Nota critica per una lettura serena

Nota critica:
Ai fini di una lettura serena, pacifica e spero divertente,vorrei premettere i seguenti punti:
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001."
.Cerco semplicemente di parlare di vari argomenti, prendendo ispirazione da esperienze personali e avvenimenti più o meno recenti che talvolta esulano dalla mia vita privata. Questo blog non nasce con fini offensivi verso persone, ideali o religioni; semplicemente generalizzo e condivido i miei pensieri. Grazie e Buona lettura.

22/06/13

Mio Caro Diario

La valigia dei ricordi è un bagaglio inesauribile. Ogni giorno,ogni ora qualcosa va riempiendola infilandosi nei pochi spazi rimasti in quell'infinito che è la nostra storia. Una foto,una lettera,un petalo di una rosa,un biglietto del treno,un ninnolo in particolare nascosti  lì per riemergere a tempo debito.
E tra di loro,talvolta, sbucano i i diari.
Mettiamo però da parte quelli segreti e incentriamoci su ben altri tipi,ovvero quelli scolastici.
Non so voi,ma il diario scolastico è sempre stato l'oggetto clou della mia vita studentesca;al di là dei compiti assegnati da riportare minuziosamente per sapere cosa studiare,al di là della possibilità di vederlo pieno di note e di giustificazioni....l'agenda scolastica era il centro di un universo fatto di pensieri,aforismi e stronzate varie.
In più,nelle classi da me frequentate si instaurava una sorta di competizione dove chi possedeva il diario più "grosso" era la più figa. E con grosso non intendevamo il formato più grande ma il volume maggiore,ovvero più cose venivano aggiunte alle pagine e più interessante diventava.  
Ma cosa si poteva trovare all'interno di questi "musei"?
Diciamo che i diari che circolavano nella mia classe erano gli antenati di Facebook;foto,aforismi di personaggi più o meno noti,annotazioni di eventi mondani a cui si partecipava (con tanto di biglietto in bella mostra),adesivi di animali e/o personaggi dei cartoni animati,compleanni degli amici,dediche dei compagni....
e uno specchietto per controllare se si fosse in ordine anche durante la pallosissima ora di matematica. Insomma,mancava solo Candy Crush Saga e la possibilità di taggare.
Perciò,giunti a scuola,non c'era nemmeno bisogno di aspettare la ricreazione per aggiornarsi sull'estate appena trascorsa perchè bastava prendere in mano un diario qualsiasi e si sapeva subito se Paolina s'era fatta fidanzata o no,se Gigetto era partito o meno e se Tarquinia s'era trombata l'ennesimo bagnino;sì,essi erano il modo migliore per sputtanare i propri segreti.
Io stessa,per esempio,durante l'a.s. in cui ebbi il mio "primo fidanzato quasi serio ma che era meglio non aver mai conosciuto",riempivo ogni pagina disponibile di frasi pregne di miele e cuoricini con tanto di:
-citazione di sms sdolcinati ricevuti da lui (copiati,ovviamente,dai Baci Perugina)
-biglietti del cinema con tanto di critica al film che,comunque,
"per quanto sia brutto,vederlo con il mio love è sempre bellissimo".
-descrizione minuziosa dei regali ricevuti durante le festività o in periodi non festivi.
-Mesiversari evidenziati con chili di cuori e "ti amo!" che impedivano il corretto registro dei compiti.
-Fotografie di noi due che occupavano una pagina su 3.
-"TripAdvisor" dei luoghi visitati in sua compagnia con tanto di orario (es: oggi son state le 8 ore più belle della mia vita in Via dei Tigli numero 9!)
-Suo nome/nickname ovunque.
-Faccine tristi nei giorni in cui non ci si vedeva/si litigava/mi mollava per la trecentoquarantesima volta in un mese.
-Involucri di caramelle da lui mangiate/da lui regalatemi.
-Torte di compleanno disegnate in ogni cm di pagina il giorno del suo compleanno.
-Poesie e frasi strappalacrime che manco Moccia avrebbe potuto partorire.
Insomma,la glicemia era alle stelle.
E quando ero single? Queste moine e questi romantici gesti venivano indirizzati verso le annuali amiche del cuore con le quali,praticamente,si dialogava via diario.
Amica:"Ciao amola!!! Oggi usciamo tutte&2yuuh!!! Nn vd l'ora! Ftt bella my fantastica amiga!!! TvTVTBATBVIOANTVI!!! <3"
Io:<<Shiii!!! ^_^ Anche io nn vd l'ora! E ftt bella pr tu anke se nn ne hai bsgn! Tvtbsjhwvmntgsaiev! A dp mola mia!"
A:"io bella?No,tu shei bellishima!"
I:"No ma ke dici sciokina!Tu6bellishimishima"
A:"NO,tu!"
I:"TU!"
(protraetelo all'infinito.).
Altrimenti,se ci si infatuava di qualcuno,si passava il tempo scrivendo il nome dell'innamorato e/o se per caso ci fosse stato un incontro o una sorta di dialogo.
"Shiii,oggi Vitantonio m'ha guardata per 0.22 secondi!!!E m'ha pure chiesto un accendino!!!".
Talvolta,giusto per non farsi mancare nulla e per non lasciare delusi i lettori di questi romanzetti rosa,si creava la tabella dell'innamorato,con tanto di data di nascita,voto in fatto di bellezza/carattere,altezza,segno zodiacale,squadra del cuore ecc ecc. Fatto tutto ciò avevamo pure la faccia tosta di chiederci com'era possibile che l'intera scuola fosse a conoscenza della nostra cotta/delle cose più intime avvenute con il nostro ragazzo.
Così,tra un linguaggio prettamente bimbominchiesco e un "ma quando caxxo finisce 'sto strazio di scuola?",i diari continuavano ad aumentare di volume tra graffette per tener fermo qualsiasi cosa che testimoniasse un momento particolare,foto,dediche "segrete" in pagine prontamente ripiegate per "non farle leggere" e compagnia bella. 
Ah! Le dediche trite e ritrite,sentite e per nulla sentite da parte del resto della classe. "TvB","Sei Mitica",cuoricini vari;annotazioni dei compleanni non immediatamente segnati con tanto di minacce del tipo "non ti scordare di farmi gli auguri oggi o ti ammazzo! No dai,HIHIHI,scherzo!",barzellette vecchie come il mondo,frasi ad effetto scritte con i colori più assurdi che rendevano il testo illeggibile a meno che non si inclinasse il diario con una determinata angolazione durante una specifica ora del giorno...
Finchè,ad un certo punto,il diario incominciava a cedere. La copertina non più rigida si staccava,il dorso spariva nel nulla e le cose tanto gelosamente conservate venivano fregate da qualche buontempone,magari solo per farsi i filtri della canna per la ricreazione. Si cercava dunque di porre rimedio con colla e scotch,adesivi giganti a mo' di seconda copertina,Attack su ogni cosa che veniva aggiunta affinché non venisse rubata...in pratica tutto quello che poteva permettergli di vivere fino alla fine della scuola veniva utilizzato senza badare a spese.
Arrivato l'ultimo giorno,il diario spariva nel nulla dopo esser stato giustamente svuotato dei suoi contenuti che,nel settembre successivo,avrebbero riempito il suo discendente,ricominciando così il ciclo dei "fatti miei,vostri e di tutti".

