Nota critica per una lettura serena

Nota critica:
Ai fini di una lettura serena, pacifica e spero divertente,vorrei premettere i seguenti punti:
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001."
.Cerco semplicemente di parlare di vari argomenti, prendendo ispirazione da esperienze personali e avvenimenti più o meno recenti che talvolta esulano dalla mia vita privata. Questo blog non nasce con fini offensivi verso persone, ideali o religioni; semplicemente generalizzo e condivido i miei pensieri. Grazie e Buona lettura.

25/06/14

Listography 25&26- Ununquadio, Ununexio, Ununoctio....

Bacheca Facebook, giorno 25/06/2014 ore 11:00.
Tizio 1: "Ahh, finalmente un poco di relax!"
Tizio 2: "Potere dell'abbronzatura, vieni a me!"
Caia 1: "Yuppi, mega giornata di shopping con my bestfriendsforeverandever!!!!1111/2%"
Caia 2: "Che bello farsi coccolare in un resort 5 galassie e mezzo mentre gli altri sono a lavoro..."


Pronto, prova, sa sa....mi sentite? Bene...
Siete dei grandissimi sadici di merda. Mentre la gente come me (cioè io e forse altri due idioti sul pianeta) si scervella sui libri per cercare di far quadrare i conti prima del 23 Luglio voi NON potete sbandierare ai quattro venti le meraviglie del dolce far niente! Soprattutto non quando si contano 35°C all'ombra, un'umidità del 100% e la sindrome premestruale.
<<Suvvia, non sei l'unica studentessa che sta chiusa in casa mentre gli altri si divertono...>>
Dici? No, perchè sempre stando alla mia bacheca Facebook ci son tanti miei colleghi e tante mie colleghe che:


-vanno a prendere l'aperitivo ogni pomeriggio
-partecipano a quasi tutte le serate in disco
-vanno a mare
-escono così tanto per "cambiare aria"


Che voi direte "abbè, magari han studiato prima e adesso si godono un meritato riposo...".
Ma meritato cosa?! Meritato dove che son più i cocktail bevuti (e fotografati) che le pagine studiate?!
Ma dovete....no, morire male no perchè non sono così cattiva.
Vediamo, dovete....ecco sì, dovete diventare come l'Ununquadio, l'Ununexio e l'Ununoctio; tre elementi sconosciuti, impronunciabili, inutilizzati e soprattutto emarginati lì, nell'angolo in basso a destra del blocco p della tavola periodica.
<<...Ammazza quanto sei stata cattiva eh...>>
Scusa, ma in questi ultimi giorni son talmente immersa nelle soluzioni più o meno acide da non saper più distinguere la realtà dalla chimica, tant'è che ieri non ho nemmeno visto la partita.
E sì, lo so, non mi son persa nulla a parte il morso subito da Chiellini, l'espulsione ingiusta di Marchisio e la maledizione degli arbitri Moreno dai favoritismi facili.
Comunque....


Qui si sta, come la dieta a Giuliano Ferrara. Che vuol dire? Non lo so, ma di recente son stata talmente tanto circondata da hipster e gente alla Fabio Volo che non riesco più a pronunciare frasi di senso compiuto. Inoltre le 10 ore di studio quotidiane (vi giuro, sono 10!) mi stan portando a legger la parola LASSATIVO lì dove v'è scritto LENITIVO, a provar fame leggendo dell'arrostimento dei solfuri e a non riconoscere nemmeno gli amici di famiglia inveendo contro di loro al suon di "che minchia guardi?!" nel caso in cui siano davanti la porta di casa mia perchè son venuti a farci visita.
Insomma, sono come un elettrolita forte in soluzione acquosa; completamente dissociata.
Eppure c'è tanta di quella gente convinta che la qui presente, in realtà, non faccia nulla se non ciondolare da mane a sera poichè figlia unica mantenuta dal papi. Ah! Se sapessero la verità!



The Life In A Year

LISTOGRAPHY 25° & 26° : Things most people probably don't know about you &  Bad Things you did as a child 
(Detto in maniera papale papale si parlerà di ciò che molto probabilmente le persone non sanno di me e delle marachelle da me combinate durante l'infanzia spensierata)

Con quale iniziamo? Ma con la 25°, è ovvio!

Cos'è che la gente non sa di me?
Mah, avendo un blog, una pagina Facebook, delle nonne, una mamma, una suocera e una discreta vita sociale credo che...credo che di me si sappia tutto. O forse no?
Sì, si sa tutto, dal più vergognoso al meno vergognoso tranne che...

-Non riesco a imparare le cose a memoria. O meglio, se comprendo il ragionamento e uso la stessa formula/teorema/quello che è infinite volte arrivo a ripeterlo "a pappagallo", ma se si tratta di imparare immediatamente qualcosa a memoria....ciao ciao. Però, di contro, ho una memoria fotografica terrificante (mi ricordo addirittura com'era vestito il cameriere che ci servì la sera del primo appuntamento con il mio uomo).

