Nota critica per una lettura serena

Nota critica:
Ai fini di una lettura serena, pacifica e spero divertente,vorrei premettere i seguenti punti:
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001."
.Cerco semplicemente di parlare di vari argomenti, prendendo ispirazione da esperienze personali e avvenimenti più o meno recenti che talvolta esulano dalla mia vita privata. Questo blog non nasce con fini offensivi verso persone, ideali o religioni; semplicemente generalizzo e condivido i miei pensieri. Grazie e Buona lettura.

01/08/16

Per il prossimo compleanno voglio un collier

Esatto, un collier.
Non mi interessa la marca, non mi interessa il materiale, non mi interessa quanto costi nè chi me lo regali: io voglio un collier.
Un collier di corni rossi antisfiga.

Giungono oggi al termine i miei quattro giorni lontano dai libri.
Quattro giorni dedicati solo a me, al fidanzato, a gli amici a.....?
A pulire casa.
A fare la spesa riempiendo in carrello oltre ogni limite consentito dalla legge.
A preparare la torta per il suo compleanno.
A piangere.
A galleggiare in piscina chiedendo di rimanere lì fino all'estate 2017.

Ma partiamo con ordine.

Dopo la serata della stella cadente e della resilienza (vedesi post precedente) con rientro a casa alle ore 03:00, l'indomani cosa avrei mai potuto fare?
<<Dormire!>>...no.
<<Andare a mare!>>...mmhh, no.
<<Oziare!?>> ma anche no.
Sveglia alle 7 per pulire casa. Botta di vita mode on.
A seguito di ciò, corsa per l'acquisto del regalo di compleanno per un'amica, preparazione pranzo, pseudo sistemata (aka: doccia e shampoo) e uscita furtiva per comprare il regalo di compleanno al fidanzato oltre a gli ingredienti per la sua cheesecake, molti dei quali irreperibili.
Il tutto con annesso odio profondo per il direttore del supermercato qui vicino che, alle ore 20:15 (dopo aver girato altri 300 supermercati alla ricerca della schifosissima colla di pesce) aveva già chiuso le porte d'ingresso e, vendendomi dietro il vetro con la faccia stravolta e le mani giunte per chiedergli di farmi entrare un secondo, s'è girato verso lo schermo del pc per continuare a giocare a Spider.
Strunz.
Fatto tutto ciò, dopo essermi cambiata siam corsi al compleanno della nostra amica dove, appena arrivata, s'è alzato un unico coro.
No, non "Buon Compleanno a Tizia" ma...
"CAZZO C'HAI CHE PARI FESTER ADDAMS?!" rivolto a me.
Com'è e come non è, la serata è trascorsa tranquilla, tra chiacchiere e patatine di tutti i gusti. E poi via, rientro alle 02:00.
Tanto il giorno dopo cosa avrei potuto fare?
Andare a mare, dormire, oziare, ballare la macarena?
No, dovevo svegliarmi 
di nuovo alle 07:00 per preparare la torta al mio fidanzato e fare la spesa.
Pranza, sistema il regalo, contatta gli amici che la sera ci raggiungeranno lì dove il mio uomo ha deciso di suonare a discapito del suo birthday, doccia, smalto, suda...
Ed eccomi lì, al tavolo.
<<Scusa ma Caio e Sempronia?>>
<<Non vengono...>>
<<Ma...ma...ma così siam 13 a tavola! Porta male!>>
<<Dai, credi mica a queste scemenze? Sei una donna di scienza!>>
Sarà pure come dici tu amica mia, ma dopo quello che è successo mi sa proprio che si dovrà rivedere il concetto di "stupida credenza".
Infatti, nell'ordine:
-salta la luce mentre suonano
-una mosca muore nel bicchiere di una mia amica
- spostando una sedia faccio rotolare il casco integrale di un amico graffiandogli la visiera
-cercando di chiedere scusa a suddetto amico faccio cadere il bicchiere di vino rosso ancora pieno sulla maglietta di un altro amico
-mi brucio i peli del naso con l'accendino
-ci sbagliano il conto
e, dulcis in fundo, la torta per il mio fidanzato, proprio quella famosa cheesecake FREDDA che avevo consegnato alle cameriere per farla mettere in freezzer o in frigo, m'è stata consegnata SCIOLTA.
A stento, ma proprio a stento, siam riusciti a tagliare lo spesso strato di cioccolato fondente prima la base che inondasse il tavolo.
E qui, non ho retto più.
Ho incominciato a piangere mentre gli amici e le amiche cercavano di consolarmi.
<<Dai, capita a tutti una giornata storta!>>
<<Wow, la mia giornata storta dura da 27 anni...>>
<<Suvvia, devi esser positiva altrimenti le attiri tu le sfighe.>>
<<Più positiva sono e più cariche negative attraggo, si chiama magnetismo.>>
<<Ma guarda che è comunque buona la torta!! Certo, ci vuole una cannuccia ma è buona!!>>
Insomma, son crollata. Non so se per stanchezza o per disperazione da maiunagioia, ma son crollata.
<<Dai amore mio, è stato comunque un bellissimo compleanno. Ho suonato, i nostri amici più cari son venuti qui e la donna che amo è al mio fianco.>>
<<Parli  *snifff* della *sniifff* chitarra o di me?>>
<<Parlo di te, scema.>>
La sua pazienza zen mi lascia sempre di stucco.
Così, dopo questo disastroso compleanno (almeno secondo me) e rietro alle 02:00, tutto sembrava terminato. Finalmente gli ultimi due giorni di relax parevano esser vicini senza interruzioni.
Fino a quando, la mattina successiva (ore 07:30) un martello non m'ha svegliata.
<<Ma che cacchio?!!?!?>>
Padre:<<Ben svegliata! Vestiti che c'è il muratore per sistemare quella cosa che da circa quattro anni necessitava di manutenzione....ah, e il cane ha la diarrea quindi devi fargli il riso in bianco!>>
L'ho già detto mai una gioia?
Da qui, è ripartito il giro del "sistemati il più possibile, suda il minimo indispensabile e caricati di tutto" in quanto anche quella sera il mio ragazzo suonava.

