16/03/14

Listography 11- Sembro nata per lagnarmi

Sì, lo so, non si può avere tutto dalla vita; piatti pronti, porte aperte, sorrisi e gentilezze da tutti....però ci son situazioni che lasciano l'amaro in bocca.
Lo dico come consumatrice, individuo, studentessa e lagnosa DOC.
Cioè, ormai ho quasi venticinque anni, son vaccinata, ho diritto di voto, ho la patente, prossimamente su questi schermi pure una laurea....e voi solo ADESSO, solo ORA......
MI FATE I LEGO CON LE PRINCIPESSE DISNEY?
Ma io vi odio con  tutto il cuore!
Ho passato anni e anni della mia vita costruendo castelli "fatati" con i mattoncini della stazione dei pompieri che aveva mio cugino! Pomeriggi interi a cucire gonnelline per quegli "omini" dei Lego senza sesso e senza capelli, mesi e mesi raccattando tutti quegli sparuti fiorellini bianchi che voi buttavate nelle confezioni (giusto per far peso) per poter creare almeno un centrotavola....e adesso che son adulta mi fate i Lego Friends e la carrozza di Cenerentola da montare?
Siete cattivi.
Ok, effettivamente il bello dei mattoncini è sempre stato il poter creare la qualsisi con i soliti 500 pezzi...però dai, pensarci prima?
Oh, per me sarebbe stato tempo risparmiato 
per fare altri giochi.
Sì, quand'ero piccola giocavo con tante cose. Cose costruite da me, cose trovate in giro,cose acquistate, cose regalate....di tutto.
Ed anche lì dove il giocattolo era perfetto ed "altamente tecnologico" (almeno, lo era per gli anni '90) io usavo tutta la mia fantasia.
Fantasia che, per la cronaca, mi sta lentamente abbandonando a causa dell'età, dello studio, dello stress e del pc.


The Life In A Year


11° Listography- Your favorite toys played whit as a child 
per gli amici che mi stanno seguendo, si parla dei giochi con cui maggiormente giocavo da bambina.

1) Barbie:
Avevo il camper di Barbie, la casa di Barbie (purtroppo non quella con l'ascensore ma quella a valigetta), la spider rosso fiammante di Barbie, la vespa di Barbie, il servizio da dodici persone con annesse posate in metallo (sempre formato Barbie), il frigorifero di Barbie con tanto di cibo...
e poi 2 Shelly, un Tommy (fratellino di Ken) 2 Ken (uno dei quali rinominato Nick), 2 Skipper, una Barbie di colore, Barbie dentista con tanto di sedia e spazzolino per i denti, Barbie sciatrice olimpionica, Barbie con i trucchi nella gonna,  Barbie Sirena con coda che cambia colore, due Tania e....e basta.
Tutto il resto, dal vestito da sposa a le loro avventure, era frutto delle mie manine e della mia mente.
Tagliavo loro i capelli e/o facevo loro la tinta con i pennarelli Carioca; cucivo vestitini (storti) e aprivo negozi di abiti negli scatoloni di cartone...e poi, da brava bambina qual ero, le mie Barbie erano tutte fighe; karateke, dirigenti d'azienda di giorno, cantanti/attrici di sera e con dei fidanzati pirla (Nick e Ken) buoni solo per esser menati. Più precisamente, menati e lanciati in aria.

2) Polly Pocket:
mettiamo in chiaro una cosa; voi che avete reso le gloriose Polly Pocket delle Barbie versione mignon siete delle brutte persone. Davvero.
Le Polly Pocket, quelle VERE di quand'ero bimba io, erano più piccole di una clips per la manicure; composte da busto e arti facilmente divisibili, potevano solo esser piegate a 90°. Eppure, erano uno dei miei giochi preferiti. Ne avevo circa dieci con annesse "case-cofanetto" e con loro davo vita ad un'intera città dove io ero il sindaco.

