Nota critica per una lettura serena

Nota critica:
Ai fini di una lettura serena,pacifica e spero divertente,vorrei premettere i seguenti punti:
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001."
. Cerco semplicemente di parlare di vari argomenti, prendendo ispirazione da esperienze personali e avvenimenti più o meno recenti che talvolta esulano dalla mia vita privata. Questo blog non nasce con fini offensivi verso persone,ideali o religioni, semplicemente generalizzo e condivido i miei pensieri. Le critiche costruttive e i consigli sono ben accetti. Grazie e Buona lettura.

01/09/13

L'Oscar per la miglior faccia di bronzo,ottone,nichel e poliuretano

Settembre è arrivato. La pioggia l'ha annunciato,la fresca brezza di funghi e vendemmie ha elargito qualche bel raffreddore e i costumi da bagno inizian già a star più stretti.
Se non fosse per le sagre dei paesi limitrofi,mi sarei già tagliata le vene con il foglio del libro di Chimica Analitica.
Perciò,in occasione di un sabato sera "alternativo",sfidando il meteo con i suoi 17 gradi e il 100% di umidità, son salita verso altri luoghi (dire verso "altri lidi" mi sembra un poco esagerato dato che mi trovavo in zona montagna) dove dar fondo a ciò che mi resta di questa estate zerotredici.
Cinque o sei tornanti giusto per far "tornare" in bocca la colazione del mattino e via,immersa tra le bancarelle alla ricerca di qualcosa che mi soddisfacesse un poco.
Prodotti alimentari, libri, pupi siciliani, ceramiche, vetri, bigiotteria, salsiccia arrostita già alle 18 del pomeriggio, pannocchie, bibite, rosoli, limoncelli, giocattoli, palloncini....di tutto e di più.
Fino a quando non ho visto quella bancarella.
Piccola,illuminata a giorno ed emanante un caldo odore di incenso;piena di ogni tipo di monile femminile fatto a mano e con qualsiasi materiale esistente al mondo.
Collane,bracciali,fermacapelli,anelli,orecchini...l'ambrosia di una bestia da fiera come me.
Mi son avvicinata con fare spavaldo mostrando la classica espressione da "sto valutando la tua mercanzia e se per me è no non provare ad appiopparmi qualcosa" finchè non ho visto loro: gli orecchini in macramè.
Bellissimi! Quel fiore finemente lavorato in cotone viola,quella perlina bianca al centro degli intrecci,quelle monachelle che non li avrebbe mai e poi mai fatti scivolare...belli. Avete presente l'amore a prima vista su cui si basano tutti i film strappalacrime del mondo? Quegli sguardi profondi con le pupille lucide e tremule,la bocca leggermente aperta per la meraviglia e le mani che si allungano lentamente verso colui/colei che ci fa battere il cuore? Ecco,al posto di un/a lui/lei metteteci gli orecchini e capirete.
<<Che belli...>> ho detto al proprietario dello stand.
PdS:<<Grazie! Le piacciono viola?>>
<<E' tutto bello! E vedo che non lavora solo il macramè..>>
Pds:<<No,infatti,lavoro anche il rame,l'ottone,l'argento e il chiacchierino! E poi fimo,plastica....>>
<<Mi dica,che prezzi ci sono?>>
PdS:<<Mah,per esempio questi orecchini costato 30 euro.>>
GULP. STRAGULP. Stessa espressione di Wile Coyote che cade dal bordo del Canyon con annesso masso di tre tonnellate che gli arriva sulla testa pochi minuti dopo. 
Anche i miseri 10 euro che tenevo nel portafoglio han sussultato intonando un "minchia!" in Si bemolle. Insomma,parlando in maniera spicciola,mi son cadute a terra le rotondità mascoline di cui son anatomicamente sprovvista.
<Ah.>> ho risposto recuperando il fiato. <<beh,ci valgono...>>
ho aggiunto cercando di pensare a come uscire da quella situazione imbarazzante senza offendere il commerciante. 
Due,tre secondi di silenzio da parte di entrambi quando....
<<Peccato che sia allergica al nichel.>>
PdS:<<Ahia,brutta allergia! Beh può provare con il rame anche se le monachelle che uso io non dovrebbero contenere nichel.>>
<<No no,guardi,il nichel è ovunque,anche nei tessuti.>>
PdS:<<Allora se vuole ci son questi orecchini in plasti...>>
<<Ma c'è il poliuretano? Polipropilene?>>
(benedette lezioni di chimica dei materiali!)
PdS:<<Non saprei...è plastica dei fusti dei detersivi che sciolgo e...>>
<<Ah no,non posso prenderli,mi fan allergia anche loro. Che peccato! Beh,però consiglierò i suoi prodotti a tutte le mie amiche non allergiche! Son stupendi! Arrivederci!>>
L'ho lasciato lì,poverino,circondato dai suoi lavori e con il dubbio di esser la causa di molte allergie. Oltre alla curiosità di sapere cosa cavolo siano il poliuretano e il polipropilene.

