Ci vuole sale in zucca

<<Ciao Analfabeta funzionale, cosa farai di bello per Halloween?>>
AF:<<AHHH!!Io non festeggio allouinnn!!E' una festa pagana, è la festa del dimonioo11!! Io credo solo in DDioooo non voglio far entrare Santana a casa mia11!!!>>
Ullallà, addirittura Santana? E che pezzo suonerà? Forse volevi dire Satana, esimio imbecille.

Ecco qua; torna fine Ottobre e tornano gli indignati di Rete4. Tutti contro Halloween.
Inutile spiegare loro che è una festa per esorcizzare solo le paure e non le Emily Rose di quartiere; per loro sarà sempre e solo la festa del demonio.
Quei pipistrelli con le facce buffe ritagliati dai cartoncini neri, quei fantasmini sorridenti fatti con i lenzuoli, quelle streghette che sembran le cugine di secondo grado della Befana e tutto il resto, sono per loro alla stregua di un rito satanico.

AF:<<Siamo italiani!!L'Italia è uno stato fondato sulla Chiesa!!!>>
A dir la verità, l'Italia dovrebbe tuttalpiù esser fondata sul lavoro ed è uno stato laico. Sarà pur vero che di lavoro non ce n'è e che anche nei luoghi pubblici è comunque presente il crocefisso,ma l'unico stato fondato sulla Chiesa è per l'appunto il Vaticano. E mi sa che lì nessuno rompe le scatole sul festeggiare o meno Halloween.

Ora, parliamoci chiaro; ma che v'ha fatto di male 'sta festa? Avete paura che vi tirino le uova contro la porta qualora non diate ai bambini i dolciumi? Vi ricordo che generalmente lo fanno anche a Carnevale, con o senza dolci in ballo. Cioè, se quei bambini/ragazzi son dei piccoli delinquentelli in erba, lo son 365 giorni l'anno, non certo solo ad Halloween.
Avete paura che si perda la tradizione dell'Ognissanti (o Festa dei morti)? Ma da che mondo e mondo tale festa cade l'1 novembre,mica il 31 ottobre. Nessuno lede nessuno.
Eppure è inutile star lì a spiegare la non pericolosità di Halloween; son di coccio. Hanno la testa dura e la zucca vuota.
Ecco, a proposito di zucche (che con Halloween ci calzano a pennello); quanti di voi cercheranno di intagliare facce più o meno spaventose su tali frutti dell'orto?
Ma, soprattutto, nell'eventualità in cui riusciate a farlo senza amputarvi un dito o senza scaraventare suddetta zucca contro una parete perchè vi è venuta per la 400° volta strabica, cosa ne farete del suo interno?
Perchè si sa, la zucca da intagliare dev'esser svuotata dalla polpa.
Non sapete cosa farne? No problema! Ci penso io!

DIGIEVOLUZIONE IN FOODBLOGGER!!

-----------------------------------------------------------------
Zucchiriso 
(risotto integrale alla zucca)

-Riso integrale
-zucca gialla tagliata a pezzetti
-cipolla di Tropea
-curcuma
-grana grattuggiato
-dado di verdure
-cubetti di speck