3) I personaggi degli ovetti Kinder:
poichè ero una bimba parecchio golosa e molto brava nelle compravendite (es: "se io pulisco camera mia, tu mi compri una confezione da tre di ovetti Kinder?"), avevo e ho ancora oggi un bidoncino metallico (precisamente quello dei pandori) pieno di questi personaggi; i coccodrilli, le tartallegre, i fantasmi, i leoni vestiti da egiziani ecc ecc, più quelli degli ovetti di cioccolato di marche sì poco conosciute, ma contenenti pupazzetti come Topolino, Minnie, Paperino...oppure quelli contenenti i personaggi di Asterix e Obelix.
Insomma, erano e sono talmente tanti che, nei pomeriggi in cui non giocavo con la Barbie o con le Polly Pocket, perdevo mezza giornata per costruire la loro città con le scatole delle scarpe, posizionare ognuno di loro negli appositi quartieri d'appartenenza, creare una storia, fare le voci e....e rimetterli a posto.

4) Bambolotti vari:
Cicciobello "che non fa un cazzo", i gemellini "che se li allontani l'uno dall'altra iniziano a piangere e non la finiscono più fino a quando non levi loro le pile o li sbatti violentemente contro il muro" e Giulia, una bambola che non aveva nemmeno gli occhi che si chiudevano se la sdraiavi perchè erano DIPINTI.

5)Cucina:
pentolini e pentolette, padelline e finti alimenti riempivano il tavolo della cucina di mia nonna. Avevo il "frullatore", il mattarello, il fornellino..tutto. Ma, non contenta di ciò, obbligavo la suddetta nonna ad impastare pasta di sale o acqua e farina in modo da "cucinare" delle torte.
Torte che, modestia a parte, potevan avere solo due gusti: al latte (la pasta lasciata così com'era) o al cioccolato (pasta di sale più fango del giardino).
Benedetta Parodi si poteva metter di lato.

6) Venditrice di gioielli/ gioielliera:
quand'ero piccola trovai il portagioie di mia madre dove custodiva tutte le collanine (non d'oro) di quand'era ragazza e fu subito amore con tanto di supporto da parte di mia nonna che ripeteva "ma cosa potrà mai farci la bambina?".
Già, cosa potevo mai farci? Niente...le smontavo e le rimontavo a mio piacimento usando i denti da latte ancora rimastimi in bocca come pinze per chiudere gli anellini.
E una volta ricostruite secondo il mio personalissimo gusto, mi posizionavo in cucina doveì, con l'ausilio di mio cugino, davamo il via alla vendita di gioielli stile "Arrarrarra" dei Fichi D'India.

7)Esploratrice:
con la scusa di star all'aria aperta, mia nonna mi spediva in giardino per non combinare grossi guai. 
Perciò, non sapendo come dar fondo alla mia fantasia, con quattro sedie, un vecchio lenzuolo e delle mollette mi costruivo l'accampamento dove "custodivo" l'acqua potabile (borraccia dell'asilo), il cibo (pacchi di biscotti fregati in cucina), la mappa (carta geografica strappata dall'Atlante DeAgostini) e le armi per esplorare "la giungla".
Già, mica scema, io esploravo quella "giungla" armata di coltello (coltellino per tagliare il GranaPadano), frusta (corda intrecciata) e arco (canna di bambù con una lenza legata a gli estremi) con annessa faretra (ottenuta da un vecchio tubo chiuso alla base con un calzino).
La pala per girare le zolle di terra messa di lato, un limone tagliato in due per "curare le eventuali ferite" e via, mi arrampicavo su gli alberi per spiare i leoni, dissotterravo tesori, combattevo contro gli indigeni...

8) La scienziata (pazza):
secondo voi perchè mi ritrovo a sputar sangue amaro su gli ioni a comune che DEPRIMONO la dissociazione dell'acido? 
Perchè non ho nulla da fare? No. Io son buttata in quel sotto girone dell'Inferno, conosciuto come dipartimento di Chimica, perchè da piccola giocavo a far la scienziata pazza.
Un vecchio camice di papà addosso, un libro di biochimica preso dalla sua libreria, occhialetti protettivi compratimi per l'occasione, microscopio regalatomi per un Natale, bicchieri di plastica e profumi, detersivi, saponi, shampoo, bagnoschiuma, alcolici, bibite di vario genere....
tutto veniva da me mescolato, guardato e analizzato.
Prendevo un fiore? Lo pestavo fino a quando non gli facevo uscire "il succo" e poi mettevo questa poltiglia dentro un bicchiere per vedere che reazione scaturiva con l'acqua/il sapone/la prima cosa capitatami sotto mano.
Trovavo una pietra? Cercavo di capire se, immersa nel Tavernello, si sarebbe sciolta e/o colorata.
A fine esperimento, ovviamente, annotavo tutto in un quaderno senza sapere che, quasi vent'anni dopo, avrei odiato i quaderni di laboratorio.


