07/06/15

Di cookie, sparkling, Nutella e lamenti di vario genere

Saaaalve!!! Come va? Tutto bene? Qui no.

Il cielo è grigio e si odono tuoni in lontananza, interrotti di tanto in tanto dalle ambulanze che portano i feriti/gli ammalati della mia ridente città all'ospedale più vicino, cioè a SOLI 15 km.
Già, perchè qui, dove abbiamo 3000 bar, 200 parrucchieri, 40 sale gioco/scommesse e ben DUE edifici adibiti (chi prima e chi dopo) a nosocomio, han ben pensato di lasciarci senza Pronto Soccorso. Di chiudere baracca e burattini levandoci ogni reparto.
Senza Ostetricia, senza Ortopedia, senza Rianimazione, senza nemmeno un cerotto. Tanto, cosa importa se da "oggi" si potrà morire anche per un'appendicite? L'importante è organizzare feste di paese, pubblicizzare il turismo e montare il maxi schermo nella piazza principale per offrire lo spettacolo della finale di Champions.
Ma non siam certo qui per parlare della sconfitta della Juventus.
<<E allora di cosa parliamo?>>
Mah, potremmo parlare del fatto che il mio "profilo privato" su Facebook abbia preso vita e sia diventato autonomo.
<<Cioè?>>
Cioè, negli ultimi giorni, ho avuto modo di metter il "Mi piace" alla pagina della Nutella, dei Kit-Kat e della CocaCola.
<<Embè? Sono prodotti che a te piacciono, no?>>
Sì, ma c'è solo un piccolo problema; non li ho messi io quei "Mi Piace".
Translate, a meno che non ci sia qualcuno che si diletti a collegarsi con il mio profilo solo per accrescere le pagine di questi prodotti mentre io dormo o sono in laboratorio, si tratta di "truffa".
O spam, mangiaciumi e quello che volete voi.
<<Ma scusa, ti dà così fastidio la Nutella?>>
La Nutella no, e nemmeno gli altri prodotti in quanto li consumo con una discreta regolarità.
Quello che mi dà sinceramente fastidio è il fatto che il concetto di privacy non viene minimamente rispettato. O, per meglio dire, quello che mi infastidisce è che si cerca pubblicità e consensi così, senza onestà e trasparenza.
E non sono nemmeno l'unica, tra i miei conoscenti, a cui ciò è accaduto.
<<Effettivamente non è corretto....ma i cookie? Cosa c'entrano?>>
C'entrano in quanto "cibo" e non c'entrano in quanto si tratta di informatica.

Come avrete senz'altro letto in altri blog/siti, da un paio di giorni a questa parte esiste una normativa sui cookie e sul loro utilizzo nei siti italiani.
Ma, cosa sono questi cookie?
Beh, la risposta è molto semplice:

CHE MINCHIA NE SO?!

Tra laboratorio e ignoranza informatica, non ho avuto modo di capirlo. L'unica cosa che ho appreso, leggendo i vari blog che seguo, è che questi cookie comportano una privacy policy e il non utilizzo/avvertire/quello che è porta a sanzioni economiche di un certo spessore.
Ergo, servono a creare spauracchio informatico.
Indi per cui poscia, nell'attesa che qualche anima pia mi spieghi, con ausilio di slide e marionette, cosa diamine siano questi cookie, io vi avverto che potreste scoprire che pure il mio blog li possiede. Tant'è che, per pararmi il culo evitare fraintendimenti informatico-legali, ho copiato paro paro  preso spunto per la Privacy Policy ( la trovate in alto nella HomePage, tra le varie pagine a cui potete accedere) dal caro Moz.
Ah, e mi pare pure giusto dirvi (soprattutto per chi dovrebbe "controllare" il corretto uso di questi cookie), che all'attivo ho solo 5 euro. Quindi niente multe grazie.

<<Finito con le lagne?>>
Sì, dai, passiamo alle cose belle.
<<Tipo?>>
Tipo che ho sognato dei numeri, li ho giocati e ho fatto ambo.
<<Davvero? Ma che culo! E quanto hai vinto?>>
1 euro e 44. Però all'inizio credevo di aver vinto 14 euro e 40 centesimi e, lo ammetto, mi sono emozionata.
<<Mi pareva infatti strano che tu potessi avere un colpo di fortuna...>>
Ma veramente il giorno dopo ho trovato dei soldi sotto l'albero della facoltà.
<<Sì, va beh! Quanto hai trovato? 50 centesimi?>>
No, veramente ho trovato ben altro.
<<Un euro?>>
50 LIRE.
<<Ma se c'è l'euro da quasi tredici anni?!>>
Cosa vuoi che ti dica, se mai un giorno tornerà la Lira io ho già 50 lire nel portafogli.
<<Ti prego, dimmi almeno che il tuo inglese sta migliorando grazie all'amica londinese!>>
Sì, posso dire di sì. Dopo Cocconut's man, ho imparato a dire tante altre cose. Per esempio, adesso non dico più "water with a gas" per indicare l'acqua frizzante, ma dico "sparkling".
<<Benissimo, e poi?>>
E poi niente. 
<<Scusa, ma allora a cosa serve questo scambio culturale?>>
Beh, mica imparo solo io eh...impara anche lei.
<<Davvero? E cosa ha imparato?>>
Il necessario per farsi capire qui in Sicilia.
<<Ovvero?>>
Ovvero, sa dire:
-assettiti (siediti)
-'mbare (compare)
-chi minchia è? (che cosa diamine è)
-cammiti (calmati).

<<Insomma, bella figura ci fai! Lei impara il siciliano con facilità e tu impari a dire solo "sparkling"!>>
A dir la verità ho solo imparato a scriverlo e il significato.....come pronuncia sono ancora scarsa.
<<Santo cielo...>>
Prego, si dice Oh my God!

6 commenti:

  1. Alla fine i siciliani vincono sempre su qualunque colonialismo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' perchè noi stessi siam frutto di infinite colonizzazioni xD

      Elimina
  2. AHAHAHAH! Sull'inglese m'hai fatta morire XD ora comunque andrò a controllare il mio account per vedere se anche io risulto iscritta a queste pagine :/ riguardo i cookies, io ho lasciato l'avviso automatico di Google. Possibile che non basti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eeheh, io e l'inglese ormai siam pappa e ciccia xD Comunque non saprei darti altre risposte sui cookie perchè davvero, non c'ho capito una mazza :S Ma perchè devono complicarci la vita?!

      Elimina
  3. Risposte
    1. ^_^ Lo dice pure la mia amica psicologa :D grazieee :*

      Elimina

Post Simili

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...