Nota critica per una lettura serena

Nota critica:
Ai fini di una lettura serena,pacifica e spero divertente,vorrei premettere i seguenti punti:
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001."
. Cerco semplicemente di parlare di vari argomenti, prendendo ispirazione da esperienze personali e avvenimenti più o meno recenti che talvolta esulano dalla mia vita privata. Questo blog non nasce con fini offensivi verso persone,ideali o religioni, semplicemente generalizzo e condivido i miei pensieri. Le critiche costruttive e i consigli sono ben accetti. Grazie e Buona lettura.

01/02/14

Listography-so cos'hai fatto la scorsa estate.

Da Nord a Sud il maltempo non vuole dare tregua.
Pioggia, vento, freddo e/o scirocco, fiumi che esondano e seconde materie degli Esami di Stato già stabilite...di tutto e di più.
Anzi, aggiungiamoci pure il fatto che non è nemmeno iniziato Febbraio che già ci tartassano su S.Valentino con tutti quei cuori e quei malincuori, e siamo a cavallo.
Ok, io son l'ultima persona al mondo a non dover parlare male di S.Valentino dato che son oltre cinque anni di onorata carriera da fidanzata goupie, ma tutto questo festeggiamento mi fa salire il voltastomaco.
Troppi falsi perbenismi, troppe finte coppie felici, troppa...troppa finzione ed esasperazione.

Inoltre alcuni degli oggetti "a tema S.Valentino" diventato totalmente inutili proprio per l'esubero di cuori e frasi romantiche su di essi impresse/incise tant'è che se voglio regalare al mio moroso qualcosa di normale e chiedo che mi venga incartato mi guardano pure storto; i menù nei locali lievitano in prezzo ma non in quantità e molto ma molto probabilmente in tv, quella sera, non ci sarà nulla di interessante.
Comunqueeee.....non siam qui a parlar male della festa più temuta del mondo.
Allora di che parliamo? Dell'attesissimo Carnevale? Della Pasqua dove vuoi con chi vuoi? Del Venticinque Aprile, uno Maggio, due Giugno? Nahh.....parliamo direttamente dell'estate?
Di quel meraviglioso periodo fatto di libri, libri, libri, esami, caldo, zanzare, mare visto da lontano, mare visto da vicino ma pieno di immondizia, mare visto da vicino senza immondizia ma pieno di meduse?
Già, le meduse....odiose meduse! Per colpa loro ho paura di andare al largo.
Ecco, a tal proposito inauguriamo Febbraio con la quinta Listography, sempre in ritardo rispetto alle altre blogger!
Signore e signori, siete pronti per


The Life In A Year




5° Listography: Your Biggest Fears
cioè, le mie più grandi paure.

1) La morte.
Come tutti, abbastanza scontata ma sempre attuale. Però non so se anche voi, che di certo serbate tale terrore nelle viscere della vostra anima, entriate nel pallone nel momento stesso in cui immaginiate cosa significhi quel momento. Quella consapevolezza di distacco tra vita terrena e spirito, quella sicurezza del non avere altri giorni difronte a sè...ecco, io più ci penso e più mi sento mancare, quasi come se il mio cervello entrasse in tilt perchè non trova la giusta risposta. Altri due secondi così e vado pure in iperventilazione.

2) Cavallette e grilli.
Più che paura è vero e proprio schifo. Non so perchè ho questo senso di ribrezzo, ma avendo mia nonna materna con questa fobia deduco che mi possa esser stata trasmessa per ereditarietà genetica. Oppure, a furia di vederla scappare urlante al primo grillo parlante vicino, ho iniziato ad associare a questi insetti il terrore.
Quindi, immaginate il mio volto e il mio stato d'animo quando una cavalletta mi si attaccò al polpaccio l'estate scorsa (avevo i pantaloncini) .