Come potete ben vedere dall'elenco degli ingredienti (n.b. le quantità sono a scelta vostra in base alla fame, al numero di persone e/o all'esser o meno a dieta), questa ricetta è priva di olio.
Il motivo? Potrei dirvi che così è meno calorica ed è quindi adatta per chi è a dieta ma vuol comunque mangiare qualcosa che non sappia di polistirolo come le gallette di riso. Potrei. In realtà ho dimenticato di metterlo a fine cottura come consigliato in una ricetta simile da me trovata, ma vi assicuro che viene buono lo stesso.
Prendete il riso e lanciatelo a gli sposi lavatelo sotto l'acqua fredda. Se nel frattempo vi state chiedendo il perchè si debba lavare e decidete di cercare la risposta su Google, fatela sapere anche a me perchè non l'ho ancora capito.
Una volta lavato il riso, preferibilmente senza sapone, prendete un tegame abbastanza capiente e metteteci dentro la cipolla di Tropea tagliata sottile e un filino d'acqua, in modo da farla appassire senza soffriggerla con l'olio.
Ovviamente, nell'eventualità in cui voi siate iscritti al club del "fritto&soffritto", usate pure l'olio per farla dorare. 
Mentre la cipolla appassisce, asciugatevi le lacrime sgorgatevi durante la sua tagliatura (sì, si può dire! Ho controllato sul sito dell'Accademia della Crusca!) e mettete sul fuoco un pentolino contenente acqua; una volta portata ad ebollizione, aggiungete il dado e spegnete perchè vi servirà durante la mantecatura.
Quando la cipolla avrà finito di soffrire soffriggere, aggiungete un altro poco di acqua e la zucca tagliata a pezzetti. Perchè venga più cremoso il tutto, tagliatela a pezzetti veramente piccoli in modo che si sfaldino durante la cottura. Se ciò non accade, pestateli con un mestolo, magari immaginando la faccia della persona che odiate al loro posto.
Quando la zucca sarà diventata una purea, aggiungete il riso ancora crudo, sfumate con un poco di vino bianco che non sappia di tappo e, una volta evaporato quest'ultimo, mettete una bella mestolata di brodo. Via via che l'acqua evaporerà, continuate ad aggiungere il brodo. BRODO BRODO BRODO.
Tanto brodo. Servirà a cuocere il riso. 
Inoltre, qualora vi sembra ci sia poca zucca, aggiungetene ancora e pestatela a morte, cospargendola inoltre con della curcuma in polvere.
Nel frattempo, in una padella, potete far soffriggere i cubetti di speck oppure lasciarli stare in frigo e aggiungerli così come sono a cottura ultimata. Non cambia nulla secondo me e infatti io li ho messi solo alla fine. Ma proprio fine fine, cioè mentre stavo mangiando il risotto.
Via via che il riso cuoce, se iniziate a sentire un certo languorino, prendete un poco di pane, un poco di salame e fatevi un bel panino.
Nel caso in cui voi siate a dieta, mangiate un frutto (ahahahaha).
Poco prima di spegnere il fuoco sotto il vostro tegame, quando il riso è praticamente prossimo alla cottura (mi raccomando: non deve esser scotto!), versatevi un bel bicchierozzo di vino come fanno nei film americani quando cucinano qualcosa di prelibato, sia anche i maccheroni con il formaggio. Una volta brilli, aggiungete il grana grattuggiato al risotto e mescolate fino a quando non vi verranno le braccia come Braccio di Ferro.
Finito tutto questo ambaradan, aggiungete lo speck a dadini, impiattate il risotto, fotografatelo, autocomplimentatevi per l'opera somma che avete fatto e assaporatelo, magari accompagnato da dell'altro vino bianco.
--------------------------------------------------

Come sempre, ovviamente, non ho fotografato il suddetto piatto. Ma se non lo fotografo è solo perchè in cucina c'è una scarsa luminosità, il mio cellulare ha una fotocamera pessima, non sono una maga dell'impiattamento e.....
va beh, parliamoci chiaro: c'avevo fame.

E adesso scusatemi, ma devo andare ad ordinare il vestito per questo Halloween, dato che finalmente ho trovato il travestimento adatto che esorcizzerà tutte le mie paure passate, presenti e future.
Mi vestirò da laureata.
Tanto alla fin fine si sa; quando ti travesti puoi esser chiunque tu voglia. Anche quello che non sarai mai, di 'sto passo.

Commenti

  1. E, consiglio, quando vi avanza il risotto, la sera fateci dei supplì o degli arancini! Sono ottimi anche con il risotto alla zucca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, gli arancini alla zucca sono buonissimi! Qui in zona c'è un bar che li fa fenomenali!! <3

      Elimina
  2. In realtà le zucche di Halloween che si usano in America sono solo ornamentali, non sono commestibili!
    Del resto Sahmain, per usare il suo nome celtico, era per l'appunto una festività europea. Pagana, certo, ma sempre europea. Un po' come la Festa della Luce, oggi chiamata Natale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A dir la verità non sapevo che le zucche usate per l'intaglio in America fossero non commestibili! Credevo che lo fossero ed immaginavo i mesi successivi ad Halloween carichi di ricette a base di zucca :D
      A parte gli scherzi, la cosa comica di questo astio contro festività non nostrane è che non capiscono che il 90% delle feste americane (escluso il giorno del Ringraziamento, è ovvio) hanno origine europea dato che gli americani sono tutti discendenti di spagnoli, inglesi, olandesi ecc...
      E, come giustamente sottolinei, anche le nostre feste sono delle rivisitazioni (stavolta in chiave cattolica) di feste molto più antiche, le quali adesso risulterebbero "riti esoterici" :D

