Nota critica per una lettura serena

Nota critica:
Ai fini di una lettura serena, pacifica e spero divertente,vorrei premettere i seguenti punti:
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001."
.Cerco semplicemente di parlare di vari argomenti, prendendo ispirazione da esperienze personali e avvenimenti più o meno recenti che talvolta esulano dalla mia vita privata. Questo blog non nasce con fini offensivi verso persone, ideali o religioni; semplicemente generalizzo e condivido i miei pensieri. Grazie e Buona lettura.

24/03/13

Facebook e Twitter son...

Sono delle piattaforme. Dei social network, dei mali che ci tengono ore e ore incollati su una sedia senza concludere nulla,dei passatempi,delle innovazioni fantastiche e tutto quello che volete voi.Non posso darvi torto...ma,non sono solo questo.
In che senso?
Facebook e Twitter sono l'esempio informatico dei metodi relazionali reali.
Perchè ci si può scambiare i pensieri e le informazioni? Anche...
Perchè si può essere sé stessi o quello che non si è senza alcuna remora? Fuocherello....
Il vero motivo è che Fb è donna mentre Twitter è uomo.
<<Solo tu riesci a dare una sessualità a dei siti....>>
Che ci posso fare,mi piace sparare cazzate a sfondo sessuale,sessista,sessomane e sassofonico. No,l'ultimo non c'entra.
Come mai mi permetto di fare ciò? Beh,stando a gli ultimi aggiornamenti e a ciò che vedo in entrambe le piattaforme,la considerazione che vado a proporvi non mi pare poi così assurda.
Facebook è una donna fatta e finita:
è nevrotica,egocentrica,manipolatrice,logorroica e pettegola. E lo dico come donna.
Infatti,grazie a Fb,tutti possono sapere quanti peli nel naso hanno gli altri iscritti;tra foto,tag,note e condivisioni,quella che un tempo era la piazza adesso è la homepage bianca e blu (quest'ultimo colore pare sia stato scelto perchè "ipnotizzi" gli iscritti costringendoli a stare sempre collegati). Di tanto in tanto però,complice una cadenza mensile,Fb impazzisce bloccando la chat,costringendo così le persone a parlare tramite gli stati che possono ben superare un certo numero di parole, proprio perchè l'importante non è il succo del discorso ma la prolissità che ci tiene incollati allo schermo. Oppure,per ingannare il tempo senza chat,si può optare per le milioni di pagine presenti o con i vari giochini (e fateci caso,son quasi tutti dedicati più alle donne che a gli uomini. Tra giochi gestionali e di moda,la mia considerazione non è poi così sbagliata). Insomma,Facebook permette di far trascorrere le giornate senza combinare nulla di produttivo sotto qualsiasi aspetto e,proprio in merito a quest'ultima parola,come una qualsiasi donna cambia spesso e sovente la sua "forma". Noi donne vere cambiamo taglio di capelli e facciamo shopping? Faccialibro cambia le impostazioni,il layout e altre trecento cose. E chissà perchè,ma quelli che più si rincoglioniscono a tali modifiche son proprio uomini.
Discorso diverso per il suo antagonista/compagno.
Twitter è un uomo.
Un poco metrosexsual,un poco rude,un poco "bello e dannato". 
Se,da un lato,permette a tutti di impostare lo sfondo che più piace (della serie "fai quello che vuoi basta che non mi rompi le balle"),dall'altro predilige la sintesi;hai solo 140 caratteri per esprimere i tuoi pensieri e gli spazi tra una parola e l'altra sono compresi nel prezzo,quindi vai subito al sodo senza troppi giri di parole. 
Da bravo uomo,il cinguettio non prevede distrazioni: niente foto (salvo alcuni casi) da condividere,niente videogiochi,niente mi piace....la praticità è il suo mantra,oltre ad un pizzico di vena anarchica e/o politica. Esiste pure una sottospecie di chat (le email o messaggi privati) ma viene spesso snobbata proprio perchè tutto si incentra su quel poco spazio a disposizione per il dialogo. E,a differenza di Fb,non cambia quasi mai le impostazioni.
In più ha come simbolo un uccellino. Devo aggiungere altro?

Perciò,stando così le cose,ognuno di noi può scegliere il metodo di comunicazione virtuale che più ci aggrada;vuoi far sapere a tutto il globo internettiano chi sei? Vai su Fb dove puoi raccontare tutta la tua vita. Vuoi mantenere un alone di mistero? Buttati su Twitter dove puoi celarti dietro frasi sibilline.
Eppure,c'è chi riesce ad unire entrambi i social network;grazie alle applicazioni esistenti,è possibile pubblicare qualcosa su uno dei due in modo che appaia anche nell'altro. Quindi,in parole povere,per quanto uno sia "donna" e l'altro "uomo",noi esseri umani siamo l'agenzia "matrimoniale" che li rende completi. 
Chissà,se un giorno,ci scapperà pure un figlio!

6 commenti:

  1. Ebbè, allora sono gay: non ho FB (lo sai, lo schifo!) e sono da circa 2 anni su Twitter.
    Twitter non è necessario, anzi.
    E' futile, se non esistesse non ne sentirei la mancanza, ma ti dico che tre o quattro persone le vorrei contattare diversamente.

    Però twitter ti aiuta molto ad essere sintetico (ha aiutato anche me nella stesura dei post del mio blog!), inoltre puoi parlare di un evento (grande o piccolo) in contemporanea con tutti... E' come vedere una partita in un bar, coi commenti in diretta! XD

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AHAHAH,si, ma manca la birra! Comunque,io ho entrambi e devo dire che hanno molti vantaggi,soprattutto quando il sito del tuo dipartimento non viene aggiornato dai primi anni del 2000 e i professori non rispondono alle email-.- Ormai sappiamo tutto grazie alla pagina dedicata alla facoltà! :D

      Elimina
    2. Ahaha! Certo, potrebbero pure pagare qualcuno per gestire la pag web della facoltà :)

      Moz-

      Elimina
    3. il problema è che questo qualcuno c'è ed è pagato profumatamente :D

      Elimina
  2. Sono a poco su Twitter e ho imparato ad amarlo!!! Forse perchè mi sento molto uomo e poco donna, forse perché vado sempre più daccordo con il sesso maschile.. NON SO! Fatto sta che facebook è diventato davvero un social square dove sparare gossip a palate!!!
    Ad ogni modo, mi piace la tua divisione sessista dei social! :D

    http://pensierinviaggioo.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Son contenta che ti sia piaciuto :) E' stato scritto così di fretta che ho pensato "ecco,ho prodotto una stronzata" :)
      Comunque non preoccuparti,prediligerne uno o l'altro non importa,l'importante è non diventarne dipendenti :) Se mi dici il tuo nome su Twitter posso aggiungermi tra i tuoi follower ;) intanto passo dal tuo blog e grazie ancora per la visita!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...