3) Stare male in viaggio.
Conscia della colica addominale venutami durante l'attraversamento della Francia nel mio viaggio "Catania-Barcellona in auto" e reduce dalle varie gite a lungo raggio dove c'era sempre qualcuno che, per acqua contaminata o per alcolici in eccesso stava male, ho il terrore di non star bene di stomaco fuori dal mio paese.
Anzi, diciamo pure fuori da casa mia.


4) Film Horror.
E' più forte di me, penso sempre che qualche briciolo di verità, in quella storia così macabra, ci sia.
Inoltre, come molti di voi avranno già letto, ho visto e vissuto cose abbastanza strane perchè questa paura non mi abbandoni mai più.
Mi dispiace solo per il mio fidanzato che vorrebbe tanto guardare un bell'horror insieme, Tredicesimo Apostolo compreso, e puntualmente si ritrova con me che gli dico "non preferiresti dei meravigliosi cereali Cheerios?" .


5) Non riuscire a realizzare il mio sogno base.
Prima di tutto, specifichiamo il "sogno base"; dicasi sogno base (o sogno primario)quell'obbiettivo che ci si impone nel corso della vita. Una casa, un bel lavoro, il Nobel, la fama, la famiglia...tutto può rientrare nel sogno base.
Ora, il mio s.b. non lo conosce quasi nessuno, e per tale motivo non ne parlerò certo qui, ma posso dirvi senza ombra di dubbio che l'idea di non riuscire a realizzarlo in pieno mi terrorizza.


6) Andare a largo.
Sebbene le meduse siano in gran parte causa di questa mia paura, l'idea di "nuotare" in acque dove non vedo cosa c'è sotto di me mi fa tremare come una foglia.
Uniamo a questo impasto anche la mia scarsa capacità natatoria, sostituita al massimo da una massa corporea che mi permette di galleggiare come un'otaria morta, e le jeux sont fait.
Posso avere i braccioli, la ciambella, le pinne, le bombole....ma ho paura.
Di contro, adoro fare sub forse proprio perchè, a furia di annegare ogni due e tre quand'ero piccola, ho imparato a muovermi meglio sott'acqua che sopra.
Sì, lo so, non sono normale.



Tutto qui? Pare proprio di sì.
Non so se definirmi una persona con poche paure data la mia ipocondria e l'ansia che mi accompagna praticamente da quand'ero piccola....però, posso dire di avere fobie bene o male normali anche se un appuntamento in più con l'amica psicologa non mi farebbe male ,soprattutto se mi permette di capire il perchè di determinati comportamenti e/o delle precedenti paure...
ma sì, sapete che vi dico?
Che a S.Valentino, invece di uscire con il mio uomo che vedo ogni giorno con tanto amore, esco con la mia amica psicologa. Io le offro la cena e una rosa rossa, e lei mi psicanalizza.
Meglio di così si muore!
(Oddio....la morte......oddio....oddio...iperventilazione!!!)

16 commenti:

  1. Ahahahahahahaha, respira, respira!
    Quelle come noi che vivono in perenne stato d'ansia alla fine sono corazzate e di paure vere ne hanno poco. Anche perché avendo paura di tutto è difficile riuscire a fare una distinzione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sai che non c'avevo mai pensato?
      E' vero, le persone ansiose alla fin fine non hanno grosse paure :D
      Aspe....non ho paure, quindi non sono umana....oddioooo e allora cosa sono!?!!? o.O
      Niente, non fa ridere :D

      Elimina
    2. Non sei umana. Altra angoscia.

      Elimina
    3. Spero allora di essere un'aliena di quelle fighe e non stile ET o Jar JAr Biniks :S

      Elimina
  2. Bè, andare a cena con l'amica psicologa non è un'idea malvagia! Ma d'altra parte chi non ha paura di qualcosa? Però bisogne imparare a conviverci e magari pensare positivo e cercare qualcosa che ci fa sentire bene ed in pace con noi! Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma io ci provo a convivere con le mie paure....ma quando sembra che ci stia riuscendo e un grillo mi salta davanti non riesco a star cheta xD Devo correre il più lontano possibile urlando! xD

