Manuale di sopravvivenza: Come riconoscere un caso umano.

In questi giorni ho avuto modo di conoscere la simpatica Ros, autrice di "Proprio come Bridget Jones" (non la conoscete? Cliccate QUI). Chatta qui e chatta là, abbiamo scoperto di avere in comune una cosa che, in realtà, tocca tutte noi donne (e talvolta pure gli uomini) di buona volontà: la calamita per i casi umani. Chi li becca come partner, chi come amici/amiche e chi come colleghi/colleghe di lavoro, i casi umani ci circondano. Purtuttavia, benchè ne esistano diversi generi, classi, famiglie, phylum e qualsiasi altro termine venga usato per le classificazioni zoologiche, riconoscerli non è facilissimo. Anche perchè, al primo incontro, sembrano persone normali. I primi giorni, però. Infatti, pian pianino, escono il loro vero essere, rendendoci la vita un inferno.
Dunque, dall'alto della mia veneranda età e dopo diversi casi umani tra ex, amiche e colleghi, mi pare doveroso stilare un piccolo manuale di difesa per chi, ignara e pura come una Candy Candy qualsiasi, si imbatte in persone del genere.

Caso n°1) Mammina dipendente: è molto affezionato/a a sua madre sebbene più che un genitore sembri l'estensione del suo cervello, se non il cervello stesso. Infatti non manca mai un "mamma mi ha detto/consigliato" buttato qua e là. All'inizio, benchè oggettivamente inquietante, la cosa può comunque apparire molto dolce in quanto vuole bene a colei che l'ha tenuto sul groppone per nove mesi. Ma, ovviamente, la cosa tende sempre a degenerare. E così, dal parlare sempre della mamma si passa al raccontarle tutto. Di te, ovviamente. Sa se hai il ciclo regolare, che gruppo sanguigno hai, a cosa sei allergica e quanti nei hai sul corpo. Sa cose che nemmeno TUA madre sa. Qualora tu chieda di non raccontare la tua vita privata a sua madre, correrà da lei per chiederle consiglio descrivendoti come il mostro che vuole separarli.
[Soluzione: gioca la stessa carta dicendo "mia mamma non vuole che ci frequentiamo"]

Caso n°2) La Plastilina: si sa che la plastilina non ha una forma a meno che non venga modellata. Questa "plastilina" però ha la capacità di automodellarsi a immagine e somiglianza di chi frequenta. Facciamo un esempio: compri una camicia di jeans? La compra anche lui/lei. Fai il piercing al sopracciglio? Lo fa anche lui/lei. Ti piace la musica discotechno scandinava? Ne diventa di colpo grande estimatore. Cambi colore di capelli e taglio, inizi a parlare con un accento diverso, giri per la città con le chiappe al vento? Lo farà anche lui/lei riuscendo addirittura ad anticipare le tue prossime mosse. Talune, specie se amiche, arrivano anche a provarci con il tuo uomo in modo da essere al 100% te.
[Soluzione: fingi di volerti tatuare qualcosa sulla faccia, tipo la frase "sono una cretina". Se non lo è fino a questo punto, smetterà di rompere]

Caso n°3) La Burattinaia: antitesi del n°2, la burattinaia vuole controllare tutto. Vuole controllare le tue amicizie, le tue azioni, i tuoi orari e le tue giornate. Vuole controllare ogni più piccolo aspetto della tua vita, detto chiaro e tondo. Dal vestiario ai gusti musicali, passando per i libri, i film, il pensiero politico e pure le scelte universitarie. Nei casi più estremi vuole gestire anche il tuo ritmo cardiaco e i respiri, il portafoglio e la regolarità intestinale. E se per ipotesi ti ribelli, è pronta a scatenare ire funeste che in confronto Achille sembrava Gandhi.
[Soluzione: fai tutto l'opposto di quello che impone. Dovrai sopportare un poco di isterismi, ma alla fine cercherà un altro burattino pronto a farsi comandare e ti lascerà in pace]

Caso n°4) La Bandiera: prima ti odiava a morte perchè la sua vecchia comitiva/fiamma ti odiava. Adesso però è diventata la tua spalla destra, sempre pronta a difenderti e a darti man forte in qualsiasi occasione. Ti racconta tutte le cattiverie che son state dette su di te (talvolta esasperandole o inventandole di sana pianta), ti svela tutti i segreti dei tuoi peggiori nemici, ti spinge alla vendetta più truce e....e poi, al minimo screzio, ritorna dall'altro lato del fronte. Da confidente a nemico giurato. Un poco come i Leghisti con il Movimento 5 Stelle.
[Soluzione: evitala come la peste anche quando sembra realmente dispiaciuta per tutte le cattiverie che ha detto. In fondo se le ha dette le ha pensate!]

