Nota critica per una lettura serena

Nota critica:
Ai fini di una lettura serena, pacifica e spero divertente,vorrei premettere i seguenti punti:
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001."
.Cerco semplicemente di parlare di vari argomenti, prendendo ispirazione da esperienze personali e avvenimenti più o meno recenti che talvolta esulano dalla mia vita privata. Questo blog non nasce con fini offensivi verso persone, ideali o religioni; semplicemente generalizzo e condivido i miei pensieri. Grazie e Buona lettura.

01/12/16

All i want for Christmas


Eccolo, è arrivato.
E' qui, con il freddo, la neve sull'Etna, la bilancia che trema, le decorazioni nei negozi. Ah no, le decorazioni sulle vetrine dei negozi c'eran già il 15 novembre.
Va beh...
Signori, signore, è giunto dicembre.
Che parta il count down per il Natale 2016 e l'addio a questo anno bisesto/funesto.
Siete pronti? Avete già tirato fuori le palle (di natale) e allentato le cinture?
Vostra zia ha già fatto incetta di bagnoschiuma nel casalinghi sotto casa, quello che vende tutto a un euro, in modo da non esser impreparata al momento delle visite dei parenti?
E vostra nonna ha già il sugo sul fuoco per quelle che saranno le lasagne del cenone?
Bene.
E qui?

Qui nella landa di Doppio Geffer pare esserci uno strano limbo tra "dobbiamo fare l'albero" e "ancora c'è tempo".
Complice il fatto che la matrona di casa andrà via durante il ponte dell'Immacolata, non è stato ancora riesumato alcun scatolone delle feste.
<<Quando torno faccio l'albero!>>
<<Ma se vuoi lo faccio io...>>
<<No che non hai gusto!>>
<<Grazie.>>
<<E poi è un lavoro pesante, non riusciresti a farlo.>>
<<Mi faccio aiutare dal fidanzato, altrimenti a che serve? >>
<<No e poi no, ci penso io quando torno.>>
ILLUSA!
Con la complicità di mio padre e del mio uomo, abbiamo già pianificato tutto.
Il giorno stesso in cui lei partirà, io e la mia metà razionale ci intrufoleremo nel sottoscala e prenderemo tutto ciò che servirà per dare un tocco natalizio a questa casa.
Apriremo e abbelliremo l'albero secondo il nostro gusto e, soprattutto, dopo circa 10 anni farò quello che m'è stato impedito dalla capa: farò il presepe.
Quello tradizionale.
Sì, proprio quello con la carta color mimetica per fare le montagne, quella blu con i puntini argento per fare il cielo stellato, la capanna, le statuine, il laghetto e il muschio.
Finalmente un presepe con la P maiuscola e non con la C di cacata ceramica.
Niente stormo di angioletti che circondano un Gesù bambino della Thun. Niente drappo color beige che funge da nuvoletta candida e immacolata e pietre colorate poste un poco a cavolo qua e là per dar colore.
Muschio, anatre, scantatu da stidda (il pastore rimasto a bocca aperta vedendo la stella cometa) e ziu Innaru riemergeranno dalle viscere degli scatoloni per tornare ad esser i personaggi del Natale.

Ma in queste settimane non ho progettato solo questo; complice la poca voglia di studiare che si è ri-impossessata della sottoscritta, ho già stilato la lista regali che dovrò prendere, anche se quest'anno sarà veramente dura.
Soldi a parte, dopo otto anni di onorata carriera da fidanzata, trovare qualcosa da regalare al mio Lui è risultata un'impresa epocale giacchè gli ho regalato tutto ciò che, normalmente, si può regalare al proprio innamorato.
Gira che ti rigira, ragionamenti su ragionamenti, sono alla fine giunta alla soluzione più idonea, facendo pure il salto di qualità  da "fidanzata amorevole" a "moglie".
Translate, quest'anno gli regalerò un indumento.
No, non un bel golfino o una giacca. Nemmeno una cravatta o una sciarpa.
l'antisesso

Quest'anno gli regalerò un pigiama.
questo è un pigiama!
<<Un pigiama?!>>
<<Sì amo', un pigiama. Quelli che hai mi sembrano i pigiami di mio padre!>>
<<Ma sono comodi!>>
<<Ma fan cagare!>>
<<Non è colpa mia se li fanno così.>>
<<Scommettiamo che io ne troverò uno più "guardabile"?>>
<<Impossibile.>>
<<Fidati di me.>>
Purtuttavia, dato il fatto che ormai lui sa cosa potrebbe trovare sotto l'albero (anche se, in realtà, non ci sarà solo il pigiama), ho ben pensato di riesumare un'altra tradizione della mia infanzia; la letterina a Babbo.
No, non Babbo Natale. Proprio Babbo inteso "papà".
Poichè da piccola ero sicuramente molto più intelligente di adesso, e dato il fatto che scoprì quasi subito che la figura di Babbo Natale è solo frutto della fantasia, fingevo sì di scrivere una letterina a Babbo Natale ma poi, facendo le opportune copie, le "dimenticavo" sul comodino di papà, sul frigo in cucina, nella sua auto e perchè no, pure tra le riviste in bagno.
Giusto per esser sicura che le leggesse, diciamocelo.
Così, armata di carta e penna, ho stilato la lista di ciò che vorrei.
Non per vantarmi, ma sono stata pure parsimoniosa.