In sintesi, dopo un altro rientro all'alba con le caviglie gonfie e le occhiaie profonde, è arrivato l'ultimo giorno di "relax".
Cogliendo la palla al balzo (ovvero non ricevendo visite inaspettate, ordini perentori e chi più ne ha ne metta), ho deciso di tornare ad esser una donna assaporando qualche coccola di bellezza. Finchè...
<<Amore che impegni hai questo pomeriggio?>>
Terrore.
<<...perchè?>>
<<C'hanno invitati in piscina.>>
Piscina??
<<Sì c'ha invita....amo? Pronto? PRONTO?!>>
No, non ero svenuta; ero già sotto casa in costume, pareo e tovaglia.
Finalmente avrei visto qualcosa di diverso dalla mia vasca da bagno.
Finalmente l'ultimo giorno di "vacanza" prima del ritorno sui libri avrei assaporato del cloro misto al sole, all'autoabbronzante e al relax.
Una nuotata, una giocata a schiaccia sette, il progetto di passare il ferragosto insieme...questo è estate.
<<Amore, hai visto che alla fine una giornata di relax c'è stata?>>
<<Sì. Domani incomincerò a studiare con più pace interiore.>>

ILLUSA!

Stamane, ore 07:00.
<<Domani sera verranno ospiti a cena ma mangiamo in terrazza. Però si deve pulire. Ah, e f
orse oggi torna il muratore non so a che ora, non so per quanto tempo ma so che tornerà e sporcherà tutto. Inoltre il cane ha fatto la pipì sulle piante in giardino. E si deve  cambiare l'acqua ai pesci.>>

Un collier di corni rossi. O, in alternativa, un biglietto di sola andata per qualche isola sperduta.

8 commenti:

  1. Mi viene da piangere a leggerti :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti da domani il blog cambierà nome diventando "Doppio Kleenex con ghiaccio" xD

      Elimina
  2. I corni rossi sono in frigo (ma non so quanto funzionino vista l'odissea di ritorno).
    Suggerimento:
    &laquo; → «
    &raquo; → »
    (mi raccomando il punto e virgola finale)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beati loro che son al fresco :D Comunque non ho capito il suggerimento o.O

      Elimina
    2. Se inserisci quelle sequenze di caratteri che iniziano con una & e finiscono con un punto e virgola, ottieni le "virgolette belle". Confronto:
      << «
      >> »

      Elimina
    3. Ahhh,non lo sapevo! Ammetto di essere negata in questo campo ma farò tesoro del tuo consiglio :D

      Elimina
  3. Sai qual è il brutto delle cose negative? Offuscano quelle positive, anche dove siano affiancate.
    Vedremo sempre prima la cosa negativa e solo dopo quella positive la e non sempre la vedremo.
    Capitano in quantità eguali cose belle e cose brutte, il segreto è imparare a notare quelle belle.

    No: non è facile per un cazzo, però si può.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, non è facile però ricordo vagamente di esserci riuscita qualche volta! Forse dovrei "allenarmi" di più :D

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...