E no, non ho mai ricevuto il Piccolo Chimico.

11 commenti:

  1. Siamo figlie di una generazione cresciuta a Barbie, altro che 'ste battone come Violetta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perchè, quella piagnucolona di Patty dove la metti? Tzè, che ne sanno loro!

      Elimina
  2. Per caso ti piacevano le Barbie? Diomio, come vorrei essere la Signorina Mattel. Ora avrei una casa di Barbie dove vivere!
    Ad ogni modo sai che anche io avevo un bidoncino del pandoro per mettere tutte le sorprese degli ovetti Kinder? Mi piaceva tantissimo - soprattutto quelle da montare - e come te nel tempo che le avevo tirate fuori tutte e sistemate in ordinate file (ah il mio amore per i regimi!) sul tavolo era già ora di levarmi dalle palle e rimettere tutto in ordine!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mahhhh, diciamo di sì, che mi piacevano xD Certo, in determinate situazioni preferivo altri giochi, ma da figlia unica che ha vissuto per dieci anni a dieci chilometri dalle compagne di scuola (e quindi ha sempre giocato da sola) le Barbie venivano prima di tutto perchè con loro parlavo, discutevo, cercavo soluzioni ai problemi della vita di una settenne.... xD

      Elimina
  3. Anche io giocavo allo scienziato, ed è assurdo perché anni dopo in chimica avrei preso sempre e solo 4, con un rifiuto totale di studiare quella materia per me così utopica e giocosa che si rivelò assurdamente penosa e triste, scolasticamente :(

    Sui Lego Principesse ti capisco: se un giorno faranno i Lego di He-Man, stai sicura che per me sarà lo stesso, ma li comprerò di certo! XD

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La chimica, così come la matematica, è un'arma a doppio taglio; stimolante e divertente se si incontrano professori che la pongono così, o completamente criptica e odiosa se si incontrano prof che non sanno nè spiegare nè farti appassionare.
      Inoltre la chimica, a differenza della matematica, è più "giocosa" e basta mostrare gli esperimenti giusti per suscitare interesse in chi la vede come un mostro :D
      Anche se ,effettivamente, ci son momenti in cui è veramente pallosa (tipo i calcoli)

      Detto ciò......voglio i Legooooo >.<

      Elimina
    2. E' vero, sarà che io mi immaginavo provette ed esplosioni atomiche, e invece... tavole degli elementi! -__-

      Sui Lego, giuro che se faranno i Lego Masters li comprerò tutti!

      Moz-

      Elimina
  4. Ho organizzato certi matrimoni tra le mie barbie e miei ken che il royal wedding di kate e william mi fa un baffo!
    Usavo scatoli di scarpe capovolti per i tavoli del buffet, crocifiggevo mia mamma per avere scampoli di stoffa e realizzare le tovaglie, realizzavo piccolissimi menù e partecipazioni e costruivo la torta nuziale con i cioccolatini :D
    Per il resto amavo giocare alla cuoca, la maestra e alla venditrice di bottoni e conservo ancora gelosamente le mie sorprese kinder :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahaha, allora posso chiamarti nel caso in cui non riesca ad organizzare il mio matrimonio? XD
      Comunque la venditrice di bottoni mi manca o.O Mai immaginato nemmeno quand'ero piccola! E pensare che la mia bisnonna e i miei prozii vendevano bottoni e pellicce xD

      Elimina
  5. Niente, due gocce d'acqua. Unica differenza: non facevo la scienziata pazza ma declamavo i miei libri a un pubblico pagante di bambole. Quando si dice le vocazioni... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, neanche a farlo apposta!
      Però scusa ma....quanto ti pagavano le bambole? XD

      Elimina

Post Simili

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...