Nota critica per una lettura serena

Nota critica:
Ai fini di una lettura serena, pacifica e spero divertente,vorrei premettere i seguenti punti:
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001."
.Cerco semplicemente di parlare di vari argomenti, prendendo ispirazione da esperienze personali e avvenimenti più o meno recenti che talvolta esulano dalla mia vita privata. Questo blog non nasce con fini offensivi verso persone, ideali o religioni; semplicemente generalizzo e condivido i miei pensieri. Grazie e Buona lettura.

12/07/16

Vivo la mia giornata un quarto di Mocio Vileda alla volta


Continua la mia epopea da Cenerentola/studentessa disperata.
E sì, vi sto facendo una testa tanta con le mie lagne, ma il blog è mio ed è forse l'unico spazio dove posso farlo.
Quindi non taccio.

Ormai la mia routine è una ed una soltanto: svegliarmi, preparare la colazione, mangiare di fretta perchè nel frattempo sia il cane che i pesci rossi (oddio, sembrano più idrovore) reclamano anche loro il cibo, lavare i piatti, pulire il fornello, passare la scopa, buttare la spazzatura, rifare i letti, passare l'aspirapolvere, lavare i pavimenti, lavare i bagni, sudare, lavare le scale, stendere i panni lavati dopo aver raccolto e piegati quelli asciutti, sudare, preparare il pranzo, mangiare in fretta e furia perchè il cane reclama anche il pranzo, alzarmi ogni due secondi per prendere o quell'altra cosa che mio padre vuole ma che gli viene in mente solo dopo essermi seduta, lavare i piatti del pranzo, rilavare il pavimento della cucina, sudare, studiare, sudare studiando e studiare sudando, preparare la cena.....
Insomma, ci siamo capiti.

Pur avendo da ridire su come le ho preparate
le ha dimezzate in trenta secondi
In più, come se non bastasse, devo pure dar fondo alla mia fantasia in cucina, cercando di preparare qualcosa di diverso ogni giorno e che, nel contempo, piaccia sia a mio padre che al mio uomo (qualora ceni da me).
Per questo ieri sera ho deciso di dare il meglio di me preparando cotolette di pollo alla menta e le melanzane a funghetto.
Translate....FRITTURA.
Il tutto con il mio uomo dietro, pronto a dispensar consigli inutili, e il cane alla stregua di un bimbo mammone comodamente sdraiato tra il fornello e me.
<<Amore, io alzerei la fiamma così...>>
<<Amò, ti levi?>>
<<Oh, voglio solo darti una mano! Comunque secondo me i pomodorini li dovevi tagliare cosà.>>
<<Amò...TI LEVI?>>
<<E poi, secondo me, avresti dovuto tagliare le melanzane più sottili e magari farle friggere di meno....>>
<<TI LEVI DAI COGLIONI?>>
<<Oh, calmina! Lo sai che in questi giorni sei nevrotica?>>
Non sono nevrotica. Sei tu che mi stai addosso creando ancora più calore di quanto non faccia la padella!
Ma se già in laboratorio non sopporto quelli che mi si appiccicano dietro guardando quello che faccio e non faccio (prof compresi), figurati in cucina con 40 gradi e dell'olio bollente davanti!
Però, dove non ci si mette lui o mio padre con i suoi desideri da uomo gravido ("e se domani sera preparassimo il pane condito? Tanto che ci vuole a impastare?"), ci si mette la mia sfiga.
Della serie che, dopo aver lavato la cucina, preparo una ciotola di insalata di riso con tutti i crismi, apro il frigorifero per riporla al fresco e...
mi cade dalle mani.
Riso, tonno, cipolline, mais e condiriso in ogni dove.
Con annesso pianto da parte mia e cane intento a darmi una mano mangiando quel che trova.
"Abbè" direte voi, "può succedere".
No che non può succedere perchè nella stessa giornata mi è caduta a terra una ciotola in terracotta che s'è polverizzata in miliardi di pezzi diversi, mi si è aperto il sacchetto della spazzatura mentre lo portavo fuori e la lavatrice s'è mangiata non so quanti calzini.
Ecco, spendiamo due secondi per le lavatrici.
Loro lo sanno quando sei di fretta. E sanno quanto tu tenga ad un determinato capo.
Per questo e solo per questo decidono autonomamente di mangiarsi qualche calzino (vogliono giocare alla caccia al tesoro), far durare il lavaggio più del tempo, far scolorire la maglietta preferita anche nel caso in cui tu abbia messo l'acchiappa colori e impostato il lavaggio a 40°, non eliminare la macchia di olio dalla tovaglia...
Sono malvagie.
E ancora di più lo è anche la lavastoviglie, la quale decide di riempire d'acqua sporca l'unico bicchiere che non hai messo a testa in giù o di buttare l'acqua non nello scarico ma sul pavimento.