-Smalto rouge noir (Kiko)
-sciarpa blu
-mouse e tastiera senza fili
-collana con croce di Ankh
-un libro qualsiasi

Triplice copia sia per mio padre che per il mio uomo e via, incrociamo le dita nella speranza che almeno uno di questi regali diventi mio.

Eppure, oltre alla lista regali e all'organizzazione addobbi, mi son fatta prendere la mano anche per le eventuali giocate.
Con chi, quando, dove e perchè tutto elegantemente elencato in tabelle degne del miglior psicopatico organizzatore.
Casella cibo, casella bibite, casella invitati, casella location, casella giochi con annessa "Tombola Imbruttita".
Cos'è la Tombola imbruttita? Niente di più semplice!
Le regole sono le stesse della classica e "noiosa" tombola, solo che non si gioca con i soldi.
In pratica ogni partecipante deve portare uno o più oggetti a dir poco ripugnanti, kitsch, inutili e assurdi che ha in casa (ovviamente incartati in modo da non far vedere cosa siano).
La gondola veneziana che si illumina tipo palla stroboscopica, la statuina di un clown che cerca di impiccarsi, un cd di canzoni di Gigi D'Alessio...ognuno porta qualcosa del genere e li mette in gioco per l'ambo, la terna, quaterna, cinquina e tombola.
Credetemi, per la prima volta in vita vostra vedrete gente che celerà il fatto di aver raggiunto la quaterna.

In fine, tra tutti queste pianificazioni e liste dei desideri, ho cercato di organizzare anche altro.
Lo studio, la maratona di cartoni Disney, lo studio, le gite fuori porta, lo studio e....e il non ingrassare.
Cercare di limitarmi il più possibile durante i pranzi, le cene e le giocate stesse così cariche di stuzzichini e bibite gassate.
Muovermi ove possibile, dire no anche di fronte all'aringa affumicata immersa in olio, pepato e cipolletta fresca e sfondarmi di tisane.
Anche perchè ho già comprato il vestitino che indosserò a Capodanno e vorrei entrarci anche quel giorno.
Oh cielo, ora che ci penso ho dimenticato una cosa! Non ho ancora organizzato la serata dell'ultimo dell'anno!!

10 commenti:

  1. Anche io quest'anno regalo un pigiama XD È l'idea più natalizia secondo me che esista. Cioè quando lo vuoi regalare un pigiama?!?
    Qui da me ancora niente decorazioni, ma tutti mi sa che aspettano me :D
    Ti sconsiglio la tastiera e soprattutto il mouse wireless. Sono un consumo immane di batterie e quando iniziano a scaricarsi le pile ti verrà voglia di lanciarlo a chi te l'ha regalato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh oltre ai pigiami ci son le vestaglie!! xD Solo che lui non le usa, mannaggia! Comunque dici che son scomodi? :/ Ma io li desidero tanto perchè quando studio e non mi serve il pc ho la tastiera e il mouse sempre in mezzo ai piedi che mi levano spazio :(

      Elimina
  2. Son sicura che di questo passo ci saranno persone che inizieranno a tirar fuori i decori dì Ferragosto!

    Ps: sono Misa!

    RispondiElimina
  3. Ah, questo è sicuro! P.s. lo so, seguo già il tuo nuovo blog :P

    RispondiElimina
  4. Scantatu da stidda... AHAHHA, bellissimo :)
    Coomunque, avendo un matrimionio il 10, per ora devo pensare a quello e il Natale è solo il secondo step.

    Moz-

    RispondiElimina
  5. Perchè, voi come lo chiamate? xD Comunque tremendo un matrimonio il 10 di dicembre! Anche se una mia collega si sposerà proprio a dicembre...anzi, IL 4 DICEMBRE! Alla faccia del referendum!

    RispondiElimina
  6. Ma i pigiami sono bellissimi! Io ne compro sempre di super scemi a Lui da Tezenis!

    E che bella lista semplice che hai fatto: che brava!

    Noi zero decorazioni casalinghe: costano troppo :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero? Allora non è una prerogativa da mamma/nonna/moglie comprarli e regalarli! Che bello, mi sento meno vecchia :D
      Comunque hai provato con le decorazioni fai da te? Quest'anno voglio provare a fare decorazioni low cost (presepe a parte che si sa che la carta per il cielo e quella per le montagne costa!)

      Elimina
  7. ...io il Natale lo adoro da sempre, e l'ho fatto entrare in casa una settimana fa, convinta che almeno per un mesetto debba esserci l'albero luminoso a troneggiare sulla pace famigliare...
    per il resto, sto pensando alla wishlist, l'anno scorso l'ho fatta a suon di foto su instagram, condivise su facebook, dove dare dritte ed idee a chi mi conosce e vuole farmi dei regali...
    ma quest'anno (ancora) non l'ho fatto, e non lo so se lo farò... però darò delle gran belle dritte ai miei congiunti... non sia mai che si sbaglino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io avrei voluto farlo entrare prima, ma tra università e madre isterica per cosa mettere o meno nei bagagli è stato impossibile :(Ma mi rifarò mentre lei non c'è :D
      Carina comunque l'idea di condividere la wishlist sui social, specie se i congiunti usano anch'essi questi mezzi di comunicazione :D

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...