Nota critica per una lettura serena

Nota critica:
Ai fini di una lettura serena, pacifica e spero divertente,vorrei premettere i seguenti punti:
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001."
.Cerco semplicemente di parlare di vari argomenti, prendendo ispirazione da esperienze personali e avvenimenti più o meno recenti che talvolta esulano dalla mia vita privata. Questo blog non nasce con fini offensivi verso persone, ideali o religioni; semplicemente generalizzo e condivido i miei pensieri. Grazie e Buona lettura.

22/07/17

Come giocare a scacchi con un piccione

Bon, di tanto in tanto anche qui si parla di cose serie.  Però il merito non è tanto del mio cervello, quanto dei casi umani che talvolta mi ritrovo a dover ascoltare.
Come molti di voi sapranno, studio chimica. Inoltre, sono cresciuta nelle corsie degli ospedali un poco perchè adoravo seguire papà tra i malati e un poco perchè ero io quella perennemente malata/ferita. Ergo, non dico di meritare un Nobel per la Chimica o la Medicina, ma posso senza ombra di dubbio dire che qualche piccola, piccolissima conoscenza in ambito biochimico e medico l'ho. Ecco perchè questo post sarà serio seppur faceto.
(Sì, ho anche un discreto bagaglio lessicale che mi spinge ad usare termini desueti e ampollosi perchè ho fatto il Classico, porca zozza, e debbo pur dimostrarlo in qualche modo!)
Qualche giorno fa, girando per la città in cerca di una tregua dal caldo torrido che ci violenta e fa bruciare i nostri boschi, ho avuto modo di incontrare una coppia di conoscenti del mio uomo.
Età media stimata sui 35/40 anni massimo.
I due, persone particolarmente simpatiche e gentili, hanno un figlio di pochi mesi, un vero e proprio bambolotto dai capelli castano chiaro e gli occhioni verdi.
Dopo i soliti "ohh, guarda chi c'è!!!" e l'esserci accomodati in un bar, si è dato il via alle classiche frasi di rito; come vanno gli studi, ma quando vi sposate, sai il bimbo sta mettendo i dentini e così via.
E proprio in merito al bimbo, è stato introdotto l'argomento che m'ha spinta a scrivere questo post: I VACCINI.

AV:<<Eh, beati voi che per il momento non avete queste preoccupazioni! Ho un terrore incredibile all'idea di fargli i vaccini obbligatori.>>
Io:<<E perchè? Hai paura degli aghi?>>
AV:<<No no, che paura! Ho terrore di ciò che mettono nei vaccini!>>
I:<<Non c'è nulla di preoccupante nei vaccini, specie in quelli obbligatori. A meno che il bambino non possa avere una qualche forma di "intolleranza" a qualche componente, non c'è da preoccuparsi!>>
AV:<<Come no? Non li leggi i giornali, non leggi su internet? C'è di tutto nei vaccini! Cloro, Uranio, sangue di maiale, virus, batteri...>>

Avete capito il perchè della sigla AV? Esatto, sta per Anti Vaccinista.

