Nota critica per una lettura serena

Nota critica:
Ai fini di una lettura serena,pacifica e spero divertente,vorrei premettere i seguenti punti:
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001."
. Cerco semplicemente di parlare di vari argomenti, prendendo ispirazione da esperienze personali e avvenimenti più o meno recenti che talvolta esulano dalla mia vita privata. Questo blog non nasce con fini offensivi verso persone,ideali o religioni, semplicemente generalizzo e condivido i miei pensieri. Le critiche costruttive e i consigli sono ben accetti. Grazie e Buona lettura.

04/01/15

Sei modi per essere la quinta essenza della serotonina

Cinque chili fa era Capodanno. Venti, Natale.
E mo'? E mo' quel brio gioioso che le feste usano come il canto delle sirene per tirarci dentro la loro trama di cibo, calorie e leccornie, va' scemando. E noi, come degli scemi, ritorniamo nella solita routine.
Translate, si ritorna a lavoro/studio.
<<Hai rovinato quel briciolo di vacanza che ancor alberga nel cuore di tutti noi.>>
Ti sbagli, cara mia. Quel briciolo che alberga nel tuo cuore non è la vacanza, ma un pezzo di panettone.
<<Esagerata.>>
Realista.
<<Allora dimmi come fare per passare dalla gioia e dal candore al grigiore della vita.>>
Se lo sapessi, se avessi la ricetta perfetta, non sarei qui a lagnarmene, non credi?
<<Ok, allora dimmi qualcosa che si avvicini a questo metodo infallibile per smaltire la depressione di troppo, dato che con i chili in eccesso non abbiamo speranze.>>
La consapevolezza è il primo passo.

Da secoli gli uomini di buona volontà e di stomaci profondi si domandano: "come possiamo ritornare alla vita di tutti i giorni dopo le vacanze di Natale? Dobbiamo ibernarci fino all'arrivo delle vacanze Pasquali? Oppure non ci sono speranze salvo quelle di mettersi sotto le coperte piangendo abbracciati all'ultimo pezzo di pandoro?".
Sincera? Non lo so.
Cioè, a mio modesto avviso, credo proprio che le soluzioni siano soltanto due:
a) deprimersi, deprimersi, deprimersi.
b) Trovare qualcosa che compensi, in quei giorni di drastico passaggio, il senso di felicità che se ne va.
Dunque, giacchè questo è un blog dove si ride sempre sempre sempre (quando scrivo cose divertenti, è ovvio), mi pare giusto accantonare la prima soluzione ed evidenziare, invece, la seconda.
Anche perchè è il metodo che sto adottando io.
Indi per cui poscia che c'ho il cotechino piantato nella coscia, ecco alcune dritte per mantenere i livelli di serotonina sopra i minimi sindacali.
Are you ready?

1) Fare colazione con Nutella e dolci vari.
La cioccolata e tutto ciò che è di zuccherino aiuta il nostro corpo, dandogli la giusta carica per affrontare la giornata.
Inoltre, benchè in questi giorni abbiam mangiato come porcellini, la colazione a base dolciumi è un valido aiuto per smaltire quanto rimasto della torta Pan di Stelle del capodanno senza dar peso al troppo peso acquistato in queste settimane.

2)Vincere soldi.
Sì, lo so, ho scoperto l'acqua calda.
Però questa affermazione non è da intendersi con "vincere alla lotteria", quanto con "vincere soldi giocando con gli amici".
Va beh, chiarisco: dopo la full immersion di cene, cenoni e pranzi pantagruelici, gli amici di sempre devono far fuori i resti di tali deschi. Ergo, ci saranno sempre due o tre serate piene di Mercante in Fiera, Tombola e Cucù.
Perchè non cogliere la palla al balzo? Bastano un sacchetto di monetine da 1 e 2 centesimi, una faccia tosta e tanti amici per vincere somme considerevoli! E prova ne sono io che ieri sera, con solo 2 euro e 18 centesimi a pezzi da 1 centesimo son tornata a casa con 10 euro. Arrivando in finale a Cucù con due vite, tra l'altro.

3) Tisane,brodini, minestrine e acqua calda.
Dopo tutti questi trigliceridi, carboidrati, grassi insaturi e alcolici del discount, cosa c'è di meglio di una serata in pigiama di pile, filmone Disney, piumone morbidoso e tisana drenante?
Una serata così più pane e Nutella.
Tanto, se la tisana è drenante, la Nutella non attecchirà alla già sedimentata ciccia, no?

