[TAG] Very Pop-BLOG- Le mie estati del passato




Ah, l'estate. Il sole, il caldo, il mare, le zanzare, l'odore della protezione solare, le interminabili insalate di riso, l'anguria, le serate a fare tardi con una chitarra e qualche gelato, gli amici del Lido, il Festival Bar, le partite dei Mondiali/Europei...e mo'? E mo' c'han levato il Festival Bar e l'Italia quest'anno non si è qualificata. Potrà essere una estate come quelle del passato? Già, l'estati del passato....ed è proprio di questo che parlerò in questo tag-post, creato da MikiMoz e "passatomi" da Claudia Turchiarulo del blog Chi scrive non muore mai.
Solo che, a differenza di Claudia (che ringrazio tantissimo), rimarrò un po' fedele al tag originale, elencando tutto ciò che rappresentava le mie estati passate. E perchè no, lì dove è possibile aggiungerò qualcosina in più. In cosa consiste il tag?
1-Elencare tutto ciò che è stato un simbolo delle nostre estati da bambini, in base ai vari macroargomenti forniti
2-Avvisare dell'eventuale post realizzato
3- Taggare altri cinque bloggers, avvisandoli.

Pronti? Partenza via!!!

GIOCO IN CORTILE: durante le afose estati siciliane, i miei giochi in cortile eran tutti a base di acqua: gavettoni, super liquidator, piscinetta gonfiabile, annaffiare i fiori del giardino di nonna...dove c'era acqua, c'ero io. E dove c'ero io c'era mia madre (o mia nonna) pronte ad urlare <<Disgraziata!!!! Stai rovinando il vestitino nuovo!>>

GIOCO IN SPIAGGIA: ad esser sincera, fino ai miei 10 anni non andavo molto spesso a mare giacchè mia madre lo odiava (e odia tutt'ora) mentre mio padre era sempre impegnato con il lavoro. Conseguentemente, quelle poche volte in cui riuscivo ad andarci, scavavo grosse buche per riempirle con l'acqua del mare tramite secchiello, dato che le spiagge della mia zona non presentano la classica sabbia stile mar dei Caraibi (quelle da castelli di sabbia), ma le più note "cocule" (immagine in alto a destra). Dopo i dieci anni però, con l'affitto dell'ombrellone in un lido, i miei giochi da spiaggia furono le partite con i racchettoni, il beach volley e il ping pong.


FUMETTO:Dal classico Topolino al Minnie&co, passando per Paperino, Grandi Classici e compagnia cantando. Fumetti letti rigorosamente sotto l'ombrellone nell'attesa che il costume si asciugasse o in casa al fresco, nell'attesa che l'ora più calda passasse.

CIBO: Credo di esser l'unica persone che, durante l'estate, metta su peso. Tra anguria, ciliegie, pesche, albicocche, insalate di riso, parmigiana di nonna, caponatina, granita con brioche, gelati, pizzette, pane condito e compagnia bella, mangio a più non posso. Anche se, per me, l'estate voleva dire sempre e solo una cosa: le pannocchie arrostite!!!


CANZONE: Al di là di tutti i tormentoni estivi che di anno in anno entravano nella testa per non uscire più, le mie estati passate eran piene di grandi classici cantati (male) durante le strimpellate con gli amici di famiglia. Anche se, effettivamente, una canzone tra tutte c'è, ma è una canzone "sporca" e per il bene del mio pubblico non la dirò. In più è totalmente in siciliano e non ne conosco l'autore, quindi non saprei nemmeno come farvela sentire!


LIBRO: Leggevo tantissimo. Dai libri del Battello a Vapore, passando per la letteratura classica per ragazzi (Piccole Donne, L'Isola del tesoro,ecc...). 

FILM: le sere d'estate eran piene di VHS noleggiate nel negozietto del paese. Dalla Famiglia Addams, passando per Indiana Jones, Star Wars e...cartoni Disney! 


LUOGO: Fino ai dieci anni, i luoghi eran due; il giardino dei nonni materni dove, con i cuginetti venuti dal Nord, giocavamo sullo scivolo o dentro la piscinetta gonfiabile, e la campagna dei miei nonni paterni, che giravo in lungo e largo alla ricerca di fiori strani, animali curiosi e frutti di stagione come i gelsi. Superati invece i dieci anni, il luogo altri non era che il Lido con tutte le sue sfaccettature.