Caso n°5) La Lagna Del Rey: fuori splende il sole? "Eh, ma tanto poi piove". Hai vinto alla lotteria? "Prima o poi i soldi finiscono o ti entrano i ladri in casa". Hai un lieve mal di testa? "E io,allora?! Io sì che sto male!".
La Lagna si lagna. Sempre. Di qualsiasi cosa, di chiunque e per qualsiasi motivo. Ovviamente lo fa con te, che come una scema le hai concesso udienza. Così, giorno dopo giorno, non c'è minuto in cui tu non debba subire un lungo e deprimente monologo su quanto schifo faccia la sua vita, su quanto sia triste e sola ecc ecc. Anche se, nel frattempo, ha vinto un premio Nobel, è stata/o eletta/o Miss/Mister Mondo e ha trovato un tesoro sepolto nel suo giardino.
[Soluzione: rincara la dose e lagnati più di lei/lui. Così forse capirà quanto sia pesante.]

Caso n°6) L'Analfabeta funzionale: crede che gli articoli di Lercio siano veri, che acqua, limone e bicarbonato curino qualsiasi malattia, che la Boldrini abbia 200 fratelli e sorelle che lavorano al Parlamento percependo uno stipendio superiore a gli stessi politici e che gli immicrati11!! vengano per conquistarci. E' antivax, terrapiattista, combattente che veste alla marinara contro le lobby e le multinazionali. E fa di tutto perchè anche tu ci creda, ammorbandoti giorno e notte con le teorie più assurde, come il fatto che i vulcani eruttino solo d'estate perchè d'inverno c'è la neve che raffredda la lava.
[Soluzione: STUDIA, perchè la conoscenza è l'unica difesa.]

Caso n°7) La Santa Infoiata: questa tipologia si presenta di più tra le donne. Convinta per retaggio culturale/religioso che il sesso sia il male assoluto salvo post matrimonio, vive in realtà in funzione di esso. Almeno teorico. Ha letto tutti i romanzi porno soft esistenti al mondo, conosce tutte le posizioni del Kamasutra, le marche di preservativi esistenti e pure i diametri dei falli in vendita nel sexyshop più vicino ma....non lo fa. Però ne parla e ne vuole parlare, in un misto di disgusto e curiosità. Ne parla con te, con gli amici, con chiunque. Ma, dato il fatto che è carente nell'atto pratico (e quindi manca di esempi personali), spesso sopperisce a questa lacuna parlando della tua vita sessuale con chiunque capiti a tiro. Se si tratta del partner, invece, te ne parlerà ma non te la darà MAI, nemmeno sotto tortura. La tua tortura.
[Soluzione: Chiudila in una stanza e falle vedere il loop "Nymphomaniac", circondata da sexytoys] 

Caso n°8) L'anticonformista saccente: ha degli hobby e dei gusti fuori dagli schemi. Alleva alligatori nani, fa Bungee Jumping con l'elastico delle mutande, colleziona ossa umane e peli del naso, guarda solo film Polacchi con sottotitoli in Curdo e quant'altro. Ovviamente pretende che anche tu ti elevi al suo livello culturale, trascinandoti in cineforum di quarto ordine o a convegni di emeriti sconosciuti (ai più).
Però, qualora tu voglia fare qualcosa di normale, come guardare un film comico o visitare un museo, lui/lei si dilungherà in una catilinaria contro il conformismo, trasformandosi in un ibrido tra Sgarbi e Maurizio Corona, con una punta di Philippe Daverio. Una catilinaria di due ore e mezza senza pause per la pipì, dalla quale uscirai come la più ignorante del mondo.
[Soluzione: invitalo a casa e fagli vedere tutti i film di Boldi e De Sica dal 1990 ad oggi]

Caso n°9) Social Addicted: è iscritto a qualsiasi social network esistente e li usa tutti contemporaneamente, dal momento in cui si sveglia a pochi secondi prima di addormentarsi. Tra un post e una foto, ovviamente, vuole mostrare al mondo quanto figa sia la sua vita, piena di amori, amicizie, lusso e divertimento. Peccato che, in realtà, quando si trova in mezzo alla gente in carne ed ossa non sappia minimamente comunicare (ed è pure spilorcio). In più, dato che deve aggiornare i suoi followers minuto per minuto, tende pubblicare ogni cosa gli accada, costringendoti a selfie non richiesti quando magari sei struccata o piegata in due sul wc post sbornia. Tanto a lui/lei non interessa della pubblica gogna a cui ti sta condannando; l'importante è che in foto sia #wonderful.
[Soluzione: portalo in un posto dove non prende internet e lascialo lì per una settimana.]