4) Fare ordine.
In casa, nell'armadio, in garage, nella vita, tra gli amici....ordine.
Benchè una scrivania troppo ordinata è sintomo di un massimo valore entropico (cit. il mio prof), un poco di ordine in giro fa bene al cervello. Ci fa sentire quasi capaci di saper gestire tutto, anche la nostra stessa vita. Perciò, prendete del tempo per sistemare quel cassetto stracolmo di ogni ben di Dio MA, senza esser frettolosi; è infatti possibile che tra tutte quelle cianfrusaglie ritroviate cose di cui avevate completamente dimenticato l'esistenza, oppure qualcosa che v'è stata data da una persona cara che adesso non c'è più. Insomma, prima di far ordine buttando ciò che sembra inutile, cercate di ricordare perchè quell'oggetto si trovi lì.
Magari è un piccolo tesoro di cui ignoravate il valore il giorno in cui l'avete avuto tra le mani la prima volta.

5)Cura di sè.
Che detta così, dopo tutti i pistacchi mangiati ecc ecc, sembra una presa per i fondelli. Eppure una mezza giornata tra maschere per i capelli, cerette, creme, massaggi e compagnia bella non son MAI una cattiva idea.
Specie se per Natale qualche anima pia c'ha regalato un buono per una SPA&co.

6) Shopping!
Verità assoluta, metodo antidepressivo per antonomasia e chi più ne ha ne metta.
Shopping, fortissimamente shopping. Soprattutto adesso che ci sono i saldi. 
Dopo le vincite alle giocate, i soldi ricevuti dalle nonne e le prozie, la tredicesima non del tutto spesa e gli sconti del 50%, come minimo si deve comprare almeno un paio di calzini con su stampati dei maialini volanti.
Lo shopping è d'obbligo, e ve lo dice una che ieri ha comprato il Parka più bello, comodo e coccoloso del mondo spendendo solo 20 euro (se non è culo il mio...).

Quindi, ricapitolando: coccolatevi con gli oggetti, il cibo o la cura del corpo. Rilassatevi, organizzatevi, divertitevi sempre senza pensare che tra pochi giorni si torna a lavoro o in facoltà, e lì vi aspettano le solite 4 ore di laboratorio, i viaggi in treni della speranza, gli autobus pieni di gente e germi, i professori, il freddo, le poche ore di sonno...e poi lo studio, gli esami, e ancora gli esami....
<<Eddai, e non ci pensare! Altrimenti ti verranno gli attacchi di panico!>>
Non ci riesco. Mi sa che quest'anno sto ferma al "deprimersi, deprimersi".
<<Devi cercare di esser felice e non pensare alla facoltà.>>
Fosse facile...
<<Perchè?>>
Beh, nel mio shopping antidepressivo ho comprato una cosa che...
<<Una cosa?>>
Una cosa troppo da studentessa.
<<Libri?>>
Peggio.


<<Cos'è!?>>
La struttura molecolare della serotonina.
<<Eh?>>
E' la felicità.
<<.....mangiare cioccolata no?>>
Ehh no perchè la cioccolata contiene la 2-Feniletilammina (ormone dell'innamoramento), la teobromina (xantina stimolante il sistema nervoso centrale), l'anandamide che è un blando cannabinoide del cervello e....
<<Gesù, Giuseppe e Maria, non sei normale.>>
E non sono ancora ricominciate le lezioni!


P.s. ho comprato anche gli orecchini, ovviamente! Il tutto grazie a LuxArt e alla loro bravura!

24 commenti:

  1. Consigli molto validi, credo proprio che li seguirò. A partire dall'ordine e dalla cura per sè stessi. Non credo di poter seguire il consiglio sul vincere soldi perchè noi è già tanto se giochiamo a Natale :(

    (la collana con la serotonina VINCE!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Son contenta che ti siano piaciuti i consigli xD Credevo fosse un post farlocco dato i temi molto random (e lo spumante che mi gira ancora in corpo) e invece pare decente xD
      Comunque ancora hai tempo per le giocate! Eventualmente organizzale tu mettendo la regola
      "la padrona di casa vince sempre".
      Semplice, no? xD

      Elimina
    2. In quel caso riuscirei a vincere qualcosa, ma dubito che qualcuno parteciperebbe XD