VIDEOGAME: questa è tosta dato che da piccola non avevo molti videogiochi, salvo il vecchio Nintendo NES con due sole cassette (una più brutta dell'altra). 

GIOCO DA TAVOLO: il classico Monopoli e il forse meno noto gioco di Piccolo Brividi. Anche se, per lo più, i "giochi da tavolo" che facevamo eran le interminabili partite a scopa, briscola e "tivitti" (non so il nome in italiano).

GIOCATTOLO: SuperLiquidator forever and ever! Ma anche la mia amata Barbie che, giustamente, viveva in quei giorni le sue meritate (ma di cosa, che non lavora mai?!) vacanze nella sua immensa piscina, ovvero la vasca da bagno di casa.


TELEVISIONE: la televisione veniva accesa poco e niente, salvo per tre motivi: il Festival Bar, Giochi Senza Frontiere e le partite dell'Italia. Gli ultimi due citati, venivan guardati rigorosamente in compagnia dei cuginetti  o degli amichetti, magari comodamente sdraiati sul lettone dei genitori (miei o loro) o seduti a terra in terrazza.

LIFE: ad esser sincera non mi son mai mossa dalla Sicilia. Tra l'avere la spiaggia a pochi passi, la campagna di nonna a pochi chilometri e tanti amici di famiglia con altrettante case di campagne/case a mare sparse qua e là, giravamo tutto l'hinterland catanese. Al massimo, ma proprio al massimo, ci spostavamo per qualche gita ad Agrigento, Siracusa, Palermo, Messina....altrimenti si andava la ParcoZoo vicino casa.


FOTO DI UN'ESTATE PASSATA: sebbene voglia continuare a mantenere quel poco di anonimato che mi rimane, ho una foto da mostrare. Una foto intensa, poetica, nostalgica e, soprattutto, dove non mi si vede in faccia. Sì, stavo "leggendo" Kafka alla tenera età di sette o otto anni. Perchè? Perchè m'aveva incuriosita l'immagine che vedete in copertina! Ci capì qualcosa? No, ovvio!

In fine, a differenza di Moz e di tutti gli altri blogger che han ricevuto questo tag, aggiungo...

FESTE: le mie estati passate non eran caratterizzate dalla notte di S.Lorenzo o Ferragosto (queste han fatto parte più che altro delle mie estati da adolescente), ma da tre altre "feste"; la prima 
 cade a fine giugno ed è la festa del patrono della città vicina alla mia e che, secondo usanze locali, sancisce davvero l'inizio dell'estate e dei primi bagni. Amavo tantissimo andarci non tanto per le bancarelle o per le giostre, quanto perchè significava passare un'intera giornata con la mia migliore amica di un tempo.
L'altra festa è niente di meno che il mio compleanno, nel pieno di Luglio con una ritualità specifica: sveglia presto, granita con brioche, mare, pranzo dai nonni con la prima torta, pomeriggio di shopping per comprare tutte le cose utili per la festa e, in fine, la festa in sè. Con la tavola calda e i panini al latte farciti con maionese e salumi. Le patatine, i pop corn, la seconda torta della giornata (che non mangiavo mai perchè la panna non mi piace). Ma, soprattutto, i miei compleanni volevan dire avere la casa piena di amichetti. E regali, ovviamente.
In fine, l'ultima è un'altra festa patronale che cade a fine Agosto. Questa si svolge nel piccolo paesino alle pendici dell'Etna dove i miei nonni paterni avevano la campagna e, proprio in prossimità della stessa, tutta la famiglia si trasferiva lì.
Ecco, con il senno del poi questa era la festa più bella; la sveglia presto con l'odore dell'erba ancora bagnata dalla brina della notte, il caffellatte che nonna mi dava contro il volere di mamma, nonna che tagliava le patate per friggerle prima di pranzo, le pennichelle sull'amaca sotto gli ulivi vicino casa...e in fine la processione (durava venti minuti, tanto è piccolo questo paesino!), le urla dei fedeli con quel siciliano così arcaico e cadenzato, la salita verso la piazzetta dove c'eran le bancarelle e i cantastorie, nonna che sembrava più bambina di me nel vedere tutte quelle caramelle e quella bigiotteria esposta, io che non mollavo la sua mano per nulla al mondo perchè sapevo che qualsiasi cosa comprasse l'avrei mangiata/indossata alla prima occasione utile...
e, dulcis in fundo, i fuochi d'artificio da guardare sdraiati sul prato una volta tornati nella nostra campagna. Una campagna avvolta dal buio (l'illuminazione stradale era scarna e noi stessi, in quell'occasione, spegnevamo le luci esterne) che di colpo si colorava di azzurro, rosso, giallo e verde grazie a quei giochi pirotecnici.

