27/04/14

Fuori i portafogli!!!


Chè, mi son data alle rapine via internet? 

No, non credo di dover ricorrere a questi mezzucci per spillare soldi in quanto cerco sempre, ove possibile, di avere una mia sufficiente autonomia che mi dia la libertà di acquistare almeno una Goleador alla liquirizia.
Buonaseraatuttivoichemiraccontateblablasoncontentapervoiecc ecc....
Io? Mah, io ho passato il 25 aprile STUDIANDO (salvo due ore nel tardo pomeriggio quando la salutare proposta "andiamo a fare una passeggiata sul lungomare!" è diventata, con l'ausilio di una coppia d'amici, un tour de panz pre-cena tra Winner Taco, arancini al pistacchio, pitoni e cartocciate con wurstel.), il sabato sera scoprendo perchè il Bluetooth si chiami così e la domenica mattina....eh, che domenica bestiale!
Sveglia presto per combattere contro Cramer, radici cubiche di numeri complessi e affini vari (che lo so che sembrano cose brutte ma credetemi; SONO PEGGIO) e poi via, a mangiare come porcellini!
Duecento tipi di antipasti, un primo, due secondi, trecento contorni, tre tipi di dolci dove i più leggeri erano i profiteroles...cose per gente a dieta, diciamolo.
Per carità, il 90% degli alimenti in tavola erano di origine iper-biologica, ma tra intingoli, salse, salsine e setteveli quei due trecento chili a forchettata non si son fatti desiderare di certo!
Indi per cui poscia, dopo un così luculliano pasto, una passeggiatina da casa degli ospiti alla Nuova Guinea sarebbe stata l'unica escamotage per un minimo consumo delle calorie ingerite, giusto?
Non per il meteo, che ha pensato bene di far giungere la nuvola di Fantozzi proprio sulla mia testa.
Anzi, rettifichiamo: proprio dentro le mie ballerine di camoscio.
Ecco, ora non ditemi se non sono sfigata: per tutto l'inverno non ho indossato siffatte ballerine per un motivo o per un altro (primo tra tutti: i gambaletti trinciapolpacci color carne di cadavere) ritrovandomi con i piedi bolliti dentro gli stivaletti causa caldo anomalo....e ora che siam praticamente A MAGGIO e posso mettere tali scarpette senza calze mi fai cantare sotto la pioggia?!
Ma sei proprio str******

Ok, stiamo andando fuori dal selciato. O si dice seminato?
No, ok, si dice seminario stando ad una battuta idiota di non so più chi.

Torniamo al titolo e facciamo l'analisi logico-grammaticale; "fuori i portafogli" (sottinteso: "o voi che sarete citati!").
Per cosa? Per una neknomination o, per meglio dire,
blogger'sbooknominationprisencolinensinainciusolohright.
Translate, Barbara di Cose che capitano solo a me m'ha sfidata a colpi di poesia!

In pratica il gioco consiste in questo:
In quanto blogger sfidata dovrò postare una poesia che amo e nominare, a mia volta, cinque blogger; quest'ultimi potranno accettare la sfida pubblicando la poesia che più piace loro entro 24 ORE, altrimenti, nel caso in cui non accettassero, dovranno regalarmi un libro!

Capito quindi il perchè di questo titolo?
Perciò bando alle ciance e beccatevi la poesia che amo!

Mi piaci quando taci

Mi piaci quando taci perché sei come assente,

e mi ascolti da lungi e la mia voce non ti tocca.
Sembra che gli occhi ti sian volati via
e che un bacio ti abbia chiuso la bocca.

Poiché tutte le cose son piene della mia anima

emergi dalle cose, piene dell’anima mia.
Farfalla di sogno, rassomigli alla mia anima,
e rassomigli alla parola malinconia.

Mi piaci quando taci e sei come distante.

E stai come lamentandoti, farfalla turbante.
E mi ascolti da lungi, e la mia voce non ti raggiunge:
lascia che io taccia col tuo silenzio.

Lascia che ti parli pure col tuo silenzio

chiaro come una lampada, semplice come un anello.
Sei come la notte, silenziosa e costellata.
Il tuo silenzio è di stella, così lontano e semplice.

Mi piaci quando taci perché sei come assente.