I:<<Momento, non confondiamo l'informazione con la disinformazione! Innanzitutto mi pare difficile che ci sia Uranio nei vaccini, sia perchè radioattivo sia perchè inutile sotto ogni punto di vista medico. Secondo, la presenza di sangue di maiale è vera così come lo sperma di porco usato nei lucidalabbra. In fine, è normale che ci siano gli organismi per cui i vaccini son stati creati! Sono presenti in forma "inattiva" o denaturata in modo tale che gli anticorpi dell'organismo li riconoscano, creino una risposta immunitaria e nel momento in cui il bambino venga infettato dallo stesso ceppo, non si scateni la malattia.>>
AV:<<Ma inoculandogli i virus e i batteri gli viene la malattia! E se non gli viene la malattia, c'è il rischio che diventi autistico!>>
I:<<La tesi secondo la quale esiste una corrispondenza tra autismo e vaccini è stata già smentita da un bel po'. Ripeto, non c'è da preoccuparsi!>>
AV:<<Invece mi preoccupo eccome! I vaccini che danno ora non sono come quelli dei miei tempi perchè altrimenti molte malattie non sarebbero tornate qui in Italia! Invece i casi di pertosse, morbillo e compagnia bella aumentano perchè sono i vaccini a farli aumentare!>>
<<....i casi di queste malattie sono aumentati proprio perchè molte persone si son rifiutate di fare i vaccini. Anzi, rispetto a molti anni fa la scienza ha fatto passi da gigante, permettendoci di avere coperture vaccinali più efficaci.>>
AV:<<Certo, piene di metalli pesanti come il ferro o il cloro!>>
<<A parte che il cloro NON E' un metallo, a questo punto voglio farti una domanda.>>
AV:<<Cioè?>>
<<Tu lo usi il sale in  cucina?>>
AV:<<Certo, come tutti!>>
<<Benissimo. E quando il piccolino avrà l'età per mangiare alimenti più solidi, userai il sale?>>
AV:<<Mah, penso di sì, ovvio.>>
<<Ok. E sai da cosa è fatto il sale?>>
AV:<<...di sale?>>
<<No. E' un cristallo di cloruro di sodio. Ovvero, per dirlo in modo semplice, di cloro e sodio in forma ionica.>>
AV:<<Nel sale c'è il cloro?!>>
<<Sì, e non solo lì. Tu assumi proteine?>>
AV:<<Beh sì, quelle vegetali soprattutto...ma perchè, c'è il cloro?!>>
<<Le proteine sono composte da amminoacidi, ovvero molecole contenenti gruppo amminico, cioè un gruppo costituito da azoto.>>
AV:<<Ma l'azoto fa morire!>>
<<Eppure esso compone il 78% dell'aria che respiriamo. E non per via delle "sciii kimiciii".>>
AV:<<Ma tutto questo cosa c'entra con i vaccini?!>>
<<C'entra, c'entra. Ti faccio un'altra domanda; bevi acqua, no?>>
AV:<<Certamente!>>
<<Eppure lo sai che l'acqua contiene molti metalli, carbonati e addirittura arsenico?>>
AV:<<...scusa ma l'arsenico non veniva usato nell'antichità come veleno?!>>
<<Sì, ma c'è anche nelle acque definite potabili. Eppure non siamo certo morti per un sorso d'acqua fino ad ora, non credi?>>
AV:<<Continuo a non capire...>>
<<Ti spiego subito ciò che voglio farti comprendere; tutto può uccidere ma al contempo esserci indispensabile. Tutto ciò che tocchiamo, mangiamo, beviamo e siamo è formato da molecole e atomi. Siamo noi stessi frutto della chimica, eppure essa ci spaventa al punto tale che qualsiasi esagitato può permettersi di fomentare questa paura sostenendo la pericolosità di un vaccino, di un farmaco o di qualsivoglia prodotto. Ora come ora, per esempio, potrei dirti che il monossido di diidrogeno, una sostanza che corrode il ferro, è contenuto nel caffè che stai bevendo. Come reagiresti?>>
AV:<<Ma che schifo è il monossido di diidrogeno?>>
<<E' il nome chimico dell'acqua. Vedi come basta poco per far paura? Per questo ti dico che le "ricerche" fatte sulla pericolosità o meno dei vaccini e dei loro componenti sono farlocche; usano termini strani e frasi a effetto per creare uno scompiglio inutile quando, invece, sarebbe più corretto sostenere le vaccinazioni.>>
AV:<<Mi dispiace, ma secondo me stai solo difendendo una causa persa! Anche perchè al giorno d'oggi molti medici confermano la pericolosità dei componenti dei vaccini!>>
<<I medici che confermano ciò o son dei pazzi o cercan solo fama e soldi facili. E' vero che in rari casi i vaccini possano avere degli effetti indesiderati, ma sono statisticamente una goccia d'acqua in un oceano di persone immunizzate. Inoltre la vaccinazione permette anche a chi non può esser vaccinato di poter vivere "serenamente", perchè si crea la famosa immunità di gregge. Molte delle malattie ritornate in voga in questi anni possono lasciare più danni di quanto non possano fare i vaccini così come tu sostieni.>>
AV:<<Ma dai, ma non dire cavolate che io da piccolo l'ho fatta la pertosse eppure sono qui a raccontarlo!>>
<<Ma se fossi stato vaccinato non l'avresti presa.>>
AV:<<Ma non m'ha fatto i danni che fanno i vaccini.>>
<<Perchè sei stato fortunato. Io contrassi il morbillo pochi mesi prima del vaccino e grazie a questa malattia, oggi come oggi combatto con una tiroidite autoimmune, devo fare controlli ogni tre mesi, ho fatto iodioterapia per i noduli che si sono sviluppati e sono costretta ad assumere l'eutirox a vita. E credimi, per quello che può fare il morbillo, son stata molto fortunata.>>
AV:<<Secondo me il problema alla tiroide t'è venuto perchè siamo circondati da agenti inquinanti, non c'entra nulla la malattia.>>
<<E su che dato scientifico lo dici?>>
AV:<<Sul fatto che i metalli pesanti fanno venire i tumori.>>

Va behh, è inutile continuare. 

<<Ok, mi sa che qui potremmo pure fare notte ma la situazione non cambierà mai e poi mai. Facciamo così; non vaccinare tuo figlio nè i possibili figli che verranno. Però, quanto meno, non inculcare loro queste barbare ideologie e lascia loro la libertà di leggere, documentarsi e farsi una propria idea. In fine, voglio dirti un'ultima cosa: lo sai quale sostanza chimica è correlata al mio problema con la tiroide?>>
AV:<<No.>>
<<Lo iodio.>>
AV:<<....io...io uso sale iodato!>>
<<E allora attento, che tra cloro, sodio e iodio, c'è il rischio che tuo figlio diventi fluorescente.>>

Ed è finita così questa fantastica discussione, con me che mi alzo inforcando gli occhiali da sole mentre mi incammino con fare spavaldo come gli eroi che nei telefilm si allontanano a rallentatore dalle esplosioni.
Lui non  ha cambiato la sua idea nè tanto meno l'ho fatto io. Però ho finalmente capito due cose: la prima riguarda il grande "potere" che tengo tra le mani, ovvero il fatto che grazie a ciò che studio posso salvarmi e salvare chi mi sta vicino dalle bufale della rete.
La seconda, è che ho finalmente capito cosa voglia dire l'espressione "giocare a scacchi con un piccione"; per quanto tu cerchi di insegnargli anche le mosse più semplici, lui continuerà a beccare i pezzi e a lanciarli in aria.
Quindi è bene lasciarlo cuocere nel suo brodo, magari con un poco di cloruro di sodio e monossido di diidrogeno. Ma iodio no, che c'ho problemi con la tiroide.