-Non riesco a dare le spalle a porte e finestre.
Ho sempre paura che spunti qualcuno dietro di me, mostro o umano che sia.

- Quando sono in imbarazzo riesco a star zitta per ore ma, appena mi si dà l'opportunità di parlare, non la finisco più (e nel frattempo, per fare la simpatica, dico boiate talmente potenti da vergognarmene 2 secondi dopo)

- mi scaccolo
(dai che lo facciam tutti)

-son stata io quella che, per prima nella coppia, ha sparato il primo rutto. E ne vado orgogliosa!!!

- Se sono stressata mi sfogo schiacciando brufoli e punti neri
(la schiena di Ciky porta ancora i segni delle mie unghie)

- Quando taglio i ponti con qualcuno/a lo/a tratto come se fosse un/a completo/a estranea. Però non riesco a portare rancore.

E poi....oh, e poi non mi ricordo null'altro e nel frattempo mi sto pure mettendo lo smalto! Ergo, passiamo all'altro punto, ovvero

Quali marachelle ho combinato da bambina?
Ero una bimba molto pacata quindi...

-Ho rotto un televisore a tubo catodico perchè volevo portarlo in camera mia per guardare i cartoni animati

-ho rotto un vaso a casa di una collega di mia madre

- ho tirato un pugno in faccia ad una bambina che mi stava antipatica (e ne vado orgogliosa ancora oggi)

- ho pensato bene di passare il lucido nero per le scarpe sui miei sandali, i miei piedi, le mie caviglie, mezza casa...

-ho invitato tutti i bambini del quartiere a casa mia

- un giorno ero talmente annoiata dallo star ferma e zitta nello studio di un medico che mi sedetti sulla poltrona con le rotelle e iniziai ad inscenare una battaglia tra me e dei fantomatici pirati con tanto di tende usate a mo' di liane.
Il cazziatone dei miei genitori lo sentirono anche a Roma.

- un giorno avevo sete e, stanca di dover aspettare per chiedere un bicchiere d'acqua alla padrona di casa, mi son alzata e ho aperto il frigo in cerca di qualcosa di fresco

- Ho cancellato la partita 
a Pokemon Rosso di mio cugino dal suo GameBoy per poterne iniziare una io

E poi niente, credo di aver tirato i capelli a qualcuno che mi stesse antipatico, fatto pernacchie e risposto "io son di gomma e tu di colla, da me rimbalza e su te si incolla" almeno un miliardo di volte.

Sì, son stata tanto Stronzia. 

22 commenti:

  1. Le cose a memoria condivido, in tanti anni di università non sono mai riuscita.

    Bambina che tutti vorrebbero per casa, la nostra DG :-DDD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AHhaHAHha effettivamente mi son descritta come una bambina viziata e pestifera ma, ad esser sincera, queste sono solo alcune delle cose più "birbanti" che abbia mai fatto (anzi, la storia della televisione tutto sommato è stato un incidente perchè se non fossi inciampata non mi sarei tirata dietro la tele) :D
      Diciamo che ero una bambina vivace e con poca pazienza :D

      Elimina
  2. Ma lo scaccolamento avviene ferma al semaforo o in privata sede? Ahahahaha :p
    E soprattutto ho il permesso di commentare o mi ė vietato visto che sono tra le pubblicatrici di foto di mare?
    Io da bambina ho chiuso mia madre fuori in balcone mentre stendeva i panni e ha dovuto chiamare i vicini per strada per far contattare mio padre e farsi aprire!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovvio, mi scaccolo in separata sede xD
      Comunque, per questa volta ti concedo di commentare ma solo perchè anche tu sei stata una studentessa disperata...o no? :P
      Oddio, veramente hai chiuso tua madre fuori? AhaHAHhah mi auguro non con cognizione di fatto!

      Elimina
    2. Sì direi che ho avuto la mia bella dose di estati vista scrivania più che vista mare!
      Inizialmente mia madre l'avevo chiusa fuori per farle uno scherzo (che simpaticona), poi però siccome avevo paura si arrabbiasse, mi sono spaventata e invece di riaprire, mi sono andata a nascondere sotto il letto! A cinque anni mi sembrava la cosa più logica da fare :)

      Elimina
    3. AHahAHhaH sei stata molto logica effettivamente! Anch'io mi sarei nascosta da qualche parte, tipo.... a casa di mia nonna xD

      Elimina
  3. Io ti comprendo perfettamente. Oggi dopo 15 giorni sono andata a fare spesa. Ero un essere a base di pancarrè. Studiare, studiare sempre e comunque!! :(
    Sono comunque sempre più convinta che ci si sarebbe dovute incontrare da piccole, io e te....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io, "per fortuna" ho mia madre che fa la spesa...anche se, ad ora, mi mancano:
      -cottonfioc
      -dischetti struccanti
      -ceretta per baffi
      -sapone liquido
      -cerotti per impurità...

      continuo? xD Arriverò al giorno dell'esame unta, pelosa e piena di punti neri!

