Don't call me, Alejandro, MaLio e Anna!


110. No, non è il mio voto di laurea (dato che mancano ancora alcune materie aventi un numero di CFU spropositati). 110 è il numero di numeri (lo so, è ridondante) telefonici che ho aggiunto all'elenco di chiamate da rifiutare automaticamente.
Translate, è il numero di call center che mi scombussolano i cabasisi un giorno sì e l'altro pure, con una media ponderata di CINQUE chiamate al giorno.
Numeri con il prefisso catanese, numeri con il prefisso romano, numeri addirittura ricollegabili ad un altro Stato, cioè il VATICANO!
Ma anche numeri di cellulare, numeri privati e compagnia cantando. Numeri e ancora numeri con annesse chiamate a tutte le ore, siano le sei del mattino o le due di notte.

Sì, lo so, esistono diversi modi per evitare queste rotture di scatole; il Registro delle opposizioni, applicazioni come "Dovrei Rispondere" e affini...di tutto di più. Orbene, e se vi dicessi che sia per la linea fissa che per la mobile ho scelto uno di questi metodi e che, dopo due giorni di calma apparente, torna tutto come prima, ci credereste? Sì, no, forse, chiedete l'aiuto da casa? Fate voi, ma intanto è tutto tremendamente vero. Anzi, vi dirò di più; non appena blocco il numero di un call center, nel giro di 3 secondi netti mi chiamano con un altro, oppure passano direttamente a gli sms tramite i quali mi invitano ad acquistare pannelli solari e quant'altro possano vendere.

Ma, dove voglio andare a parare? Beh, stanca di tutto ciò e ormai presa di "lìscia", ho deciso di contrattaccare, ovvero di rispondere. Sì, esatto: rispondere a questi odiosi call center.
Cosa ne è uscito fuori?

1° CHIAMATA-Vendita depuratori d'acqua
<<Pronto?>>
Operatore:<<Salve signola mi chiamo MaLio e chiamo pe' depulatole agua.>>
<<Ad osmosi inversa, fanghi attivi, filtri, membrane polimeriche, elettrolisi, carbone attivo o cosa?>>
O:<<EH?!>>
<<Dico, questo depuratore come funziona?>>
O:<<Ah, sistema essele alta tecnologia.>>
<<E ok, ma quale processo chimico fisico viene adoperato? Cioè, cosa di specifico viene eliminato? Agenti patogeni? Metalli pesanti, inquinanti in generale, durezza? Vi prego non ditemi che volete appiopparmi la storia dell'acqua alcalina perchè davvero, non ci casco.>>
O:<<Signola, io non....TU-TU-TU.>>
Toh, han chiuso loro.

2° CHIAMATA-Folletto
<<Pronto?>>
O:<<BuongiornosignoramichiamoAlessandroeletelefonoanomedellaWHFERINS, azienda che produce aspirapolveri di ultima generazione.>>
<<Bello il nome dell'azienda. Cosa vuole, di grazia?>>
O:<<Se ha cinque minuti vorrei parlare del nuovo A3000suca&lucida che....>>
<<Ha detto "3000"?>>
O:<<Sì, perchè? Conosce il prodotto?>>
<<Per niente, ma dato che siam ancora a gli albori del 2000 mi suona così strano...dica la verità; chiama dal futuro?>>
E niente, ha chiuso pure lui.

3°CHIAMATA-Contratti telefonici
<<Pronto?>>
O:<<Salve signora X?>>
<<Sono io, chi parla?>>
O:<<Buongiorno sono Anna da Teleciuciù. La chiamo in merito all'ultima bolletta associata al suo numero fisso.>>
<<Dica.>>
O:<<Vedo dai tabulati che lei spende tantissimo per le chiamate e per internet! Dunque vorrei proporle il nuovo contratto "Chiama&Chiava con la chiave di internet" grazie al quale avrà chiamate illimitate, internet super veloce e pure il "blocca post dei 50enni su Facebook". Le interessa?>>
<<Guardi, sembra molto interessante ma c'è un piccolo problema.>>
O:<<Cioè?>>
<<Vede, a mio nome non esiste alcun contratto per telefonia fissa. Anzi, mi domanda quale bolletta lei abbia in mano, qualora ne abbia davvero una.>>
O:<<Ma lei non è..?>>
<<Esatto: io non son fessa.>>
Questa ha chiuso bofonchiando un vaffanculo.