13 commenti:

  1. Ehhh i classicisti che devono dare un senso al loro percorso di studi XD....
    Una cosa: ciò che fa bruciare i boschi non è il caldo ma cose che si muovono su due gambe. E sottolineo "cose".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so, lo so che gli incendi di queste settimane son più di origine "umana" che non, ma l'assenza di piogge e i venti (qui ci son stati giorni mooolto ventosi) non aiutano :(

      Elimina
  2. Tu sei grande.
    La prima cosa sensata e supportata da argomenti scientifico che leggo in merito.

    Brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E lo so, da grandi poteri derivano grandi responsabilità...come far notare quanto siano ottusi gli altri :D A parte gli scherzi, grazie :)

      Elimina
  3. Povero azoto, trattato così male quando ci aiuta praticamente a vivere (insieme a tutti gli altri elementi che hai nominato). Questa storia sui vaccini ci è davvera scappata di mano, e ormai dilaga l'ignoranza sull'ignoranza. Per fortuna ci sono le persone come te (e come me, anche se non studio di certo Chimica o Medicina, ma comunque le cose importanti le so, grazie a Dio, e so distinguere la bufala dalla verità) che hanno la cultura e la conoscenza dalla loro parte. Io sono sempre dell'idea che bisogna puntare sulle nuove generazioni. Cercare di convincere un padre o una madre impauriti ed ignoranti non servirà a molto, purtroppo. Il bello di tutta questa storia è che sia benedetto il giorno in cui hanno inventato i vaccini, che hanno debellato malattie pericolosissime come il vaiolo, la poliometite, la meningite. Tutto questo purtroppo è stato dimenticato e come al solito i media pilotano le notizie mettendo in prima pagina i casi particolari (e rari) di bambini che hanno avuto problemi perchè ignari di essere allergici. Posso capire, certamente, la rabbia e la paura di un genitore, ma c'è ancora tanto lavoro da fare per rendere migliore questo mondo, se mai ci riusciremo. Tu comunque hai fatto la tua parte, anche se è stato (purtroppo) inutile come lavare la testa all'asino ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche tu mi aiuti ad avere speranza per il genere umano *_* Dobbiamo batterci per salvare le giovani menti e allontanarle dal lato oscuro della forza!!
      Comunque l'espressione "lavare la testa all'asino mi mancava" :D Non vedo l'ora di poterla usare in qualche contesto :D

      Elimina
    2. È un detto napoletano che fa "a lavare la testa al ciuccio (asino) si perde tempo, sapone e fatica" :-D

      Elimina
  4. Questo perché in genere agli italiani piace sentirsi dire cosa fare e come, pur di non alzare le chiappe e cercarsi da sè le informazioni.
    Tante delle cose che hai detto non le sapevo perché, come hai scritto tu, ci sono troppe bufale e disinformazione in giro... e sono troppo pigra per alzarmi :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cosa tragica è che potrebbero informarsi con gli stessi strumenti con i quali si indottrinano leggendo queste bufale :D

      Elimina
  5. Tu sei molto brava, calma e soprattutto preparata. Io invece non ho proprio più pazienza per affrontare discussioni in cui mi rendo conto che dall'altro lato c'è un uditorio che non mi ascolta. Penso che si possa essere di opinioni diverse ma almeno spiegare bene i propri punti e non ripetere le stesse cose over and over.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io calma? xD Ma magari... ho mantenuto una certa calma solo perchè in luogo pubblico e avevan con loro il piccolo :D Anche se ho alzato un po' la voce ad un certo punto tant'è che dei turisti vicini han posato la brioche per la granita per cercare di capire di cosa parlassimo xD

      Elimina
  6. anche a me è stato detto che i noduli alla tiroide li abbiamo tutti a causa dell'ambiente che ci circonda... bah!
    Buona giornata, Luisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luisa e benvenuta su Doppio Geffer con ghiaccio (non ricordo se ti ho già dato il benvenuto in altre occasioni, però) :D
      Il problema delle patologie a carico della tiroide abbraccia un ampia gamma di cause e sintomatologie,quindi dire che tutto sia dovuto solo e soltanto all'inquinamento che ci circonda è una giustificazione abbastanza scarna; alcune patologie autoimmuni a livello della tiroide si sviluppano per esempio per motivi genetici, per stress,traumi o, come nel mio caso, come ipersensibilizzazione post malattia (morbillo). Ovviamente anche gli agenti inquinanti presenti nelle acque, nell'aria e negli alimenti possono contribuire ma non son gli unici artefici, purtroppo :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...