Nota critica per una lettura serena

Nota critica:
Ai fini di una lettura serena, pacifica e spero divertente,vorrei premettere i seguenti punti:
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001."
.Cerco semplicemente di parlare di vari argomenti, prendendo ispirazione da esperienze personali e avvenimenti più o meno recenti che talvolta esulano dalla mia vita privata. Questo blog non nasce con fini offensivi verso persone, ideali o religioni; semplicemente generalizzo e condivido i miei pensieri. Grazie e Buona lettura.

19/02/17

La Vida es un carnaval

Che io sia rimasta un poco bambina inside è ormai lapalissiano; sogno sempre ad occhi aperti, non riesco a staccarmi dai cartoni animati la mattina, conosco a memoria tutte le canzoni Disney (anche le più recenti) e in qualsiasi negozio vada, un giro nel reparto giocattoli lo faccio lo stesso.
Insomma, Forever young degli Alphaville l'han scritta per me.

Purtuttavia, è da circa sedici anni che non festeggio il carnevale.
Nel periodo dell'adolescenza l'idea di farlo mi dava ribrezzo in quanto "ormai troppo grande" mentre nel periodo del diploma, lavoricchiando in disco, col cavolo che ci spuntavo in maschera che c'avevo da gestire la lista del privè. Aggiungiamoci poi che con l'avvento del magico mondo dell'Università, la sessione invernale cade sempre in questo periodo, il carnevale è rimasto solo un blando ricordo di me travestita da Biancaneve circondata da torsoli di mela, da damina dell'800, da egiziana, da dea greca e compagnia bella.

Inoltre, tra queste varie e poco chiare motivazioni, ammetto che tanto ha fatto il mio fidanzato, ormai restio alla sua fanciullezza.
Perchè sì, se io sono forever young, lui è forever vecchietto che guarda i cantieri.

Eppure, quest'anno, è accaduto il miracolo; non solo son riuscita a convincerlo a travestirci, ma dopo circa vent'anni abbiam anche guardato la sfilata dei carri di Acireale, patria del più bel Carnevale di Sicilia.
E come avrete senz'altro letto nel post precedente, si è subito palesato l'annoso problema della maschera.
Maschera economica, che mi possa stare bene, facile da fare e che non faccia sfigurare.
Insomma, volevo un miracolo e non solo per me, ma anche per lui che non aveva nè idee nè tanta voglia di farlo.
Indi per cui poscia, in questi giorni di studio matto e disperatissimo, ho incominciato ad elucubrare giungendo alla conclusione che l'unico travestimento possibile fosse la pirata; un paio di stivali, un paio di pantaloni neri, una camicia bianca, un cappello da pirata e la spada. Niente più e niente meno.
<<Ok,appena ho tempo compro quel che manca.>>
Peccato solo che....
Amica:<<Allora ragazzi! Domani tutti ad Acireale! E mi raccomando le maschere!>>
DANNAZIONE! E mo'?
Così, in preda allo sconforto del poco tempo a disposizione per creare qualcosa, ho lanciato i libri in aria quando, ad un certo punto, uno di essi non è ricaduto sulla mia testa instillando in me un'idea geniale e un bernoccolo epocale.
Quale "indumento" mi calza a pennello, descrive la mia follia e non mi costa nulla?
Ovvio...IL CAMICE!
Ed è così che io e il mio uomo siam diventati degli scienziati pazzi.

Alla fin fine avevo già tutto in casa: due vecchi camici da laboratorio pieni di macchie di reagenti di vario tipo, due paia di occhialetti di protezione, due paia di guanti in lattice e le spatoline e le provette rubate prese in prestito dai laboratori.
In più, per dare quel tocco di poesia che mi contraddistingue, avevo già anche un paio di orecchini con la molecola della serotonina.
Però....mancava ancora qualcosa .
E così, con un pennarello indelebile ho dato fondo al mio humor chimico decorando il camice.
<<Amore, ma sei sicura?>>
<<CERTO!>>
<<Ma non ti servono questi camici?>>
<<No, non sono quelli antiacido.>>
<<Sì, ma io non sembro un chimico...>>
<<Perchè, io lo sembro?>>
<<Beh...>>

Con il beneficio del dubbio, siam partiti alla volta di Acireale.
E fu subito ritorno alla spensierata giovinezza che si fugge tutta via.
Con il culo  la fortuna di avere a disposizione un balcone con vista carri, abbiam lanciato coriandoli in ogni dove alla faccia di chi doveva fare lo slalom tra la gente.
Abbiam ballato guardando le persone sotto di noi e io ho provato a fotografare quei carri immensi con il mio 50 mm fisso.
Ottenendo solo scorci degli stessi.