Distante e dolorosa come se fossi morta.
Allora una parola, un sorriso bastano.
E son felice, felice che non sia così.
(P.Neruda)


Mentre i blogger nominati sono:

1) AlexV
2)Platypus
3)M.
4)Mareva
5)Misantrophia


Che la forza sia con voi!

23 commenti:

  1. J'adore Neruda.

    ps che bruttissimo esame stai preparando? analisi 2? matematica discreta?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Analisi 1&2 anche se gli esami son separati =S Però, siccome non sanno decidersi su come smistare gli argomenti, ho 3000 cose per la 1 e quattro punti precisi per la 2 e quindi le studio insieme (sì, non è normale come cosa)!
      Comunque....matematica discreta? Da quando la matematica è discreta? Con me è sempre stata cafona xD

      Elimina
    2. No, è proprio una stronza!

      Elimina
    3. ASHhsaHSHAsahh cafona e stronza! Ma poi dico; non potrebbe risolversi i problemi da sola?

      Elimina
  2. http://chimicamentepoetica.blogspot.it/2014/04/un-buon-motivo-per-pubblicare-una.html

    Cara, missione compiuta. Ma la domanda è... tecnicamente non ti era stato regalato un libro da me??? :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dohhhhhhhh vero!!! >.< Uff, e allora niente, da te accetto un caffè xD

      Elimina
  3. ne: 

        
    Cara, la posto qua perché fino a mercoledì non posso postare. Ho scelto "La pioggia nel pineto" di D'Annunzio.

    Taci. Su le soglie
    del bosco non odo
    parole che dici
    umane; ma odo
    parole più nuove
    che parlano gocciole e foglie
    lontane.
    Ascolta. Piove
    dalle nuvole sparse.
    Piove su le tamerici
    salmastre ed arse,
    piove su i pini
    scagliosi ed irti,
    piove su i mirti
    divini,
    su le ginestre fulgenti
    di fiori accolti,
    su i ginepri folti
    di coccole aulenti,
    piove su i nostri volti
    silvani,
    piove su le nostre mani
    ignude,
    su i nostri vestimenti
    leggieri,
    su i freschi pensieri
    che l'anima schiude
    novella,
    su la favola bella
    che ieri
    t'illuse, che oggi m'illude,
    o Ermione.

    Odi? La pioggia cade
    su la solitaria
    verdura
    con un crepitío che dura
    e varia nell'aria
    secondo le fronde
    più rade, men rade.
    Ascolta. Risponde
    al pianto il canto
    delle cicale
    che il pianto australe
    non impaura,
    nè il ciel cinerino.
    E il pino
    ha un suono, e il mirto
    altro suono, e il ginepro
    altro ancóra, stromenti
    diversi
    sotto innumerevoli dita.
    E immersi
    noi siam nello spirto
    silvestre,
    d'arborea vita viventi;
    e il tuo volto ebro
    è molle di pioggia
    come una foglia,
    e le tue chiome
    auliscono come
    le chiare ginestre,
    o creatura terrestre
    che hai nome
    Ermione.

    Ascolta, ascolta. L'accordo
    delle aeree cicale
    a poco a poco
    più sordo
    si fa sotto il pianto
    che cresce;
    ma un canto vi si mesce
    più roco
    che di laggiù sale,
    dall'umida ombra remota.
    Più sordo e più fioco
    s'allenta, si spegne.
    Sola una nota
    ancor trema, si spegne,
    risorge, trema, si spegne.
    Non s'ode voce del mare.
    Or s'ode su tutta la fronda
    crosciare
    l'argentea pioggia
    che monda,
    il croscio che varia
    secondo la fronda
    più folta, men folta.
    Ascolta.
    La figlia dell'aria
    è muta; ma la figlia
    del limo lontana,
    la rana,
    canta nell'ombra più fonda,
    chi sa dove, chi sa dove!
    E piove su le tue ciglia,
    Ermione.