Ma la più bella è stata....

4° CHIAMATA-Non ho dato il tempo di dire a nome di chi chiamano
<<Pronto?>>
O:<<Salve sono Marcella...>>
<<Weeee, Marcè!!! Ciao azzia come va?!!?!? Come sta la mamma?? Ihhhh, è una vita che non chiami Marcè! Ma che hai cambiato numero!?!? Ora me lo segno così ogni domenica dopo la messa ti chiamo, bedda da zia tua!>>
O:<<Signora forse lei...>>
<<Ma come?! "Signora"!? Azzia, ma te lo ricordi quando da nica ti cacariasti tutta e io t'ho messa a mollo nella pila perchè ti dovevo lavare il culo?!>>
[Traduzione: nipote mia, ricordi quando da piccola hai avuto un attacco di dissenteria talmente potente da doverti pulire il sederino dentro la tinozza che anticamente veniva usata per lavare i panni?]
O:<<Signora, parliamoci chiaro: non le interessa quel che vorrei proporle, vero?>>
<<Gesù, e da cosa l'ha capito?>>
<<Dal fatto che si finge mia zia. Però non mi offendo, anzi, è la prima persona che quantomeno non chiude il telefono in faccia. Grazie per le risate, arrivederci!>>
<<Eh no, Marcè bedda da zia! "Arrivederci" no che non ne posso più delle chiamate dei call center!>>
O:<<Ci credo, ma che possiamo farci? O chiamiamo o andiam a elemosinare.>>
<<Lo so e mi dispiace.>>
O:<<Anche a me. Spero solo di beccare altre persone simpatiche come lei!>>
<<In bocca al lupo Marcella!>>
O:<<Anche a te.... "zia" !>>

Insomma, come si dice? Se non puoi combatterli, confondili!
Quel che è certo, però, è che pur facendo così le telefonate dei call center non smettono e forse non smetteranno mai, così come non finirà mai questo giogo dei centralinisti; per pochi euro al mese son costretti a romper le scatole da mane a sera prendendosi i peggiori insulti.
Ragazzi e ragazze con dei sogni, delle lauree e controlauree, con famiglie a carico e chi più ne ha ne metta. Ragazzi e ragazze soggetti a "contratti" e orari al limite dello schiavismo, quasi obbligati a dire grazie ai loro datori di lavoro.
Ecco, alla fin fine io non me la prendo con loro (specie se educati); me la prendo con chi manovra questo giro immenso noto come call center.
Se proprio volete appiopparmi qualche prodotto o contratto,voglio parlare con te che ci guadagni davvero. Voglio che sia tu a parlarmi del nuovo e mirabolante depuratore, aspirapolvere, impianto fotovoltaico e compagnia cantando.
Anche perchè questi poveri cristi che chiamano, spesso e sovente, non sanno nemmeno di cosa parlano, costretti come sono a leggere un copione scritto da chissà chi.
Vuoi vendermi qualcosa? Allora mettici la faccia o la voce.
Altrimenti giuro che troverò il tuo numero personale e ti telefonerò, ore pasti e non!
A' la guerre comme à la guerre!

Commenti

  1. Sai, quello del call-center è un mondo che conosco molto bene anche dall'interno...
    Io ho fatto molte volte lezione di sicurezza specifica nei corsi per addetti call-center e quindi conosco le dinamiche che ci sono dietro. I call-center sono il lavoro in miniera del XXI secolo. Per questo quando mi chiamano, cerco di essere educato. "Sì? Grazie, non mi interessa. La saluto." Tranne quando mi chiamano quelli che propongono trading o che millantano di conoscere la mia bolletta luce-gas. Lì divento cattivo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, è puro schiavismo! Come da gli esempi riportati, cerco di esser educata o, per lo meno, di non farmi fregare (l'esempio della bolletta a mio nome), ma spesso dopo 10 chiamate al giorno tra fisso e mobile ammetto di dare di matto! Non li offendo, ma o sparo cazzate paurose (tipo che c'è un funerale in corso, che son la colf ecc) oppure riaggancio direttamente e via.
      Ma ripeto, non me la prendo con gli operatori, me la prendo con chi c'è dietro!