Se debbo esser sincera, oggi come vent'anni fa son rimasta meravigliata dalla bravura degli artigiani acesi.
Ogni carro è stato costruito con un'attenzione per i dettagli che oserei dire maniacale.
E questi sono solo alcuni dei carri che, nei prossimi giorni, gireranno per la città.
Politica, natura, storia e folklore vengono descritti con tanta carta e tanta cura solo per rendere questi grigi giorni di Febbraio molto più colorati.
E lì dove non m'han colpita i carri c'han pensato i bambini.
Bambine vestite da principesse o da confezione di Pan di Stelle, bambini vestiti da ninja o da draghi con in mano la spada del cavaliere che han appena mangiato e tante, tantissime altre maschere.
Tra cui il piccolo Robin Hood di circa un anno e mezzo/due che rubava i coriandoli al papà per darli alla cuginetta che li aveva appena finiti.
Girare tra quelle maschere, quelle luci e quegli odori di frittura e kebab è stato...rilassante.
Sì, rilassante; non ho pensato all'esame imminente, a gli anni che passano e alle cose che non accadono. Il mio unico pensiero è stato quello di riempire di coriandoli chiunque mi capitasse a tiro, fidanzato e amici compresi.
Peccato solo che, come è ovvio che sia, oltre ad esser colei che li tirava son stata anche colei che li ha ricevuti.
Tant'è che, una volta tornata a casa e posata la serenità di questa serata insieme al mio camice/travestimento, ho riempito il pavimento di coriandoli fuoriusciti dalla maglietta, dalla sciarpa, dai capelli, dai pantaloni e dal reggiseno.
E forse ne ho ancora qualcuno dentro il naso.

Perchè il carnevale rimane sempre un poco dentro di noi.

20 commenti:

  1. Io ho un rapporto strano col Carnevale.
    Lo considero una festa che sporca, e da un lato mi infastidisce.
    Da piccolo lo amavo, ma mi piaceva sporcarmi (per poi pulirmi).
    L'idea del chimicapisce è fica, scienziati pazzi olé, alla fine con due soldi ci si riesce a mascherare.
    I carri molto belli, davvero.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dirò; fino a ieri e in seguito a quello che generalmente vedevo qui in zona, anche io associavo al carnevale un senso di sporcizia (soprattutto a causa di tutti quegli stronzetti che con la scusa degli scherzi lanciavano fialette puzzolenti, uova marce o acqua e pipì sulle persone), ma ieri son rimasta particolarmente meravigliata dalla "pulizia" che c'era ad Acireale! Salvo il quintale di coriandoli per le strade e sulle persone, nessuno ha osato usare fiale puzzolenti e compagnia bella! Anzi, in tutto avrò contato solo 3 persone con le bombolette di stelle filanti spray! Forse è anche per questo che me lo son goduta di più....
      P.s. #chimicapisce è una mia proprietà intellettuale, modestamente xD

      Elimina
  2. "Io mi dissocio" è tristissima, però ammetto che il travestimento è simpatico ;-D e i carri sono molto belli, davvero. Anche io come te ho passato l'adolescenza a schifare il carnevale, poi mi sono "rifatta" con qualche cosplay, ma non è ovviamente la stessa cosa. Grazie al tirocinio del quarto anno all'Infanzia, però, un paio di anni fa ho rispolverato un vestito da Pocahontas ed è stato molto divertente :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Suvvia, "io mi dissocio" è una perla di comicità xD Anzi, a dir la verità avrei voluto scrivere tante altre cose, ma la mia calligrafia fa veramente schifo e su stoffa non so scrivere (si vede infatti con la M di chimicapisce) :D Nel caso in cui però dedica di creare una linea di abbigliamento a tema chimico, prometto che sarò molto più fantasiosa :P
      P.s. bella Pocahontas! Mi manca il travestimento da pellerossa!

      Elimina
  3. Ad Acireale avete dei carri stupendi. I nostri, per quanto possa apprezzare l'ingegno, sono tristi e generalmente trash. D:
    Non amo anche io il carnevale, un po' come Moz. Ma io non amo tutto ciò che è caotico, rumoroso, sporco. Ho fastidio dei coriandoli, ho a noia gli scherzi. Ma lo sono che sono una persona noiosa io XD
    Bella idea il tuo costume :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero sono così trash da voi?? Comunque...daiii non sei noioso...sei introverso(?)! :D
      Per il mio costume beh, son quasi tentata di metterlo in facoltà xD