Detta papale papale, sto sclerando.
Tra l'altro, in quei rari momenti di quiete apparente in cui magari decido di aprire il libro e studiare o mi permetto di sedermi sul wc, cosa succede?
Suona il citofono. Il telefono e il telefonino.
Tutti e tre contemporaneamente.
Della serie che il mainagioia è ormai il mio modus vivendi.
Però, dietro questa esistenza da massaia mannaia a me, pare esserci del buono.

Non solo ormai posso reputarmi pronta ad un'eventuale vita coniugale, ma pare proprio che svolgere le faccende domestiche con 30° già alle 10 del mattino faccia perdere peso.
Sì, stando ad internet e a vari forum dedicati alla casalinga in forma, passare l'aspirapolvere e lavare i pavimenti per un'ora fa bruciare 300 cal, mentre lavare i piatti ne fa bruciare 180 così come lavare i bagni e fare mille mila volte le scale su e giù facciano bruciare, in toto, altre 300 calorie.
Perfetto...e allora perchè la bilancia segna un chilo in più?

Ho deciso: da domani si mangeranno solo insalate in piatti di plastica.
Così non solo non dovrò più cucinare e lavare piatti (ritrovandomi anche con più tempo libero per lo studio), ma forse riuscirò a perdere questo dannato peso!

Potere dello sgrassatore, vieni a me!!

8 commenti:

  1. Piatti di plastica is the way! Buona idea! xD
    E poi le insalate vanno da dio con sto caldo. Io non so mai che mangiare. Mi da quasi fastidio avere il piatto caldo fumante sotto il naso. Quindi mangio insalata. Anche se non ho notato chili in meno. Ho raggiunto, proprio ora che tra un po' si va al mare, il massimo del mio peso di sempre! Olè!!!

    CervelloBacato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so, lo so ma purtroppo nn posso comunque attuare il piano plastica&insalate-.-
      Mio padre è contrario all'uso di quei piatti (perchè inquinano e son soldi buttati) e, da bravo uomo del sud, se non mangia almeno un capretto al giorno non è sazio! Quindi ciao ciao insalata =°°

      Elimina
  2. ...non averne a male cara, ma credo tu sia vagamente isterica...
    e come ti capisco tu nemmeno lo sai!
    ci sono giorni che vanno dormiti, a volte a dover essere dormite dovrebbero essere settimane su settimane...
    purtroppo essere donne di casa non è una cosa che tutte possono reggere... io pensavo di si, e mi mette quanto meno in difficoltà latente e pesantissima non essere davvero in grado di farlo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che se non ci fosse anche lo studio in mezzo avrei vissuto questo periodo con più "serenità". Infatti il mio problema è che non riesco a far conciliare le due cose perchè se studio non riesco a concentrarmi pensando a cosa devo o non devo fare e, nel frattempo, se sbrigo le faccende le faccio in fretta e furia perchè penso che dovrei studiare!

      Elimina
    2. Secondo me lei non è isterica ma è solo stanca perchè studiare è difficile (però non so cosa studia) con questo caldo e badare alla casa è ancora più difficile.
      Fossi in lei darei solo la priorità allo studio!

      Elimina
    3. E' vero, questo caldo non dà tregua, ma alla fin fine ho trovato il metodo xD Nei momenti di pausa studio sbrigo qualche faccenda di casa :D

      Elimina
  3. Per come la vedo io la scena della frittura, non sei isterica: sei stata istigata. Un consiglio va bene, ma quanta ansia mette il fatto che ti sta alle spalle a osservare ogni minimo dettaglio?! Odio cucinare, cosa che di solito mi costringe anche a mettere i vestiti in quello strumento demoniaco che è la lavatrice... tu fai cadere la roba a terra, io chissà come me la ritrovo sempre addosso (banchetti di cerimonie varie comprese, immancabilmente)xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Maya :* Effettivamente odio chi mi mette ansia a prescindere dalla persona...anche perchè soffro già di mio di ansia :D
      E per le macchie no comment, anche io riesco a macchiarmi con tutto e ovunque -.-

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...