      Elimina
  3. Il travestimento da laureata mi mancava!
    Pagano o no, non mi dispiace Halloween :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dirò; è sempre meno assurdo di molti altri costumi che ho trovato poco tempo fa a Carnevale! La fantasia di chi li produce non ha limiti davvero :D Però, al di là di ciò, la festa non è così "terribile" come in tanti la dipingono, anzi! E' molto simpatica!

      Elimina
  4. Io mi travestirò da pasticcera, infatti ieri mi è venuta la strana idea di provare a fare la torta Sacher. Le cose sono due: o sono impazzita o qualche demone si è impossessato di me :D
    Per il resto adotto come sempre il detto "vivi e lascia vivere"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona la torta Sacher!!!Com'è venuta? Io con i dolci c'ho perso le speranze dopo la torta di compleanno che preparai per il mio fidanzato e i biscotti mostruosi che preparai l'anno scorso a dicembre =°

      Elimina
    2. Non l'ho ancora fatta ma ti farò sapere, nel bene o nel male penso che ci scriverò un post :D
      La settimana scorsa ho fatto la torta di mele e mi è venuta stra-buona, al primo tentativo! Però c'è la crostata che, mannaggia alla Parodi, non mi vuol venire; ci ho provato decine di volte con diverse ricette ma niente, sempre una schifezza! La pasticceria è una stronza malefica eh, ti capisco ç.ç
      (mi hai ricordato che non ho mai tentato i biscotti, lo metto in lista)

      Elimina
    3. Io so fare solo i ciambelloni e anche lì non è che sia espertissima =°° Quindi capisco il tuo odio verso la crostata, al sol pensiero di fare la pastafrolla sudo freddo! E' vero, la pasticceria è una stronza malefica, amante lasciva che ci irretisce e rincretinisce :D Aspetterò comunque il tuo post sulla Sacher!

      Elimina
    4. Esperimento Sacher fatto ieri, risultato così così. Se vuoi sapere tutta la tragicomica esperienza vai qui :)
      http://pusherdisogniandati.blogspot.it/2017/11/sacherogna.html

      Elimina
  5. in palestra si festeggerà la notte di tutti i santi...
    io personalmente mi travestirò, ancora non ho deciso da che cosa, ma troverò modo di diventare spaccatura della Patalice di tutti i giorni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma la festa sarà sempre a tema Halloween o ci sarà un tema diverso? :) Chissà quanta gente si rifiuterà di mangiare dolci e dolciumi vari per non sfigurare davanti al personal trainer :D

      Elimina
  6. qui, paese di duemila anime scarse.
    Non si festeggia ufficialmente halloween, non si è mai festeggiato. Qualche bimbo si veste e va in giro a fare dolcetto o scherzetto, niente di più.
    Ma all'oratorio del paesello hanno ben pensato di organizzare "la festa della luce", il contro-halloween per eccellenza!
    la locandina recita:
    ci saranno giochi, balli, tanto divertimento e tante sorprese (ricordati di portare un vasetto o un bicchiere di vetro)
    regola essenziale!!!111!!!
    vestiti come vuoi ma non con una maschera spaventosa, poi al trucco ci pensiamo noi.
    ciascuno porti un dolce, un salato oppure una bibita.
    Seguono disegni di bimbi "mascherati" da: cardinale, pastorella, suora, Papa, pastore e un bambino in tuta. IN TUTA.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh santo cielo! o.O Cioè, passi che magari non vogliano festeggiare Halloween in oratorio (si sa, la fede) e che cerchino una via di mezzo per far comunque contenti i bambini....ma perchè dovrebbero vestirsi da cardinale, pastorella, suora, Papa, angeli & co??
      E soprattutto, il bambino in tuta cosa rappresenta?!Lo spirito santo?!

      Elimina
    2. il bambino in tuta non rappresenta niente, è solo un bambino che non si maschera perché non è una festa di carnevale ^_^

      Elimina

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

I PIU' LETTI