      Elimina
  3. L'unica cosa buona di S. Valentino è stata la Lelo che mi ha mandato un 20% di sconto per comprare qualche aggeggio per quel famoso giorno! Ma ancora non riesco a scegliere cosa comprare (complici anche i prezzi decisamente salati!).
    Comunque, paura di stare male di stomaco ce l'ha anche una mia amica, figurati che lei va ogni settimana a Torino dal fidanzato e parte da Sanremo... E si fa tutto in treno con le chiappe strette perché già al pensiero di dover partire le viene mal di pancia! E tutto finché non torna a casa sua. Povera!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mamma mia,povera la tua amica :S
      Però sai, anche a me "succede" ma solo la prima volta che debbo affrontare un viaggio. Mi spiego: il primo giorno di liceo? Colica e mal di pancia. Il primo giorno di Università con tanto di viaggio in treno da sola? Colica e mal di pancia.
      Gli esami? Colica e mal di pancia....e così anche mia nonna, mia cugina....perchè? Perchè siam ansiose da far schifo xD Quindi possibilmente si prende d'ansia pensando a cosa possa succedere lontano da casa, si sente male, e al viaggio successivo ripensando a cos'è successo durante il precedente si prende ancora più d'ansia e le viene di nuovo il mal di pancia ecc ecc xD
      Insomma, se è ansiosa la capisco ancor di più :D

      P.s. cos'è Lelo?

      Elimina
  4. A S. Valentino riempirò di cuori il mio blog :p
    A parte gli scherzi, veniamo alla lista: tranne cavallette e grilli (che mi fanno schifo in città ma assolutamente nulla in campagna), non condividiamo molto. Anzi, ad esempio io gli horror li adoro (tranne quelli di ultima generazione che fanno cagare a spruzzo)^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma io non ho capito perchè devi sempre cercare qualcosa che ci avvicini xD
      Te l'ho detto, devi mandare TUONOME e MIONOME al 484532! xD
      Comunque tutto sommato nemmeno a me dan fastidio cavallette e grilli,.....soprattutto se ben lontani dalla mia persona ^_^

      Elimina
  5. Ma dai che sei normale.. diciamo una sub-normale.. ahah.. comunque ti contraddici alla grande: odi i film horror e vai a cena con la psicologa?!?! arghhh!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahaha perchè,gli psicologi son horror? Ma guarda che la mia amica è tanto dolce e carina *_* E' solo poco poco fusa,ma lo son tutti gli psicologi,no? :D

      Elimina
  6. Ahahahah m'hai fatto morì XD comunque per la morte succede anche a me, per l'iperventilazione vado un pò a periodi. Anche io me la faccio sotto con cavallette & co. (io me ne son trovata una GIGANTESCA SULLA SPALLA, momenti moro) e per i film horror (Marco ormai ha rinunciato). La cosa dello stare meglio sott'acqua piuttosto che sopra è abbastanza originale, sì XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eeheh lo so, è strano, ma sott'acqua riesco a nuotare con il dorso raso-fondale (ovviamente non a grosse profondità),seguo le correnti senza problemi e non ho paura di nulla (forse poco poco delle meduse ma giusto perchè una volta, una mia conoscente,tuffandosi di faccia beccò in pieno una medusa che le deturpò,per tutta l'estate, il viso!)....insomma, mi sento "a casa" :D
      Comunque, sai che ti dico? Dovremmo fare il club anticavallette&grilli :D Sto scoprendo che siam sempre di più a non poterle vedere
      (non me la dire la cosa della cavalletta sulla spalla oddiooooooooooo)

      Elimina
  7. Il sogno base terrorizza anche me. Ma è questo terrore che ci spingerà a raggiungerlo senza lasciare niente al caso ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah, non saprei....dati gli ultimi avvenimenti (veri e propri scogli,in alcuni momenti) mi sto sempre più demoralizzando, buttandomi in un grigio presente fatto di "boh, che cacchio ne so di cosa ne sarà di me".
      E non è bello, no, perchè sto perdendo la voglia di scoprire il mio domani.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...