Bene, e dopo questo tuffo nel passato, tocca nominare qualcuno! I ragazzi che dovranno abbandonare la cas...emh, i blogger che nomino sono:

-Pier
-Sofàsophia Blog di Sofàsophia
-Marco Lazzara di Arcani
-Cri di E' la Cri, cazzo!
-Lola di (Non) sono come tu mi vuoi

A voi la patata bollente!

Commenti

  1. Ehiiii, ma non mi hai avvisata.
    Credevo avessi ignorato la mia nomination, perché delusa dal fatto che non provenisse da Riky o da Moz.
    Ahaha
    Cmq mi hai ricordato il Festivalbar!!!
    Mamma mia quante notti insonni trascorse a guardarlo, cantando in salotto mentre i miei dormivano dall'altro lato della casa.
    Poi, col tuo gioco mi hai ricordato i libricini di Piccoli Brividi. Ecco, credo di averli letti tutti.
    Adoravo e adoro gli "horror".
    Vabbè dai, ti perdono. Sono cmq felice di averti nominata e di aver scoperto tutti questi lati di te. Anche se il visino dietro Kafka potevi mostrarcelo.. 😜😜
    Buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco cosa avevo dimenticato! Di avvisarti xD Chiedo venia ma se non l'ho fatto non è perchè "offesa" dal mancato tag di Moz e Riky, ma perchè son nata con la testa tra le nuvole :D Infatti ti ho citata sia qui che nel post sulla mia pagina Fb :)
      Comunque ammetto di non aver letto molto di Piccoli Brividi, ma ricordo che c'erano i "film" e qualcuno l'ho guardato anche se non sono una grande amante dell'horror... :S
      Ehhh no, mi dispiace ma fino a quando m'è possibile cerco di non mostrare il mio viso dato che ho già subito "minacce" da persone che conosco in merito a quello che scrivo o non scrivo nel blog, manco fossi Grillo che sfancula tutti! o.O

      Elimina
    2. Ma quanto diavolo odio quegli esaltati dei leoni da tastiera/stalker.
      Da me non ne bazzica mai nessuno. Sapranno che sono pericolosa?
      Ahah
      Comunque tranquilla, come vedi ti seguo anche se non passi da me.. 😉
      Era solo una battuta.

      Elimina
    3. Di esaltati ne è pieno il mondo..e da quando c'è internet pare si siano moltiplicati o.O Comunque ero passata e avevo commentato il post sui Queen o.O Non è apparso??

      Elimina
  2. Grazie per aver continuato... e grazie anche per le aggiunte :)
    Oh, ma mi chiedo come si faccia ad andare sulla spiaggia a ciottoli: non puoi fare castelli, piste, non puoi cadere, non puoi giocare ahahah!
    Le vhs anche io... specie con gli amici, di pomeriggio (prima di uscire!)
    La canzone sconcia qual è???? XD
    Foto kafkiana :)

    Moz-

    RispondiElimina
  3. Mah, a parte castelli e piste il resto si può fare benissimo! Soprattutto dopo la 4° o 5° volta che ci si va, perchè la pianta del piede si è già abituata al terreno (i primi giorni il dolore è ASSURDO). Però sempre meglio di altre zone qui vicine dove invece ci son direttamente gli scogli!!!!
    La canzone sconcia è in siciliano quindi non credo che tu la conosca, e non ne conosco io stessa titolo e autore come già dtto nel post :D Ho anche provato a trascrivere il testo su Google ma non appare nulla, il che mi fa pensare che sia opera di qualche amico dei miei e per tal motivo nota solo a pochi :D

    RispondiElimina
  4. Ti ringrazio del tag, ma come ti avevo scritto da me, non ho molti ricordi dell'infanzia, specie poi d'estate che ho sempre odiato! Ho più ricordi mischiati all'adolescenza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, possibile che non ricordi nulla nulla? Eventualmente parla delle tue estati da adolescente, altrimenti fa niente :P

      Elimina
    2. Idem. Ti ringrazio di aver pensato a me, ma non saprei proprio cosa scrivere, specie se relativo all'infanzia. Anche perché delle quattro stagioni l'estate è quella che mi piace di meno.

