Requiem for you


Undici anni fa, qualche malalingua di cui non ricordo il volto nè il sesso, disse testuali parole:
"Non affezionarti troppo o quando se ne andrà soffrirai."
Altre, invece, con quello sguardo di disprezzo che solamente loro riescono a fare, non persero tempo nell'elencarmi tutte le cose a cui avrei rinunciato tenendoti con me.
"Non potrai fare una vacanza decente!"
"Non avrai privacy!"
"E' solo una spesa superflua!"
E tanto altro.

Poi c'è stato chi, in questi anni, ha criticato te, me e la scelta di stare insieme.

C'è stato chi t'ha visto più come un "contentino per una figlia viziata" che come un compagno di vita.
Per qualcuno, qualcuno che non sa cosa sia questo profondo legame, eri solo un essere inferiore che porta esclusivamente responsabilità e sporcizia.
Per qualcuno, qualcuno che non è mai cresciuto con l'affetto che un animale può dare, eri un essere inferiore buono solo a far la guardia o compagnia nei giorni di noia.
Beh, non è vero. Non eri così. Non lo sei e mai lo sarai.


Sai, ricordo ancora il primo giorno in cui t'ho visto e il consiglio che mi fu dato prima di prenderti tra le mie braccia.
"Non è il padrone a scegliere il cane, ma è il cane a scegliere il suo padrone."
E tu, tu tra tutti nella cucciolata, hai scelto me, con quel modo di fare che t'ha sempre reso speciale.
Tu sei stato l'unico a non aver paura di quegli strani esseri su due zampe che vi guardavano e sei stato l'unico che, coraggiosamente, m'è venuto in contro per masticare i lacci delle mie scarpe.
Chissà, forse volevi solo difendere le tue sorelle e i tuoi fratelli...oppure eri semplicemente alla ricerca di un gusto diverso dal pappone che ti veniva propinato.
Però, hai scelto, volente o nolente. Hai accettato la sfida di entrare a far parte della mia vita così stramba e contorta. Sei sempre stato coraggioso, un coraggioso masticatore.
Infatti, nel corso della tua vita, hai masticato 4 paia di scarpe, sei sedie di legno, la tua prima cuccia, i tuoi giocattoli, qualche legnetto trovato in giro nei prati, qualche volantino caduto per terra...e il mio cuore.
Hai masticato il mio cuore senza farmi male.
Tu, un semplice cane a gli occhi di tutti, un animale feroce pronto a far male a gli occhi di chi non ti conosceva, sei stato il mio compagno di vita e hai percorso con me tante strade.
C'eri quando stavo male e non ti allontanavi mai perchè dovevi proteggermi.
Tu c'eri quando mi spezzarono il cuore e passai interi giorni a domandarmi cosa ci fosse di sbagliato in me.
C'eri il giorno in cui finalmente festeggiai la maggiore età, c'eri il giorno del diploma, c'eri nella gioia e nel dolore.
Ma c'eri anche nei giorni "normali", in cui tutto sembrava uguale. Eri lì, sempre pronto a rendere speciali anche quei momenti.
Una pallina piena di bava poggiata ai miei piedi, un ululato per un'ambulanza passata troppo vicino, un ronzio fastidioso per il tuo sonno troppo profondo.
Un morsetto al mio sedere per invitarmi a giocare, un capriccio perchè non volevi mangiare. E la pretesa delle coccole, interminabili coccole, da parte di tutti coloro i quali ti hanno amato.
C'eri e sempre ci sarai.
Pronto a farmi compagnia, pronto a farmi arrabbiare con le tue marachelle, pronto a difendermi, pronto a consolarmi.
Anche adesso, adesso che non so dove sei, adesso che la casa sembra incredibilmente vuota e silenziosa...tu sei qui.
Sei nei ricordi più preziosi, sei negli aneddoti più divertenti, sei nelle foto più importanti, sei qui.

Certo, svegliarsi la mattina senza la tua lingua umida sulla mia mano non sarà più lo stesso.
Mangiare, senza il tuo muso che sbuca da ogni angolo perchè vuoi quel che mangiamo noi, non sarà più lo stesso.
Studiare, senza te che t'addormenti appena incomincio a ripetere, non sarà lo stesso.
Vivere, respirare, uscire, osservare il mutamento delle stagioni e crescere, senza di te, non sarà più lo stesso.

Passerà, dicono.
Arriverà il momento in cui incomincerai una nuova routine dove lui non è contemplato, assicurano.
Ti abituerai a non sentire il suo zampettare su per le scale, ti sembrerà normale non sentire i suoi lamenti mentre dorme e sogna di ricorrere chissà cosa....
mi abituerò, forse.
Forse non oggi, forse non domani, ma accadrà.
Però, ogni qualvolta in cui mi sentirò sola e avrò bisogno del tuo sguardo, no, non mi abituerò.
Ogni qualvolta in cui mi sentirò indifesa e fragile e non ci sarai tu a farmi sentire speciale, no, non m'abituerò.