Caso n° 10) Amore&Broru i ciciri: ovvero "amore e brodo di ceci". Questa tipologia di CU apparentemente è un "Orsetto del Cuore"; chiama tutti con nomignoli zuccherati, ha sempre quell'espressione da anima candida e promette amore eterno dispensando abbracci e coccole. Su carta (o social) sarebbe disposto a strapparsi un rene a mani nude per dartelo, ma dal vivo non ti darebbe nemmeno una caramella contro il mal di gola. Infatti, qualora tu gli chieda un favore, un poco di sostegno o anche solo un fazzoletto per soffiarti il naso, la risposta sarà sempre e solo una: NO.
Nell'eventualità però in cui sia tu, per un motivo o per un altro, a rifiutarti di fare quello che ti chiede, inveirà contro di te, contro la tua famiglia fino alla settima generazione e contro chiunque abbia a che fare con te, compresa la cassiera del supermercato contro casa. E riuscirà pure a fatti sentire una merda.
[Soluzione: al primo "gioiatesorocuorebattito" mettete subito dei paletti. Magari nel suo cuore come per i vampiri. ]

Insomma, di casi umani ce ne sono a bizzeffe; il fissato con lo sport, la fidanzata trofeo, il "lupo da branco" e tanti, tanti altri.
Riconoscerli subito in ogni loro sfumatura è difficile, ma è ancora più difficile capire a priori chi possa davvero essere un caso umano DOC. Può esserlo il nostro futuro partner, il nostro migliore amico, nostra cugina, la nostra vicina.
E anche noi, ovviamente.


Commenti

  1. È sempre un piacere leggerti, anche se il caso numero 1 è quello che va per la maggiore tra gli uomini.
    Infatti, dico sempre che, nella prossima vita, mi sposerò soltanto se incontrerò un orfano di madre e padre, senza fratelli e nè sorelle.
    Insomma, unico al mondo. Tanti amici, ma zero parenti. Ahahah
    P.S. Proprio oggi ho recensito il libro "Casi Umani" della Lucarelli, che parla della stessa cosa, ma descrive esprienze autobiografiche.
    Passa a dargli uno sguardo, magari.
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì è vero, il primo caso è più maschile anche se ti posso assicurare che ho avuto "amiche" molto mammone (ma della serie che la madre usciva con noi a prender l'aperitivo!).
      Ho visto il tuo post, dopo pranzo passo a leggerlo anche se non ho letto il libro della Lucarelli :)

      Elimina
  2. Ma ci credi che giusto due giorni fa ne parlavo con un'amica? Sembra che io e lei gira che ti rigira, attiriamo solo madornali casi umani. Devo passarle questo post XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ormai ho formulato una teoria scientifica: emaniamo un qualche feromone che li attira come le mosche con il miele! Perchè davvero, non c'è altra spiegazione :D Comunque prego, fai pure! Diffondi il verbo di Geffer xD

      Elimina
  3. Dunque:

    1) per quanto sia legatissimo a mia mamma, non sono tipo da scendere molto nei dettagli in caso di rapporto sentimentale che mi riguarda :D;
    2) non ho mai avuto spirito di emulazione, se non da bambino (cioè, vedevo il tal giocattolo e lo volevo anche io o lo avrei voluto);
    3) non sarò mai uno che impone cose, anzi..;
    4) bella la metafora finale, ahahah, ma dire che anche questo profilo non mi appartiene;
    5) qua sono un po' a rischio per il tempo :D;
    6) posso dire con certezza, fortunatamente, di non appartenere a questa categoria;
    7) ho conosciuto in passato qualche esponente femminile di questa categoria :D;
    8) niente, neanche questa!;
    9) passiamo tranquillamente al punto successivo;
    10) ogni tanto ho sprazzo di romanticismo, ma non appartengo neanche a questa categoria.

    Fiu'

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mmhhh questo però non vuol dire che tu non possa rientrare tra i casi umani, eh :D Magari esiste la categoria "Nerd" e credo che tu, nel tuo piccolo possa rientrarci! Però, alla fin fine, siam tutti dei casi umani (chi più e chi meno, è ovvio..)

      Elimina
  4. Ma come, anche noi potremmo essere dei casi umani ? Ma se siamo così perfette... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so, ma non volevo scoraggiare gli altri lettori xD xD

      Elimina
  5. Io ne ho beccati almeno 8 su 10 dei tuoi casi umani... ho vinto qualche premio? :P
    ps comunque giusto per "avvisare", ho adottato la tecnica da te suggerita con la mia Lagna del Rey... non ha funzionato, aveva sempre qualcosa di più "tragico" da aggiungere... alla fine sono arrivata al "vaffa" :D besos

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ASHahshS mi dispiace ma non si vince nulla! Tranne l'esperienza che può esser utile per evitarne altri :P
      Comunque con le lagna del rey ci vuole costanza e anche un pizzico di fantasia inventando sofferenze talmente assurde e tragiche da non farla parlare per almeno mezz'ora :D Ti consiglio di riprovarci e se non funziona....doppio vaffa :D

      Elimina
  6. Direi che è un manuale molto ma molto utile, specialmente per chi prende ora confidenza con i casi umani e giustamente non lo sa. Per mia fortuna, dopo tante esperienze con quasi tutte le tipologie di CU da te citati, credo di essermi definitivamente salvato... credo!
    Tuttavia, essi si nascondono sempre dietro l'angolo e non aspettano altro che invadere la tua vita per riempirla di ansie!
    Niente, meriti un "segui"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, si nascondono nei punti più impensabili e qui si moltiplicano ed evolvono per riempirci di ansie, paranoie e "ma chi me l'ha fatto fare?!" :D :D
      Ti ringrazio per il segui e Welcome to Doppio Geffer con ghiaccio :D

      Elimina

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...