      Comunque...sarebbe stato bellissimo incontrarci da bimbe *_* O ci saremmo amate o ci saremmo odiate <3

      Elimina
  4. Quella della partita a Pokemon Rosso mi ha fatta morire. Io ero già grande ma fidanzato mi racconta di quanto, da bambini, fossero tutti presi da 'sti giochi!

    E son sicura che la bambina il pugno l'ha meritato. 'ste idiote!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dirò; preferivo più il fatto che fosse un videogioco che non il cartone animato o,peggio ancora, le carte (quelle odiose carte Pokemon)....inoltre il bello stava proprio nel fatto che non avessi il GameBoy e quindi ci giocavo MOOOOLTO saltuariamente :D
      Per il pugno...sì, fu meritatissimo ^_^ M'aveva distrutto la cucina di Barbie che m'avevan portato dall'America!!!!!!!!! =°

      Elimina
    2. Ma che razza di stronza di merda!

      Elimina
  5. Mentre leggevo mi stavo scaccolando :p
    Comunque, aver cancellato la partita a Pokémon... questo ti farà andare all'inferno.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. HAHahHAHaH mi feci "perdonare" con il tempio maledetto di Indiana Jones versione Lego =P

      Elimina
  6. Io giocavo a Boxe con mio cugino...poverino una volta un pugno nello stomaco lo fece vomitare, mi sento ancora in colpa.
    Com'era? Le brave bimbe vanno in paradiso, quelle cattive vanno dovunque... sii cattiverrima!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, non ho tenuto conto di questo proverbio xD Anche se, ora come ora, al massimo vado dalla scrivania alla cucina, dalla cucina al bagno e dal bagno al letto xD

      Elimina
  7. Ahahah! Mi hai fatta rotolare con i tuoi modi cordiali agli amici di famiglia ( questi sconosciuti e impertinenti!)
    Dai ogni tanto prendi una pausa dallo studio e sgranocchia qualche solfuro arrostito ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cosa bella è che,quando m'han chiesto "ma scusa, non c'hai riconosciuti?", ho fatto finta di averli riconosciuti fin da subito sebbene la cosa sia stata palese da fare schifo xD Infatti mi sa che tra poco queste persone andranno in giro dicendo che faccio uso di droghe o psicofarmaci proprio perchè ho lo sguardo assente e non riconosco nessuno =P
      Comunque io li mangerei i solfuri arrostiti ....però dopo puzza troppo l'alito =/

      Elimina
  8. Eri una bimba carina e coccolosa mi dicono dalla regia!! Ahahahahahah ti stimo!!!
    La gente che grida ai 4 venti (in questo caso sulla bacheca di fb!) tutte le belle cose che stanno facendo, stanno sul cazzo pure a me!
    Da domani inizio a lavorare, addio vita sociale! :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Suvvia non ero una bambina odiosa =°° Miihh, non dovevo scrivere quelle cose :P
      Comunque ti capisco....oggi ho fatto un altro esame, dopodomani ne ho un altro ancora e il prossimo....a fine luglio -.- Ma tanto, alla fin fine, che c fa se poi a Settembre ne ho altri due e quindi passerò l'intero agosto studiando?

      Elimina
  9. "sono come un elettrolita forte in soluzione acquosa; completamente dissociata." Capisco e condivido.
    SOLIDARIETA' TRA CHIMICI. :)
    Anche io spesso mi chiedo come facciano quelle persone a dividersi tra uscite e studio.
    In periodo di esami iomi estraneo completamente dal mondo e fondo insieme ai libri.
    Sarò strana io, boh.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah, stando a quanto sostiene un mio prof, il connubio "chimico-eremita per lo studio" è la cosa più ovvia e scontata del mondo xD Lui stesso, ogni santa volta, non fa che ripeterci le seguenti parole:
      "quando avevo la vostra età mi alzavo alle 7 e iniziavo a studiare alle 8. Alle 13 staccavo, mangiavo e alle 15 ricominciavo fino alle 8:30. Cenavo, parlavo un poco con i miei (perchè ai miei tempi si PARLAVA e non si chattava) e poi sapete cosa facevo? Ricominciavo a studiare fino a quando non crollavo di sonno verso le 11! E tutto ciò a mesi dalla sessione d'esame!".
      Ma chi ce l'ha fatto fare? ^_^

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...