Eri solo un cane forse, ma eri il MIO cane.
Il fratello peloso, la mia croce e la mia delizia.
Eri la mia felicità, come Felicità era il tuo nome.

Grazie di tutto quello che hai fatto, distrutto e combinato. Grazie di tutto l'affetto, delle risate e dei pianti.
Grazie per aver cercato di consolarmi anche quando avrei dovuto farlo io alla fine del nostro viaggio.
Grazie per esser stato uno dei tasselli più importanti della mia vita.
L'amore è una coda meravigliosa.

Commenti

  1. Le persone tendono a misurare l'importanza delle cose usando come metro la quantità di tempo, invece che la qualità del tempo. Gli animali ci ricordano il valore che ha la seconda.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, ma ora come ora mi sembra di non avergli dedicato abbastanza tempo presa com'ero da altro :(
      E mi sento una merda al riguardo...

      Elimina
  2. Mi spiace moltissimo. Proprio in questi giorni facebook mi ha suggerito la foto del mio cane che purtroppo non c'è più quindi ho proprio chiare quelle sensazioni. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  3. Grazie Pier :* Anche a me oggi Fb ha "suggerito", sadicamente, una vecchia foto del mio cane....spero solo un giorno di riuscire a guardarle senza iniziare a piangere!

    RispondiElimina
  4. :( Mi dispiace davvero tanto. Ho passato quelle sensazioni diverse volte per i vari gatti che ho raccattato nella mia vita e reso dei "pigroni da divano" (incredibile come si adattino facilmente, mannaggia a loro). Da un anno ho una cagnolina che far parte della mia vita e sebbene sia molto giovane e sana mi sento già male al pensiero che un giorno dovrò vederla andare via. E comunque è proprio vero, molte persone non possono capire il dolore che provoca perdere un animale. Ma non capiranno nemmeno la gioia che possono dare, e l'amore...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, i gatti si abituano in fretta (mia nonna ne aveva 3, che ho sempre reputato anche miei e so cosa vuol dire vivere con loro), ma i cani secondo me lasciano di più il segno.
      Spero solo di riprendermi e, in futuro, amare qualche altro cucciolo così come ho amato lui.
      Da' una carezza alla tua cagnolina da parte mia :)

      Elimina
  5. Capisco cosa provi.
    Bel post, un grande abbraccio da parte mia.
    Siete stati entrambi fortunati, questa cosa rimarrà per sempre.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Moz ;) Anche se credo di esser stata molto più fortunata io incontrandolo <3

      Elimina
  6. Mi dispiace tanto :(, bellissimo l'aneddoto del vostro primo incontro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Riki :')Quello è stato solo il primo di tantissimi aneddoti belli e divertenti!

      Elimina
  7. Mi dispiace tanto!
    Dicono che il dolore passi... a volte spero sia vero, altre volte fa meno male perché penso che almeno ho avuto molti anni con la mia pallina di pelo mordicchiante. Dopo dieci anni che se n'è andata, ancora mi capita di guardare verso il suo angolo di giardino, dove la salutavo prima di uscire.
    Manca un pezzo di cuore...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io di tanto in tanto guardo dove si coricava o nascondeva aspettandomelo li :(
      Purtroppo, anche se han vissuto con noi solo un pezzetto della nostra vita, sembra quasi che ci sian sempre stati e che ogni nostro gesto o abitudine sia stata modellata attorno a loro...

      Elimina
  8. Non potrò mai capire fine in fondo cosa hai provato e stai provando... Posso solo dirti che ti sono vicina con il cuore <3 Ti voglio tanto bene L.

    RispondiElimina
  9. Purtroppo ho provato questa sensazione ... Ancora dopo quasi 4 anni fa male allo stesso modo cerco di non pensarci ... Ho un'altra cagnolina Holly che è la mia vita non oso immaginare come sarà stare senza di lei (

    RispondiElimina
  10. Credo sia impossibile giungere ad un momento in cui non ci si penserà più, ma confido nel fatto che arriverà il giorno in cui ripensando a lui sorriderò ricordando solo i bei momenti e non i suoi ultimi e dolorosi istanti di vita...
    hai comunque fatto bene a non chiudere il tuo cuore ad altri cagnolini! Infatti conto di farlo anche io tra qualche anno,.
    E se non te l'ho già detto, benvenuta su Doppio Geffer con ghiaccio :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

I PIU' LETTI