Nota critica per una lettura serena

Nota critica:
Ai fini di una lettura serena,pacifica e spero divertente,vorrei premettere i seguenti punti:
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001."
. Cerco semplicemente di parlare di vari argomenti, prendendo ispirazione da esperienze personali e avvenimenti più o meno recenti che talvolta esulano dalla mia vita privata. Questo blog non nasce con fini offensivi verso persone,ideali o religioni, semplicemente generalizzo e condivido i miei pensieri. Le critiche costruttive e i consigli sono ben accetti. Grazie e Buona lettura.

17/05/16

Indiana Geffer e l'esame maledetto

Ci sono cose che a raccontarle non ci si crede.
Anzi, se non fossi io il soggetto di tale situazione e quest'ultima mi venisse narrata, non ci crederei.
Eppure è tutto vero.

Fine Febbraio 2016.

Collega:<<Allora, che programmi hai per lo studio?>>
Io:<<Ehh, ho deciso che i primi di Aprile mi presenterò all'esame del Professore X! Infatti passerò tutto Marzo studiando la sua materia giacchè è bella tosta!>>
C:<<Il Professore X?!?! Ma tu lo sai vero che fare esami con lui è un terno al lotto?>>

I:><Perchè? E' severo?>>
C:<<No, ma chiunque voglia far esami è soggetto a sfiga. Io stesso ci sono passato, mi è successo di tutto e di più, pure prendermi la mano-piedi-bocca pochi giorni prima dell'esame!>>
I:<<Minchia! Comunque tranquillo che più sfiga di quella che ho non è possibile!>>


Primi di Marzo.
FEBBRE A 39.9 per oltre una settimana.
I:<<Minchia, già ho perso 10 giorni di studio porcazozzamaiala! E va beh, mi sa che lo farò a metà Aprile...intanto, sotto con lo studio e le lezioni!>>
Neanche il tempo di dire ciò che, nell'ordine, è successo:
-mia madre che si opera (nulla di grave, ma ho dovuto comunque badare a casa)
-orari di lezioni talmente assurdi da farmi perdere 2 giorni di studio su 7 a settimana
-fidanzato partito per Roma
-Padre che decide di insegnarmi la sottile arte del "sbrigati i problemi burocratici da sola girando per gli sportelli degli uffici stile Asterix&Obelix".
-altri vari ed eventuali.


Primi di Aprile.
In segreteria.
I:<<Salve, sa se per caso il Professor X è nel suo studio?>>

Segretaria:<<Mi dispiace ma il Professore è partito per un convegno.>>
I:<<Ah...e quando torna?>>
S:<<Credo a metà mese.>>


Metà Aprile.I:<<Basta, questo esame si deve fare! Dov'è il professore?>>
Segretaria:<<E' ammalato.>>
E ma porcatroia....


Primi di Maggio.
Finalmente a tu per tu con il prof.
I:<<Professore salve, le vorrei chiedere quando sarebbe possibile fare esame...>>
Prof:<<Ah, si guardi, *COF COF*, non sto ancora bene e settimana prossima non ci sono. Facciamo quella del 19?>>
I:<<Ok...>>

OGGI.
Email al prof:
"Gentile Professore, sono la studentessa più sfigata di questo dipartimento. Volevo chiederle se perciò l'esame di questa settimana sarà confermato."
Nessuna risposta.
Nessuna risposta.
Nessuna risposta....
"Salve, purtroppo sto di nuovo male. Però dopodomani dovrei avere lezione e quindi, in teoria, dovrei essere in dipartimento, quindi si potrebbe provare a fare l'esame proprio dopo tale lezione. Tanto negli altri giorni starò comunque a casa per la convalescenza. Le va bene?"


Ora, al di là della mia preparazione ecc ec....se stai male, e male SERIAMENTE, come posso obbligarti a fare esame? Ok, questo non dipende da te nè da gli impegni accademici ma cacchio, accetto che si sposti ancora di una settimana.

"Professore, mi dispiace che lei stia così male. Eventualmente, date le sue condizioni, potremmo spostare l'esame alla settimana successiva di modo che abbia il tempo di riprendersi."
Quando gli ho inviato questa email? Alle 12.
Bene, sono passate quasi 24 ore e ancora non ha risposto.



Ergo, in teoria, domani ho un esame. Un esame per una materia che, sinceramente, odio con tutto il mio cuore. 

Ma a chi avrò mai fatto del male nella mia vita precedente?

Giuro che, il giorno in cui riuscirò a scappare da questa facoltà, riporterò in forma cartacea tutte le mie disavventure e regalerò le copie di tale opera somma a chiunque voglia intraprendere la mia stessa carriera accademica nel mio dipartimento.
Altrimenti, sfrutterò l'idea per una sit-com talmente divertente e articolata da farmi diventare miliardaria, cosa che forse la mia laurea non potrà certamente permettermi.
Ai posteri, al fato e al fattore C. l'arduo finale.
To be continued....


10 commenti:

  1. Che posto magnifico l'università! ahahaha
    Meglio se vai domani e preghi che ci sia sul serio. Altrimenti sono altre settimane che se ne vanno...
    Tanti auguri ;)

    CervelloBacato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti domani ci salgo armata di ceri votivi, medicinali e non so cos'altro xD

      Elimina
  2. Risposte
    1. Ehh, per non rischiare di esser smascherata (ho scoperto che alcuni colleghi leggono il mio blog pur non sapendo chi ci sia dietro) preferisco non dirlo :D Posso però dire che si tratta di una materia scientifica bella tosta!

      Elimina
    2. gestione e organizzazione della sfig :)))))) ok

      Elimina
  3. Forse il riuscire a fare l'esame è la vera difficoltà di 'sto esame!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma a sto punto pare proprio che sia così! Anche se gli argomenti che tratta tale materia sono veramente odiosi (non tanto difficili, quanto pieni di perifrasi e dimostrazioni che lo stesso professore, ha ammesso, dimenticheremo facilmente una volta laureati. Della serie "allora perchè cacchio debbo studiarli?!")

      Elimina
  4. No. Va beh. La sfiga.
    Ma alla fine l'hai dato o no sto esame?

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...