Nota critica per una lettura serena

Nota critica:
Ai fini di una lettura serena,pacifica e spero divertente,vorrei premettere i seguenti punti:
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001."
. Cerco semplicemente di parlare di vari argomenti, prendendo ispirazione da esperienze personali e avvenimenti più o meno recenti che talvolta esulano dalla mia vita privata. Questo blog non nasce con fini offensivi verso persone,ideali o religioni, semplicemente generalizzo e condivido i miei pensieri. Le critiche costruttive e i consigli sono ben accetti. Grazie e Buona lettura.

06/03/15

Cose che hai voglia di fare dopo aver messo lo smalto

Non ci credo. Non posso crederci.
<<Hai finito con gli esami??>>
Ora non esageriamo che di sto passo è più probabile che mi svegli bionda naturale.
<<Hai ancora esami?>>
Oh yeah.
<<E allora per qual motivo sei così sconvolta?>>
C'è il sole. Capisci? IL SOLE ESISTE, non è solo un racconto per i bambini! Il sole è vero, è luminoso, è caldo è...
<<...è pronto a piovere.>>
Ah?
<<Ci sarà pure il sole, ma quei nuvoloni grigi che c'han tanto tenuto compagnia sono ancora lì. Inoltre il meteo porta ancora strascichi di freddo con annesse influenze.>>
Cortesemente, non tocchiamo tasto influenze che dopo mesi e mesi di training autogeno contro la mia ipocondria selettiva, c'ho mamma che mi fa terrorismo batteriologico.
<<Della serie?>>
Ogni starnuto potrebbe essere, di seguito:
-influenza suina
-svizzera
-spagnola
-ebola
-gastroenteriti
-altro
aventi tutti capsidi virali talmente furbi che il nostro sistema immunitario non riesce a debellarli del tutto e quindi ci ritornano ogni 28 giorni come le mestruazioni.

<<Dai che manca poco alla primavera.>>
A quella da calendario,forse. Perchè qui, negli ultimi sessanta e più giorni non ha fatto altro che piovere, nevicare, grandinare e tormentare (infinito di tormenta). 
Per questo quel timido raggio di sole che, sulla via del tramonto, mi bussa alla finestra non fa che rallegrar il mio spirito leopardiano.
<<C'hai il pessimismo cosmico?>>
Io lo chiamerei scazzo, ma tant'è....
Indi per cui poscia, tra una guanina la cui etimologia è bene non sapere e una sintesi di Williamson, la qui presente cerca disperatamente di recuperare l'aria della primavera. Anche di perdere peso, ma quello è sempre e solo partito perso.
Così, con la scusa di un compleanno, ho ben pensato di sfoderare l'unico mio armamentario di bellezza e femminilità; gli smalti.

Non saprò mettermi il fondotinta, non saprò fare l'effetto occhi pesti, non saprò usare l'eyeliner, ma amo gli smalti. Pur avendo una mano tozza e la fermezza di mia nonna quando devo impugnare il pennellino con la mano destra.
Però, in fondo, cosa c'è di più colorato degli smalti?
<<Ombretti e rossetti...>>
ma qui parliamo di smalti, va bene?
Dicevo....ah, sì, i colori. Milioni di colori. Colori caldi, pastello, glitterati, opachi...colori e colori. E la tipologia? No, dico, vogliam parlare della tipologia?
<<In che senso?>>
Parlo degli smalti metallizzati, di quelli che cambiano colore sotto l'acqua fredda o calda, di quelli effetto granito e pure di quelli effetto velluto. Sì, esatto, velluto. Che sinceramente è l'unico che mi fa caga...
Comunque, gli smalti son bellissimi. Talvolta cari, talvolta portatori sani di false speranze, e talvolta lenti ad asciugare. Ecco, più che "talvolta" sarebbe più giusto usare il termine SEMPRE.
Così, ogniqualvolta in cui finisco di stendere l'ultimo strato di viola eggplant, devo stare almeno cinque minuti immobile. Ma ferma ferma, eh.
<<Beh, cosa ci vuole a star ferma con le mani cinque minuti?>>
Per te niente, per me...

