29/11/13

Porta(la)chiave a Natale?

Diciamolo chiaro e tondo: è giunto il momento di scervellarsi un poco per acquistare in tempo utile i regali di Natale.

<<Ahh,no,guarda! Io non mi faccio cogliere impreparata! Compro i regali per le persone più strette già a Novembre,così poi non devo fare la calca nei negozi.>>
Brava,ma sapresti definirmi il concetto di "persona stretta"?
Cioè,parli di individui che messi di profilo hanno lo stesso spessore di un foglio A4 o.....
<<Intendo i parenti e gli amici più cari.>>
Capisco....e di grazia,quanti sarebbero questi parenti/amici stretti?
<<Mah....'na trentina....>>
Alla faccia delle famiglie poco numerose.
<<Cosa vuoi che ti dica! La zia Filomena m'ha portato una pianta per casa nuova! Che faccio,non ricambio con un pensierino? E poi non posso acquistare un regalo per la mia amica Maria senza prenderne uno per la mia amica Giovanna,perchè poi quelle due si vedono,parlano,e si scoprono gli altarini!>>
Sì,ma a pensierino a pensierino, dovrai "pensare" a come arrivare a fine mese senza stipendio.

Sebbene i negozi espongano già tutti i prodotti natalizi fin da fine Ottobre (come il punto vendita Penny Market dove ho trovato le grotte dei presepi nello stesso stand delle zucche di Halloween),è con la fine di Novembre che ci si rende realmente conto del poco tempo a disposizione per l'acquisto dei regali. E,per logica,ci si rende conto anche dei pochi soldi presenti nel nostro polveroso portafoglio.
Oltre alla poca fantasia che ci contraddistingue.
Purtroppo però,si sa che a Natale lo scambio dei regali è ancora più importante dei cenoni con i parenti o della scelta tra presepe e albero.
Perchè, per quanto tu possa dire "no,quest'anno niente regali così risparmiamo tutti",ci sarà sempre qualcuno tra i non "stretti" che ti porterà qualcosa obbligandoti a restituire il favore.
Ovviamente,tale pensierino dovrà avere all'incirca lo stesso valore monetario di quello ricevuto per non fare magre figure. 
Della serie "tanto valeva che ognuno si comprasse ciò che desiderava".

Così,tra un impegno di lavoro e uno casalingo,molte donne incominciano a stilare elenchi su elenchi: a chi fare i regali ed eventualmente cosa regalare,a chi mandare una semplicissima email d'auguri e a chi telefonare,cosa preparare per la vigilia e cosa portare a casa della suocera per il pranzo del venticinque,quante partite a tombola organizzare a casa propria e a quante in teoria si parteciperà....
Insomma,tutte noi cerchiamo di organizzare al meglio quei pochi giorni di "relax" che c'han concessi,valutando tutti i "vari ed eventuali" possibili ed inimmaginabili.
<<Allora...se per caso quest'anno la signora del 3° piano non mi spunta con una piantina,non c'è bisogno di prenderle niente e quindi risparmio...ma,SE mi spunta con una piantina,debbo prenderle per forza qualcosa. Ecco,cosa? >>
E' in questi casi che si può capire quanto spirito organizzativo alberga in noi.
Infatti,ci sono persone che,di fronte a tali possibili variabili,reagiscono sempre in maniera imprevedibile e/o in maniera meticolosa.
Che vuol dire? Beh,per esempio c'è chi ricambia il pensierino ricevuto con qualcosa di "riciclato",come la bottiglia di spumante del Discount trovata nella confezione del panettone o come il centrotavola in ceramica e paesaggio natalizio ottenuto al supermercato grazie ad una spesa superiore ai 25 euro.
Chi invece non tollera lo scambio di regali riciclati,generalmente tende ad acquistare interi stock di oggettini totalmente inutili da dare nel caso in cui qualcuno si presenti alla sua porta con un regalo inaspettato.
Candele profumate,angioletti,babbi natale,palle per l'albero,tazzine mignon con piattino annesso....tutti oggetti che,in un casalinghi qualsiasi,trovi a 50 centesimi se non meno.
Altrimenti,nel caso in cui non si è potuto fare il rifornimento di ninnoli attira polvere,taluni prediligono i regali alimentari; panettoni che verranno riciclati e/o mangiati fino a Pasqua,biscotti fatti in casa con la base mezza bruciata "perchè il forno m'ha fatto le bizze",ciambelloni talmente secchi da poterli usare come attira umidità, cupcake che son tanto di moda ma son pieni di glassa che ti fa venire la nausea....e chi più ne ha ne metta.

Ognuno con i suoi metodi e il suo nervoso.
Ma,per quanto riguarda i parenti stretti/gli amici più cari? Ahhhh,qui si può dare il meglio di sè stessi.
Tralasciando i vari casi in cui si sa cosa realmente vorrebbe il destinatario,il 90% delle persone si butta sempre su gli stessi oggetti,non tenendo conto dell'eventualità che,magari,l'anno precedente s'è fatto lo stesso identico regalo.
Vengo e mi spiego;quali sono,generalmente,i regali più gettonati per i parenti/gli amici?