      Elimina
  2. Ma la collana della felicità è troppo forte! Anche se naturalmente, se non fossi stata tu a dirmelo non lo avrei mai capito che rappresentava quello :D
    Non ho un centesimo per fare shopping, il rientro a CittàLavoro sarà all'insegna delle puliZie dopo 10 gg di abbandono della casa, A. Comincerà a rompere che deve mettersi a dieta, io mi scervellerò per cucinare cose leggere ma buone e poi lo vedrò spuntare con le pringles, la salsa burger e 87 tavolette milka. Posso deprimermi e basta? :P svegliatemi per i primi di marzo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. HAhahahHAH il tuo A. è come il mio!!! Appena si vede più grasso inizia elencando tutto ciò che NON mangerà più e promettendomi interminabili passeggiate/corse sul mare...poi appena perde un etto o i pantaloni non stringono più mi fa "son dimagrito! Mi merito un arancino!" e si cala pure me -.-
      Spero solo che tu non sia come me che anche con l'aria gonfio e vengo sempre presa per donna gravida -.-

      Elimina
  3. Per come la vedo io, è bello tornare alla quotidianità: la magia deve pur finire, altrimenti che magia sarebbe? :)
    E la quotidianità comprende serata sul divano, pane e nutella, brodini e tutto ciò che (non) si fa sotto le Vacanze di Natale^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è anche vero; se non ci fosse il grigiore della quotidianità non vedremmo i colori delle feste :)
      Però ammettiamolo; è sempre un trauma! Piccolo, ma lo è xD

      Elimina
  4. Tesoro tutto, ma il brodino no!!!!! A pasta squaddata! Eddai XD

    Non mangerò più cioccolata così non mi innamoro più. Ecco. Tiè!
    La collana è fighissima, l'avevo già likata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Squaddata è sinonimo di squarata, vero? xD
      Comunque è ovvio, anche lei rientra tra quelle cosine leggere leggere che puliscono le arterie xD
      Inoltre ti stai sbagliando; non è che se mangi la cioccolata ti innamori...è che la cioccolata, chimicamente parlando, fa sì che la nostra mente si senta "euforica" così come quando ci si innamora! Anche per questo si mangia tanta cioccolata quando ci si lascia, non si è corrisposti o si ha il ciclo xD

      Elimina
  5. Tu ne sai sempre a pacchi!
    E fare ordine, quindi in sostanza buttare tutto e incasellare quel che rimane è il mio antidepressivo per eccellenza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appena ho letto la parola "pacchi" ho pensato sia al programma Affari tuoi che al significato osè che viene qui associato a questa parola! E' inutile ho ancora alcool in corpo!
      Comunque sì, l'ordine e la pulizia sono un antidepressivo meraviglioso, quasi quanto il prendere a pugni un sacco da boxe! Dopo ci si sente svuotate e soddisfatte!

      Elimina
  6. Risposte
    1. Anche io! Poi se ci si aggiunge un poco di olio d'oliva fatto in casa e un poco di peperoncino.... =Q____

      Elimina
  7. Tutto all'insegna del 'facciamoci del male'! Però durante le feste chi non si fa del male? E che godimento con pandori, panettoni più o meno farciti e cotechini! L'idea dello shopping mi sembra buona: se fatto a passo svelto può anche servire a smaltire qualche caloria! Ma tutto sommato non è un gran male se le feste sono (quasi) finite!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come dice una mia amica, "le feste SONO il male"! xD Però grazie al cielo si parla di male momentaneo e programmato quindi si può pure chiudere un occhio e farsi del male con piacere..perchè finiscono,grazie al cielo xD
      Comunque sai che non avevo visto lo shopping nell'ottica dell'attività fisica?E' un'ottima idea!

      Elimina
  8. Fortunatamente non soffro molto il ritorno alla "realtà", le feste mi stressano sempre!
    Riguardo ai consigli -che fanno sempre comodo, perchè ahimè non si è depressi solo dopo natale- li terrò a mente tutti tranne il fare ordine, a me non mi entusiasma per niente, anzi...
    comunque quella collana è davvero una figata! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Son contenta che i miei consigli, seppur "scontati", siano utili anche al di là delle feste :)
      Comunque grazie per la collana e se non te l'ho già detto, benvenuta nel mio blog :)

      Elimina
    2. grazie! :)
      fidati, tornano sempre utili, saranno pure scontati ma a volte uno si dimentica di quanto una cosa semplice possa farci tornare il buon umore!!!

      Elimina
  9. Più brodino e serotonina per tutti :)

    RispondiElimina
  10. Quella collana risveglia i miei sensi di geek.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ASHAhsaHSHh sei la seconda persona che associa il termine geek a questa collana! E il primo è stato proprio un mio professore :D Ormai s'è scoperta la mia vera "essenza"!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...