      Elimina
    2. Sì, Marco ha ragione. Io devo dire che ho a che fare sostanzialmente con i venditori aggressivi. Al telefono di casa mando tutti a fanculo :D. Sul cellulare, come Doppio G., blocco tutti i numeri. Ma sono lontano dai 110...ahahah...

      Elimina
    3. Davvero sei sotto i 100 numeri bloccati? Ma allora che fanno, chiamano tutti a me?? Tra l'altro oggi, dopo aver scritto questo post, m'han chiamata di nuovo e adesso son a 111 numeri bloccati!| :D

      Elimina
  2. In effetti è una piaga vera e propria, che però rende vittime gli stessi scocciatori.
    Certo, ormai mi chiedo come fanno a credere che qualcuno ci caschi---
    Bella la telefonata con Marcella, almeno non si è sentita maltrattata.
    A me ultimamente mi chiama gente che avrebbe in mano l'ultima bolletta gas o luce dicendo che possono farmi risparmiare: il bello è che da noi tale servizio è sospeso da un anno circa, visto che siamo nel cratere sismico! XD

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pure io mi chiedo con quale criterio son ancora convinti che ci sia gente talmente scema da cascarci..anche se, talvolta, son così furbi e bravi da beccare il pollo idoneo!
      Bella la cosa della bolletta del gas e luce xD A dimostrazione del fatto che pur di vendere qualcosa si inventano la qualsiasi (come la presunta bolletta telefonica a mio nome)! Dei geni, proprio!

      Elimina
  3. Mi hai fatto letteralmente sbellicare dalle risate.
    Una volta lavoravo in un call center.
    Uh, errori di gioventù. In qualche modo dovevo pur guadagnare qualche spicciolo. Beh dai, prendevo 400 euro per un part time, nel 2008. Mica male, no?
    Comunque, io la pazienza di rispondere non ce l'ho, infatti accade solo quando chiamano con l'anonimo.
    Aneddoto: qualche mese fa ho intervistato l'associazione Cerchi d'acqua.
    Mi telefona, alle 13, col privato, la direttrice nazionale e mi fa:
    "Buongiorno Claudia, sono Stefania di Cerchi d'acqua".
    Ed io: "Senta, non mi interessano i suoi depuratori. Addio!".
    Che figura. Ancora ci ripenso con imbarazzo, ma per fortuna Stefania capì che non dovrebbe telefonare a quell'ora. A maggior ragione senza mostrare il suo numero. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nel 2008 400 euro per un partime non eran male, ma non credo che adesso paghino altrettanto :/ Anche se non ho modo di scoprirlo perchè non conosco nessuno che ci lavori.
      Detto ciò....santo cielo, che figura xD Un po' però ti comprendo dai, anche io avrei risposto in quel modo (o non avrei risposto e basta)! Pensa che di recente una mia collega ha cambiato numero di cellulare e ha telefonato a tutti (usando questo nuovo numero) proprio per avvertirci: ebbene non solo non le ho risposto, ma ho bloccato il suo numero in automatico xD La poverina ha dovuto contattarmi tramite social per dirmi che quel numero sconosciuto era lei :D
      Non si può andare avanti così!