Signore mie,siam sincere. Quando capitano situazioni simili con prezzi del genere cadono le braccia a terra. Io posso pure capire che son fatti a mano,che ci perdi dieci decimi di vista ad orecchino,che vuoi recuperare i soldi dei materiali,il tempo e le energie spese....ma il prezzo è troppo alto per una studentessa squattrinata come me!
Forse sarebbe il caso di venirsi incontro da ambo i lati,commerciante e acquirente;tu che vendi queste cose qui,noti che son una poverella con soli dieci euro? Con un cenno del capo mi fai capire che son troppo cari (o,in maniera più logica,esponi il cartellino con il prezzo così io lo leggo,sbianco e mi fiondo su cose meno care) e io non ti sparo quattro cavolate come le allergie. Ti sorrido e me ne vado con la coda tra le gambe.
Ebbene sì,il succo del racconto,la morale della fiaba è questa;serve una faccia di bronzo da sfoggiare quando il fato ti è avverso e la situazione ti va di traverso. Bisogna saper rigirare la frittata,uscire quasi illese dal conflitto e con la dignità quasi integra. Servirebbe seguire un piccolo corso di teatro,come quando devi fingere di saper rispondere ad una domanda del prof su un argomento che non s'è studiato...oh,insomma,è necessario far credere l'incredibile.
Ne va della nostra salute e dell'autostima,tranne se....

§Poco dopo§
<<Mizzica,che figura di merda!>>
Fidanzato:>>Cos'è successo?>>
<<Allora è successo questo,quest'altro....e alla fine ho dovuto sparargli la minchiata che son allergica al nichel e ad alcune plastiche! Però dai,troppo cari!Ho forse torto?>>
Amico del Fidanzato:<<Ma era la bancarella di uno vestito così e cosà,con i capelli cosè e la faccia cosò?>>
<<Sì,perchè?>>
AdF:<<No niente...è mio cugino!>>
DOHHHHHHHHHHHHH!!!
<<Emh....se tu non gli dici niente io ti offro una birra,va bene?>>

Postilla alla lezione di oggi: se riuscite a salvare la faccia,non vantatevene troppo o pagherete l'equivalente in bibite. 

6 commenti:

  1. Ahaha, situazioni di vita vissuta!
    Mi son fatto una risata dalla prima all'ultima riga!

    Però hai ragione, dovrebbero ESPORRE i prezzi, così uno ci va preparato sulla mazzata che ci prende.

    Non ci vuol molto... E' vero che le cose artigianali sono lavorate, e non è giusto nemmeno svenderle, ma esponendo i prezzi attiri solo CHI può permettersi di spendere 30 carte evitando cose imbarazzanti...

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco,bravo Moz! I cartellini non servono solo a spiegare con cosa son fatti questi prodotti,ma anche a metterci in guardia! Altrimenti una inizia a toccare tutto,provare e quando sta per comprare....BOOOOOM,deve fare il mutuo per un bracciale :D
      Ora,visto che te sei tanto buono e tanto d'accordo cn me potresti pure mandarmi 30 euro...sai com'è,così magari vado a comprarli! Però,vista la balla del nichel gli dirò che son per te :D

      Elimina
  2. ahahaahah! Cmq è vero, questi prodotti sono spesso belli ma anche molto cari e non possiamo permetterceli sempre, anche se capisco che loro devono recuperare i soldi spesi per la realizzazione e guadagnarci un po'... io di solito se non vedo i prezzi faccio solo un sorriso muto, al massimo butto un "bellissimi" e scappo via prima che l'interlocutore si rivolga a me perché io la faccia di bronzo proprio non ce l'ho... mi faccio sgamare subito! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Recuperare i soldi spesi è un conto,"mangiarci" (guadagnare il triplo di quanto speso per esempio) no! Guarda,ti dico solo che poco prima di fare questa bellissima figura avevo beccato una signora che faceva le treccine colorate con il cotone e le ho chiesto quanto costasse farsene fare una;con la scusa della "lunghezza dei capelli" e con la motivazione "son trent'anni che faccio treccine" m'ha chiesto VENTI EURO! Per una treccina!!!!!! Il marocchino sul lungomare la fa a 5 euro massimo e questa mi spara venti euro? Non è recuperare i soldi del materiale,è comportarsi da ladri!
      Comunque,al di là di questo sfogo posso dirti che se vuoi ti insegno qualche trucchetto per avere la faccia di bronzo :D Ovviamente a pagamento! (scherzo) :P

      Elimina
  3. Sai che alla fine non hai fatto brutta figura col cugino? Hai perfettamente ragione! Ci sono tantissime ragazze che creano gioielli a mano, chi più e chi meno bene, ma non superano la decina di euro. Ora con 15, massimo 20 euro, ci ripaghi benissimo materiali e lavoro. Ma 30 euro sono un furto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì,questo è vero! Conosco molte ragazze che fanno dei bei lavori e oltre i 20 euro non vanno! Certo,non so quanto paghino i materiali e quanto ci rimettano o meno,ma con 30 euro posso capire un "gioiello" preso dall'orafo,mica qualcosa in uno stand sull'artigianato!

      Però la brutta figura c'è stata perchè se mai questo tizio sarà presente ad una mangiata tra amici (tra cui c'è il mio amico-suo cugino) non sarò libera di mangiare qualsiasi alimento visto che il nichel è davvero presente in ogni dove xD
      Anche se,mal che vada,mi farebbe comodo per la dieta :P

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...