<<Oddio.>>
Che è successo?!
<<Hai visto chi mi fece una dedica quando avevo 15anni?>>
Ma non è il tuo ex?
<<Sì. Oddio,ha scritto eternità senza accento!>>
Beh,tu hai scritto Ftt1v4m3nt3 t1 4m0. Sembra un codice fiscale!
<<Oh,ma che vuoi,ero piccola!>>
Già,ma come giustificherai ai tuoi figli che scrivevi e vivevi peggio di loro?
<<....guarda,una tua dedica!>>
E che c'è scritto?
<<"Sei una babba!" Sei sempre stata molto gentile!>>
Ringrazia il cielo che non ti scrissi le solite cazzate perchè io son l'unica,tra le persone che ti riempirono il diario di "epigrafi",ad esser ancora qui vicino a te.
<<Amiche per sempre?>>
Am1k3 4evEr!

8 commenti:

  1. A leggere tutta la parte del primo fidanzato, m'è venuta in mente una persona. QUESTA:

    http://socialnewsdaily.com/wp-content/uploads/2012/10/Overly-Attached-Girlfriend-Uses-Meme-For-Charity.png

    RispondiElimina
  2. Insomma, eri una bimbaminkia! :p

    Io ricordo bei diari solo alle medie; alle superiori invece, tranne i primi due anni, poi manco lo avevo, il diario.
    Dopotutto CHI STUDIAVA? mica mi occorreva segnare i compiti XD

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho visto solo ora questo commento.

      Io bimbaminchia?!? Ero solo nel pieno dell'adolescenza! xD
      (autoconvincimento mode on)

      Elimina
  3. Io diari un pò più voluminosi alle medie...poi mi son stufata!
    Non sono mai stata tipo da scrivere dediche o cose simili, infatti venivo additata come l'asociale scorbutica! :D
    Appena ho conosciuto A. i msg sdolcinati ci sono stai lo confesso, ma solo tramite cellulare perchè mi vergognavo troppo a fare la sdolcinata "pubblicamente"... anche se sembra strano detto da una che sputtana la sua storia su blogger, sono stata sempre riservata in fatto di "sentimenti".

    A luglio sarò a ct "full time", appena finisci con gli esami e io comincio a capire che orari faccio per questo tirocinio, organizziamo...'sta conoscenza ormai s'ha da fare :D :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. DOOHH! (alla Homer) t'ho giusto giusto scritto che se la CittàLavoro è proprio dove studio ci dobbiamo incontrare finalmente! xD Lo vedi? Si chiama telepatibloggeria!
      Comunque,effettivamente è un controsenso! Nei diari no e su blogger sì? E' il karma allora,la parte adolescente di te che si vendica scrivendo tutto su blogger!
      Però,da un lato,è meglio così! Come ho detto nel post,con tutte queste dediche e messaggini pucciosi per qualche ragazzo, che figura di merda potremmo mai fare davanti ai nostri figli nell'eventualità in cui li leggano? xD

      Elimina
    2. ahahaha...sì infatti anche io ho pensato "che telepatia!" :)
      Comunque il fatto è che la mia mente malata percepisce il blog come qualcosa di "privato", non ho ancora ben capito perchè! Forse perchè non lo legge nessuno che conosco

      Elimina
    3. eheheh ma tranquilla,io scherzavo :) E poi diciamocela giusta;su un blog in cui scriviamo senza usare il nostro vero nome (e i relativi nomi delle persona citate) non si "rischia";in un diario scolastico,invece,pur usando pseudonimi e co. c'è sempre il rischio che la pettegola della classe sputtani tutto ai quattro venti! Quindi,ben venga il blog ;)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...