      Elimina
    2. Ahahah
      Povera collega.
      No vabbè, io agli anonimi rispondo sempre. Anche se giovane e folle, sono una mamma, e considera che le scuole telefonano sempre col privato, i medici, le forze dell'ordine..
      Giusto per essere ottimisti.
      Ahah
      Cmq colgo l'occasione per invitarti a passare da me domani mattina.
      C'è un tag per te. 😉

      Elimina
    3. Mamma mia anche le scuole usano il privato?! Ma se pubbliche, non dovrebbero render pubblico il numero? o.O
      Un tag? Che bello ^_^ Ok, domani mattina passerò :)

      Elimina
  4. Spero di avere il tuo numero un giorno così da fingermi centralinista XD A parte gli scherzi, devo dire che da me hanno smesso con le chiamate assillanti, seppur sul cellulare di mio padre per una settimana di fila la Vodafone ha chiamato TUTTI i giorni. Per un po' ho cercato di spiegare educatamente (in genere non li tratto male perché appunto è un lavoro che fanno anche dei miei amici e conosco lo schiavismo della cosa) che il cellulare di mio padre non può nemmeno connettersi ad internet tanto è datato. Ma loro hanno insistito. La cosa comica è che ho scritto alla vodafone tramite twitter e mi hanno chiamato scusandosi e dicendomi di...bloccare il numero D: Cioè voi non avete controllo sui vostri dipendenti!?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non te lo darò mai il mio numero, se queste son le premesse : D :D
      Comunque da quel che ho capito, la Vodafone et similia si agganciano a delle agenzie di call center per le pubblicità e promozioni da proporre e solo quando il cliente accetta, viene indirizzato a gli operatori veri e propri.
      Tradotto, dallo stesso centralino (quindi stesso numero, cosa che ho verificato con un sito internet) possono chiamarti per pubblicizzare la Vodafone, la Tim e pure i depuratori acqua!

      Elimina
    2. Sicuramente è così, proprio perché molti dei miei amici non lavorano per la società direttamente, ma per una società che appunto ha i call center, però penso che la politica di ricerca del cliente venga stabilita dall'azienda principale, che comunica ad esempio quale prodotto vendere. Io non credo dicano cosa vendere ma non come, anche solo in modo indicativo.

      Elimina
    3. Mah, chissà che storia contorta c'è dietro! L'unica cosa sicura è che non ne posso più di ricevere anche 5 chiamate al giorno!

      Elimina
  5. Quante belle idee per congedare i carissimi call center che mi hai dato! XD Sono fastidiosissimi e, per carità, anche io non ce l'ho con loro, però ciò che mi manda in bestia è che per promuovere prodotti ti trovano anche se ti trasferisci dall'altra parte del mondo, mentre se sei tu a chiamare un'azienda per chiedere delle informazioni è necessario ingaggiare un detective privato. È assurdo, e paradossale che non rispondano mai! Per non parlare della disinformazione di quando rispondono. Ti dico solo che una volta alla richiesta di volere il contratto del solo internet senza la parte telefonica (prevista dalla loro offerta peraltro) la signorina mi ha risposto: "tenga il piano tariffario che ha e nasconda il telefono!".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un genio la signorina xD Comunque è vero, quando siam noi a voler parlare con un centralino è un'odissea! Anche se credo che gli operatori ai quali chiamiamo non siano gli stessi dei call center che ci bombardano notte e giorno con le telefonate, in quanto ditte esterne...chissà che giro c'è dietro!

      Elimina
  6. Morta dal ridere per la storia della "zia", geniale! :) per il resto, come darti torto? Se vuoi vendere un prodotto, devi essere tu il primo a crederci e ad avere dipendenti che credono in esso, questi call center sfruttano solo giovani che hanno bisogno di lavorare e non conferiscono alcuna importanza al prodotto, anzi lo fanno odiare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. EHheh la tecnica della "zia" è una delle tante che, nel corso degli anni, ho sviluppato! Per un periodo, quando chiamavano a casa, facevo creder loro che stessi per traslocare, che fossi la colf e addirittura che ci fosse una veglia funebre in atto e che quindi non fosse il caso di portare avanti la discussione :D
      Comunque quoto quello che dici; se vuoi appiopparmi il tuo meraviglioso prodotto, devi parlarmene tu o qualcuno che sappia cosa ha tra le mani, non dei poveri ragazzi costretti a ripetere a pappagallo un testo che è stato loro imposto e che, nel caso in cui il cliente voglia saperne di più, passano pure per scemi perchè non conoscono i dettagli dell'offerta e roba così...Non capisco come possano pensare ancora oggi di vendere qualcosa facendo così!

      Elimina

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

I PIU' LETTI