    Piove su le tue ciglia nere
    sìche par tu pianga
    ma di piacere; non bianca
    ma quasi fatta virente,
    par da scorza tu esca.
    E tutta la vita è in noi fresca
    aulente,
    il cuor nel petto è come pesca
    intatta,
    tra le pàlpebre gli occhi
    son come polle tra l'erbe,
    i denti negli alvèoli
    con come mandorle acerbe.
    E andiam di fratta in fratta,
    or congiunti or disciolti
    (e il verde vigor rude
    ci allaccia i mallèoli
    c'intrica i ginocchi)
    chi sa dove, chi sa dove!
    E piove su i nostri vólti
    silvani,
    piove su le nostre mani
    ignude,
    su i nostri vestimenti
    leggieri,
    su i freschi pensieri
    che l'anima schiude
    novella,
    su la favola bella
    che ieri
    m'illuse, che oggi t'illude,
    o Ermione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche la poesia scelta da te è molto bella, complimenti :) E con te siam già a due libri in meno :P

      Elimina
  4. Ho già ampiamente criticato questa catena di Sant'Antonio con ricatto.
    La gente crede che i blog siano stupide bacheche FB, e non tiene conto del rispetto per un sito che pubblica quando cazzo vuole, invece :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tanto io lo so che poesia avresti scritto nel caso in cui avessi partecipato u.U

      Elimina
    2. Son indecisa tra "S'i fosse foco" di Cecco Angiolieri e "Mi illumino di immenso" di Ungaretti xD

      Elimina
  5. Molto bella questa poesia di Neruda!
    Mentre analisi...ho i brividi solo a pensarci! x.x In bocca al lupo :*

    Vale A -che va a postare la sua poesia ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie e...crepi il lupo in funzione dell'esame xD

      Elimina
  6. Grazie del tag.
    Avendolo già fatto non so se lo rifarò però ti ringrazio ancora e bella scelta, tra l'altro.

    La pioggia, comunque, è anche mia nemica in questi giorni. Io volevo andare a Gardaland e invece mi sa che mi attacco al tram :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oook, allora a te la scelta di rifarlo o no :)
      Comunque lasciamo perdere, vaaahhh -.- Ieri diluvio, oggi che è lunedì 23 gradi e sole da spaccar le pietre!-.-
      Tanto son stata tutto il giorno chiusa in aula, mica dovevo andare a divertirmi =°°°
      Nuvole di merda!

      Elimina
  7. Però ora devi dirci perchè il bluetooth si chiama così...ci hai lasciati con la suspance! Almeno ho capito perchè la pioggia si è abbattuta sulla Sicilia durante questo weekend, tu avevi deciso di mettere le ballerine di camoscio: non si fa, è la legge di murphy :D
    Amo Neruda!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahaahah e va beeeeneeee!
      Il bluetooth si chiama così perchè riesce a mettere in contatto apparecchiature diverse così come fece Bluetooth, un regnante vichingo che riuscì a unificare alcune tribù della sua terra pur essendo tra di loro parecchio diverse (e si chiamava "denti blu" proprio perchè aveva il vizio di dipingersi di blu i denti).
      Infatti il simbolo del bluetooth è l'unione delle iniziali runiche di questo imperatore (di cui non ricordo il nome vero).




      Datemi un 30 e lode, ORA! xD

      Elimina
    2. Trenta e lode su libretto della blogger concesso... più che altro mi chiedo come sia venuto in mente a quello che l'ha inventato di pensare al re vichingo!

      Elimina
    3. Stando al documentario il creatore del Bt era un appassionato di storia xD

      Elimina
  8. grazie della nomination :) sono già fuori tempo e non sono molto poetica , ma ti posto comunque qualcosina qui in commento :)

    O que me dói não è
    O que hà no coração
    Mas essas coisas lindas
    Que nunca existirão...

    São as formas sem forma
    Que passam sem que a dor
    As possa conhecer
    Ou as sonhar o amor.

    São como se a tristeza
    Fosse árvore e, uma a uma,
    Caíssem suas folhas
    Entre o vestígio e a bruma.



    O que Me Dói não è

    Quel che mi duole non è
    Quello che c'è nel cuore
    Ma quelle cose belle
    Che mai esisteranno.

    Sono le forme senza forma
    Che passano senza che il dolore
    Le possa conoscere,
    O sognarle l'amore.

    Come se la tristezza
    Fosse albero e, una ad una,
    Le sue foglie cadessero
    Tra il sentiero e la bruma.
    -- Fernando Pessoa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bella *_* Però....ehhhhhh però in teoria ora dovresti regalarmi un libro xD

      Elimina

Post Simili

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...