05/06/13

DAPA dì e DAPA dà

<<AHHHHHHHHHH!.....>>
Tu Tarzan io Jane?
<<Bestia!Son solo nervosa e devo sfogarmi..>>
A che si deve tale nervosismo?
<<E' una domanda da fare? Alla sessione estiva,no??>>
Ah,allora sei affetta da DAPA.
<<Eh?!>>
Un disturbo neurocognitivo-emotivo-fisico che colpisce uno studente universitario su 2. Talvolta pure tre su due e 3x2.
<<4X4 non lo aggiungi?>>
Dipende.
Mentre i meteorologi si dividono tra "pro-estate" e "anti-estate" costringendo la popolazione a scendere in spiaggia con il cappotto  piegato sul braccio,come ogni fine anno accademico che si rispetti molti studenti universitari si ritrovano a combattere con la sessione estiva,periodo che oscilla tra il 10 giugno e la schizofrenia. Avendo o meno studiato nei mesi passati,già da maggio è possibile notare un incremento quantitativo di materiale da studiare insieme ad una diminuzione qualitativa di questo. In pratica,troppi libri e troppe nozioni in poco tempo. Ed ecco che si può cadere nel circolo vizioso della DAPA:
Depressione Ansiogena da Prestazione Accademica.
Che sia a causa del particolare ormone chiamato "cazzeggina" (secreto dalla ghiandola "cazzeggiale" situata tra cervelletto e midollo Facebook) o a causa di una scarsa organizzazione del soggetto,quando si è in procinto di esami si fonde completamente.
Per quanto sembri sufficiente il tempo a disposizione,c'è sempre una componente emotiva-ansiogena che induce ad aggrapparsi a qualsiasi cosa possa dare un senso di organizzazione e sicurezza,ovvero si prova la qualsiasi pur di non sentirsi in colpa per quel poco fatto nei mesi precedenti.
E tu,madre,zia,nonna,cugina,vicina di casa di uno studente universitario,come puoi capire se è un dapaomane?
Basta osservarlo,perchè...

-Assumerà lentamente una posizione di circa 45° rispetto l'orizzontale,ovvero rispetto il piano d'appoggio dei libri.  

-Si vedrà l'habitat invaso da schemi e schemini che rappresentano l'organizzazione temporale dello studio o della sua stessa esistenza;altrimenti potranno essere schemi riassuntivi della materia in esame che verranno fatti e disfatti ad ogni nozione in più.

-Si noterà un comportamento discinetico che indurrà il soggetto a muoversi per casa o per i luoghi pubblici in maniera raminga,senza badare a gli ostacoli fisici che incontrerà e che gli causeranno bernoccoli ed escoriazioni. 

-Si osserverà  una dissociazione ad intermittenza dal mondo circostante in quanto capiterà che,nei momenti meno attinenti alla funzione studio,torni alla mente una determinata lezione della materia in esame,oppure una parola specifica del prof o una nota a piè di pagina 4057 del terzo libro da studiare. 

-Si diverrà soggetti di intolleranze,sfoghi e maledizioni da parte sua anche se non direte nulla.

-Si troverà cibo e bibite varie in ogni angolo della casa,cassetti della biancheria intima compresa. Nel caso in cui lo studente sia un fumatore,si ergerà un muro invalicabile di nebbia nicotinica.

-Spariranno tutte le caffettiere di casa per fare il caffè dello studente,intruglio illegale dove al posto dell'acqua viene messo del caffè già pronto.

