chi mi conosce ne ignori l'esistenza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio o.O No,la suocera "follower" no! Tremendo!!!! Ti auguro che questa sua malsana idea sia già stata dimenticata! Io,per fortuna,ho la suocera "anti-computer" quindi questo rischio non dovrei correrlo...però,dopo questo episodio che ho raccontato cercherò di esser ancora più vaga :D

      Elimina
  2. Ciao, avrei bisogno di scriverti un messaggio in privato ma non riesco a trovare il modo sul tuo blog, spero che mi indicherai il modo.
    Arianna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao,se vuoi contattarmi puoi farlo tramite twitter o la pagina facebook del blog!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...