      Elimina
    2. Sono tremendi. Ce n'è stato uno sul papa che non era male, ma appunto... sul papa.... DAI!!
      Secondo me è un camice da ogni occasione :D

      Elimina
    3. Sul Papa? o.O Mah....
      Comunque hai ragione, quasi quasi lo sfoggio per un matrimonio che avrò quest'estate xD

      Elimina
  4. Io ho sempre odiato il carnevale. Fin da piccola!
    E pensare che qua vicino ho il famosissimo carnevale di Viareggio.
    Mh, col cavolo che ci spendo dei soldi! Odio ritrovarmi i coriandoli anche nelle mutande, le stelle filanti che sono peggio di un cappio al collo, quella schiuma che impiastriccia i capelli, i bambini euforici. No no no no!
    Comunque i camici con quelle scritte sono fantastici! Sei la nuova Heisenberg!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cielo, tu sei la quinta che dice di odiarlo...ma solo a me è sempre piaciuto (schiuma e fiale puzzolenti a parte)? :(
      Comunque grazie per i camici, mi sa che posso pure mollare gli studi e dedicarmi alla creazione di magliette con frasi nerd del genere :D

      Elimina
  5. io invece, durante l'adolescenza ancora mi travestivo molto volentieri...
    ed oggi, a trent'anni, mi travesto ancora moooooolto volentieri, forever young davvero

    RispondiElimina
    Risposte
    1. OHHHH, ecco un'altra che come me adora travestirsi!!! Hai detto bene, siam forever young!

      Elimina
  6. Son venute bene le foto!:D
    Alla fine avevi i travestimenti e neanche li vedevi! Belle le frasi, anche se oddio vai a capire cosa hai scritto davvero xD
    A me carnevale non è mai piaciuto e ancora non ci ho fatto pace: vuoi perché mia madre mi costringeva ogni anno a mettere dei vestiti da dama dell'800 che mi davano la circonferenza di Saturno, vuoi perché con i capelli ricci i coriandoli li ritrovo anche a distanza di 4-5 shampoo. Quindi sì, ammetto che guarderei volentieri i cantieri col tuo vecch... euhm... col tuo fidanzato :D fortuna volle che il mio fidanzato a ballare è più rigido di una colonna portante, perciò amunì a mangiare che è meglio e siamo tutti più contenti xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per le foto :D Beh, ammetto che le frasi che ho scritto sono un poco nerd, quindi per chi non mastica la chimica sono intraducibili :S Pensa che ho passato tutta la serata circondata da architetti, dunque immagina quante volte ho dovuto spiegare cosa ci fosse scritto xD Diciamo che la frase "io mi dissocio" riguarda il fatto che acidi o basi forti in acqua si separano in due cariche diverse (l' H+ e OH- che vedi, per esempio) e questo processo si chiama per l'appunto dissociazione; la battuta sui complessi invece riguarda una tipologia di sostanze (quella disegnata in basso) che si lega a cariche metalliche positive e genera, per l'appunto, altri composti chiamati complessi :D
      Infine, tornando al carnevale, so cosa voglia dire vestirsi da damina -.- Per fortuna però da gli otto anni in su son riuscita ad impormi e a vestirmi come più mi piaceva dicendo addio a quei maledetti strati di tulle!
      P.s. pure io voglio venire a mangiare =°°° Amuninni!!!!

      Elimina
    2. Sulla schiena potevi scrivere "Per ulteriori informazioni visitate il sito ******", ti saresti risparmiata molte repliche ahahahahaha! :D Dai, sono frasi geniali, per chi ne capisce (dopo la tua spiegazione però credo di aver capito!).
      Ancora oggi organizzerei roghi dove bruciare montagne di tulle... ma purtroppo temo che inquinerei e quindi desisto...

      Elimina
    3. Sì, con i roghi di tulle potremmo inquinare il pianeta...però, potremmo fare una petizione per bandirlo!! :D Ovviamente petizione online, così non sprechiamo carta :D

      Elimina
  7. Carine le frasi chimiche. :)
    Non complessiamoci! Beh, basta giocare un po' col pH... E ciao EDTA!
    Io a lezione quando parlo dei legami chimici dico sempre agli studenti: "L'unione fa la stabilità" :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Innanzitutto benvenuto su Doppio Geffer con ghiaccio! :)
      Son contenta che le frasi siano piaciute anche se, lo ammetto, possono capirle in pochi :D Però stan esercitando un certo fascino, tant'è che un mio professore vorrebbe una maglietta così per il figlio xD

      Elimina
  8. Ma è scomparso il mio commento?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se parla del commento sull'EDTA è poco più su :) Non era sparito,dovevo solo approvarlo :D

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...