Inoltre,a livello fisico,si potranno individuare cambiamenti esponenziali;rughe dovute ad espressioni contrite,occhiaie nere come il carbone,capelli crespi e mai pettinati,unghie assenti,barba e baffetti incolti (per le donne: gambe con filo spinato),trasandatezza nel vestiario e aumento (o diminuzione in base ad alcuni casi) della massa corporea.
Dal lato dell'individuo posto in analisi,la DAPA si mostrerà con vari comportamenti che potranno essere tra loro antitetici.
Capiterà,per esempio, che si alternino stati di profondo sonno a totale insonnia notturna. Oppure potrebbe succedere che si passi dalla totale euforia alla più completa disperazione o,eventualmente,dalla più instabile convinzione di potercela fare alla ferma sentenza di esser braccia rubate all'agricoltura.
E' anche possibile che lo studio possa deviarlo mentalmente,portandolo a fare collegamenti tra una parola qualsiasi detta da una persona qualunque e il capitolo su *inserire materia*,rompendo così le palle a tutti perchè verrà automatico ripetere immediatamente tutto l'argomento (magari velocemente e senza prender fiato). Inoltre capiteranno situazioni in cui l'individuo si porrà domande autolesioniste,come:
-Devo o no studiare la dimostrazione di questo teorema?
-Mi chiederà o no quest'argomento in calce?
-Devo impararle o no le date di pubblicazione del libro?
-Anche se questo argomento non è nel programma,lo devo studiare?
-Ma sono davvero adatto a questa facoltà?
-Ma chi me l'ha fatto fare?!
che,invece di aiutare nello studio,manderanno in tilt quello che già è stato fatto. Aggiungendoci i sensi di colpa dovuti al tempo "perso" per i bisogni fisiologici,avrete lo studente in piena DAPA.

<<Si guarisce?>>
Diciamo che sparisce subito dopo la sessione d'esami.
<<E tu a che livello sei ?>>
Al peggiore di tutti: scrivo post contorti invece di studiare.
<<...braccia rubate alla dattilografia vah!>>

15 commenti:

  1. E dopo aver letto questo post sono contenta che finalmente per me non esista e non esisterà più la "sessione estiva"
    SEi autorizzata ad odiarmi!:D :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora sappi che prima mi SCANCELLO dai tuoi followers,poi levo il mi piace alla tua pagina e in fine vengo a casa tua e ti faccio il solletico u.U
      Chissà se un giorno sarà così anche per me <3

      Elimina
    2. ahahaha!se vuoi per solidarietà mi metto a fare qualche schema anche io... io usavo i post-it e li attaccavo alla parete sopra la scrivania, così quando ripetevo avevo le "parole chiave" davanti agli occhi e non dovevo perder tempo a cercare nei libri:da pazza psicopatica proprio!Vedrai la fine del tunnel anche tu, forza e coraggio!

      Elimina
    3. MMMHHH ma sai che i post-it con le parole chiavi mi mancano? Dovrei provare! :D

      Elimina
  2. Sai una cosa?
    Mi manca il dover studiare.
    La pressione (positiva) della sessione d'esame che incombe.
    In fondo, scandiva un po' il periodo.
    Doversi gestire, pensare "ok, vada come vada e poi tanto son vacanze...".
    Certo, adesso la vita è scandita da altro... però in fondo un po' (un po', eh!) mi manca XD

    In bocca al lupo! XD

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino da cosa sia scandito il tuo tempo! Fammi indovinare...il pre-trentesimo? XD
      Crepino i prof,non il lupo (che non m'ha fatto nulla) ! :D

      Elimina
    2. Ahaha, ormai solo dalle feste e dai divertimenti! XD

      Moz-

      Elimina
    3. qui ti definirebbero "spassi i fora e triulu i casa" . Perciò,dato che ti manca lo studio,voglio fare un gioco con te :
      cerca di capire l'etimologia dell'espressione.Altrimenti....
      MAUDUUASHSAHSHASHAHSAHSAH!

      Elimina
    4. Ahh, ti riferivi a questo!
      MMh... divertimento fuori e... qualcosa in casa.
      Giusto? XD

      Moz-


      Elimina
    5. ehhhh,ma se non sai cos'è quel qualcosa.....non vale! :D :D

      Elimina
    6. Non ne ho idea. Parli arabo!! :p
      Posso provare a immaginare... triulu... tri---tolo? tri--bolazioni? tri--nità? XD

      Moz-

      Elimina
    7. Sì,va beh....TRINITA' non lo dici? XD
      Siccome sono buona,ti spiego che significa!
      "Spassi i fora= burlone in giro / Triulu i casa= lagnoso in casa" :D questo dovrebbe essere,all'incirca,il significato dell'espressione! :D

      Elimina
    8. Trinità l'ho scritto!! Oo

      Ahh, oddio, sono lagnoso sempre, sia dentro che fuori, come burlone, sia dentro che fora :p

      Moz-

      Elimina
  3. Bene, so che cos'ho.
    Alex V

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehhhh,tutta colpa della ghiandola cazzeggiale! (ammettilo,merito di venir picchiata con il libro di neurologia o anatomia o qualsiasi altro mattone che possa farmi male!)

      Elimina

Post Simili

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...