      Elimina
    3. Niente, non c'ho azzeccato con le nomination! Ma perchè non vi piace l'estate? E' brutta solo quando si devono preparare esami, suvvia!

      Elimina
    4. Non mi ricordo più dove l'ho scritto, credo propri da Moz, che non saprei proprio che rispondere a diverse categorie come televisione, libro, film, videogioco, fumetto, gioco da tavolo e un po' anche alle altre :D Davvero non ho ricordi di queste cose. L'estate non mi è mai piaciuta perché non ho mai amato il caldo, e sinceramente quel quasi costringere alla socializzazione perché così si fa che a me non piace :)

      Elimina
    5. E vaaaa beeeeeeneeee, io non insisto più ma non posso dire lo stesso per Moz :D

      Elimina
  5. Una bella partita a Monopoli tra blogger sarebbe gustosa :).

    Non però una battaglia a Superliquidator: io lo usavo in modo non canonico, senza sparare ad altri (ed essere sparato :D).

    Preferisco decisamente la spiaggia con la sabbia, non solo perché è stata determinante per i giochi di gioventù!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per la partita a monopoli ok....ma il superliquidator in versione non canonica no dai!! Allora dov'è il bello?!

      Elimina
  6. Arghhhhh puoi perdonarmi? Non avevo capito che fosse questo il tag! L'ho già fatto perché il buon Miki mi aveva estratta nel suo post però grazie comunque per il pensiero!
    Comunque prima o poi devi scucirci il nome di sta canzone. Hai azzato la scimietta curiosa che è in me! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquilla, alla fin fine hai una doppia scusa per fare questo tag, se vuoi :D
      Comunque davvero, ho cercto su internet inserendo le parole della canzone, le ho pure tradotte in italiano ma niente di niente; nè autore nè un video!
      Rimarrà un segreto per sempre, un segreto che pochi "eletti" conoscono :D

      Elimina
  7. granita con brioche, mi hai fatto venire una voglia! *.* Comunque qui vorremmo i sapere la canzone sconcia! :P Io mi ricordo una canzone che mettevano sempre quando ero giù "La zitella" tipo si chiamava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma davvero, non conosco l'autore della canzone sconcia :D :D E non ho trovato nulla online, quindi non so come aiutarvi se non cantandola, ma ho troppo rispetto per le vostre orecchie!
      La canzone "zitella" non la conosco, a meno che non sia quella che fa "si maritau Rosa, Sarina e Pippinedda, ma iu ca sugnu bedda mi vogghiu marità!"

      Elimina
  8. Ooooh ma quanti ricordi mi hai risvegliato!!!
    Ma quanto cavolo era divertente giochi senza frontiera? Ancora non mi da pace l'idea che non lo facciano più (fino a pochi anni fa facevano Takeshi's Castle, un po' assomigliava ma non era lo stesso)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Daiii, non confondiamo Takeshi's Castle con giochi senza frontiere! E' bello anche Takeschi, ma non potrà mai esser come GSF :( :(
      Anche se, con le teste che abbiam adesso (italiani, tedeschi ecc) diverrebbe molto più violento rispetto 20 anni fa!

      Elimina
  9. Ciao Doppio Geffer!!! Ti devo delle grandissime scuse! Innanzitutto ho letto il tuo commento sul mio blog una settimana fa più o meno e, mea culpa, sono stata poco per il web in questo periodo, durante la sessione estiva giro poco per i blog. E' davvero un bel tag, in fondo nel cuore anche io ho bei ricordi legati a qualche estate da piccolina anche se in questo momento sono un po' confusi, però temo di non sentirmela di partecipare (anche se ormai te ne sarai dimenticata giustamente xD) ^^ conto forse di riprendere a scrivere qualche scemenzata delle mie sul blog ma niente di serio! xD però vi seguo da lontano ed è sempre divertenti leggervi ;-) besos

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lola! Tranquilla, alla fin fine non si è obbligati a partecipare :D Aspetterò i tuoi nuovi post e che la botta di culo sia con te in questa sessione d'esami!!! :*

      Elimina

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

I PIU' LETTI