Per la categoria UOMINI,abbiamo:
-calze (3 paia come minimo,prevalentemente con nuance scure e a righe)
-sciarpa e berretto (sempre scuri o con qualche leggerissima righina poco più chiara)
-guanti (in pelle o lana)
-cintura (in pelle o ecopelle,nei colori nero,blu,marrone)
-maglione (sempre due taglie in più/in meno e dai colori scuri)
-dopobarba (puzzolentissimo)
-profumo da uomo (ancora più puzzolente)
-accendino in finto argento (per i fumatori)
-porta tabacco/porta sigarette in pelle o in acciaio (sempre per fumatori)
-porta cellulare (ormai inutile data la forma degli smartphone)

Per la categoria DONNE,invece:
-sciarpa,cappello,guanti (tutto abbinato,in lana nera,blu o grigio chiaro. Raramente, nei colori rosso,rosa e viola)
-pantofole (pelose e con stampe di animali,fiori e cuori)
-tris di strofinacci per la cucina (con ricami natalizi)
-beautycase (rigido o morbido, in elegantissime nuance argento, oro, bronzo, leopardato, zebrato....)
-palette di trucchi (con i colori dell'anno precedente)
-profumi (in confezioni formato famiglia e dal forte afrore di morte)
-bagnoschiuma e creme corpo (in confezioni da viaggio o talmente grosse da non poterli finire prima del prossimo Natale)
-bigiotteria varia (al 90% ossidabile solo con il respiro)
-borse (brutte da far schifo)
-grembiuli da cucina (con richiami al natale o con frasi idiote)
-libri di cucina/ricamo/macramè/decoupage/ceramica e tante altre stronzatelle simili.

Però...c'è qualcosa che accomuna entrambe le categorie.
No,non parlo delle sciarpe nè dei berretti.
Signore e signori,parlo dei PORTACHIAVI.
Quintali e quintali di portachiavi vengono,ogni Santo Natale,scambiati e ricevuti.
Perchè essi,si sa,son sempre quel "pensierino da poco" che rende tutti felici.
Oddio,felici....si può esser felici ricevendo venti portachiavi in un sol giorno? E chi siamo,San Pietro??
<<Mamma mia,che ci regalo al fidanzato di mia figlia?>>
Un portachiavi!
<<Cosa posso prendere alla mia migliore amica?>>
Un portachiavi!
<<Cielo,cos'ho regalato l'anno scorso a mio marito?>>
Un portachiavi!
<<Sono in America e debbo prendere un pensierino per mia sorella. Che posso scegliere?>>
Un portachiavi!
Personalmente ho fatto la conta di quelli da me ricevuti. Sapete quanti sono?
Quaranta. Quaranta portachiavi dai miei sedici anni in poi.
Portachiavi con il mio nome,con pupazzetti in peluche o plastica,portachiavi con gli swarovski o con ciondoli di altro genere,portachiavi in pelle,in legno,in metallo con scritte glitterate o smaltate.....portachiavi ovunque.
Di qualsiasi peso,forma e dimensione.
Contando che,a stento,posseggo le chiavi di casa e quelle dell'auto,direi proprio che di portachiavi ne ho abbastanza.
Tenendo conto del fatto che taluni negozianti vendono tali oggetti ad un prezzo pari a una maglietta,un vestito o una cintura,direi proprio che son acquisti inutili.
Non posso agganciare portachiavi in ogni dove!
Non posso girare con borse piene di Pucca,Diddl,Hello Kitty,Australia stilizzata,I love NewYork e compagnia bella!
E così come non posso farlo io,non possono farlo tutti coloro i quali ricevono almeno due portachiavi a festività.
E' giunto il momento di dire BASTA ai portachiavi.
Basta a queste spese inutili.
Volete renderci felici? Dateci il corrispettivo monetario di questo ciarpame.
Regalateci un'agendina,una penna spiritosa,un fazzoletto ricamato,un temperino a forma di maialino,un posacenere....un quello che volete voi.
Ma niente portachiavi.
Altrimenti giuro che ve li faccio trovare sotto l'albero dell'anno prossimo.

<<Senti,cosa posso regalarti per Natale?>>
Non saprei....
<<No,perchè ho visto un portachiavi carinissi.....>>
AHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHH.

No portachiavi,Yes Natale.

4 commenti:

  1. Oh, io vado su libri-volumi a fumetti-dvd o cose mirate che so che piacciono... e non sbaglio mai.
    Non è stressante, è stressante non avere un piano d'azione! XD

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avanti,posso dire che tu sei tra i pochi che sanno come far felice una persona che deve ricevere un regalo!
      I libri e i dvd rimangono sempre la cosa migliore,secondo me!
      Comunque,più che piano d'azione ci vorrebbe una sana consapevolezza dei gusti altrui!

      Elimina
  2. Auch, non dirmelo: io devo ancora incominciare! Mi sa che quest'anno portachiavi per tutti ;)
    Vale A

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma comeee io faccio una campagna di sensibilizzazione contro i portachiavi...e tu li regali a tutti i tuoi conoscenti? :P
      Mah,visto che ne sei così convinta ....potrei benissimo venderti i miei portachiavi :D Alla fine son talmente tanti che uno per ogni tuo amica /tua amica lo trovi :D

      Elimina

Post Simili

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...