Ogni qualvolta in cui metto lo smalto, signore mie, succede che:
-mi scappa la pipì
-devo soffiarmi il naso
-sento l'impulso di grattarmi la schiena
-sento l'impulso di grattare la qualsiasi
-mi viene voglia di legarmi i capelli
-mi viene fame
-mi viene sete
-mi viene in mente qualcosa e sento che devo appuntarla subito o me la dimenticherò
-ho voglia di sfogliare un libro
-sento l'impulso di piegare le camice
-vedo un brufolo e voglio schiacciarlo
insomma, qui in Sicilia si dice che "mi mangianu i manu". Per i non siciliofoni, "ho le mani che formicolano" .
Risultati? Se non riesco a resistere, cerco di poter fare quanto elencato sopra senza usare minimamente polpastrelli e dita, ritrovandomi a dover placare il prurito alla schiena così come fa un Grizzly uscito dal letargo, o ad aprire la bottiglietta d'acqua usando i denti lasciando comunque, volente o nolente, tracce di smalto in ogni dove.
Se riesco a resistere...beh, sarà solo una vittoria di Pirro.
Perchè nel momento stesso in cui sia seriamente convinta di poter muovere le dita ormai bloccatesi per la posizione, mi verrà voglia di indossare qualcosa che presenta cerniere e/o bottoni.
Bottoni e cerniere che da nere, per dire, diventano misteriosamente color viola melanzana.
Ed è subito parolaccia.

Insomma, sarà pur vero che ormai esistono smalti che si asciugano in 0,1 secondi, ma...ma sarebbe troppo farne di più veloci? Voglio dire, io in 0,1 secondi riesco ad avere prurito in 200 parti diverse del corpo!!! Venitemi incontro!
<<Suvvia, prova a resistere! In caso cerca di aiutare lo smalto ad asciugarmi muovendo le dita...>>
l'ultima volta in cui l'ho fatto ho tirato uno schiaffo ad una mia amica lasciandogli non solo la forma della mano ma pure la forma delle unghie (smalto annesso).
<<Allora accendi il phon e usa quello per asciugarle.>>
Sì, e come lo tengo il phon? No, mi sa che ora brevetto un altro metodo.
<<Quale?>>
Scrivere post random su cosa mi succede quando metto lo smalto.
<<Ma non sporchi la tastiera?>>
No se digito una lettera alla volta usando il naso!

13 commenti:

  1. c'ho mamma che mi fa terrorismo batteriologico

    Non puoi capire quanto ho riso per questa. Comunque succede anche a me con lo smalto, molto spesso purtroppo. Quello che succede più spesso appena finisco di pitturare è, in ordine:

    - devo andare al bagno
    - devo sistemare di corsa i piatti della lavastoviglie perchè sta arrivando qualcuno
    - devo cucinare perchè a Massimo non va
    - devo ritirare i panni stesi perchè proprio in quel momento ha iniziato a piovere

    Uffa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheheheh diciamo che in realtà è un terrorismo psico-batteriologico, ma il senso mi sa sia chiaro comunque :D
      E noto, quasi con piacere, di non esser l'unica ad avere problemi con gli smalti =°° Certo, non mi capita di dover cucinare ma il resto potrebbe pure succedermi :D
      Comunque ti dico solo questo: dopo oltre MEZZ'ORA dall'aver messo lo smalto e convinta che fosse asciutto, ho sbottonato il pullover. Risultato? Smalto smangiato a metà unghia perchè ancora non era asciuttissimo!! -.-

      Elimina
    2. A me capita spesso di mettere lo smalto la sera, dopo cena. Il bello è che faccio i miei calcoli del tipo sono le nove, andrò a letto almeno fra tre ore quindi va bene, a mezzanotte si sarà bello che asciugato. UNA MAZZA! Mi sveglio la mattina con la stampa delle pieghe del cuscino -.-

      Elimina
    3. Ecco, un'altra come me! Basta, è un complotto delle industrie cosmetiche! Lo fanno perchè così si è costrette e ripassarlo e quindi a consumare più smalto e,di conseguenza, a comprarne di più!

      Elimina
  2. Ahahahah io faccio sempre la stessa cazzata. aspetto tre minuti. Lo guardo, sembra asciutto. lo tocco lievemente con un dito. rimane comunque l'impronta. Imprecazioni in congolese. sigh.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti capisco, ohh come ti capisco! Infatti ormai il test dell'unghia lo faccio solo dopo cinque minuti anche se...anche se ho degli smalti bastardi! -.- Non sai quante volte lo tocco, non rimane l'impronta, mi convinco che sia asciutto al 100% e poi...-.-

      Elimina
  3. i gomiti rega', occorre un master nell'uso alternativo dei gomiti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'ho provato, ma son troppo larghi per tastiere e smartphone =°°

      Elimina
  4. Lo smalto bello fresco sulle unghie ti fa ricordare quante cose hai da fare nella vita.
    E che devi farle tutte in quel momento!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco,il tuo commento racchiude non solo il messaggio del mio post ma l'intero senso della vita!
      Grande Misa xD

      Elimina
  5. Ho finito di mettere lo smalto, ho avuto l'impulso di andare a spulciare il tuo blog... e mi ritrovo davanti questo post.
    Ti amo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, va beh o.O Veramente?!?! AHahHAHahHAhah E' che tra noi due c'è una qualche connessione chimica :P
      Però ricordati che non sono io il chimico a cui dir ti amo :P

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...